giovedì 6 marzo 2014

Approvato il reato di tortura: si poteva fare di più.

                               


Finalmente è stato approvato al senato il reato di tortura e questa è una buona notizia. Ma come al solito non si ha il coraggio di arrivare fino in fondo e la legge risulta molto debole: affinché sia definito reato, la tortura diventa tale se è ripetuta più volte. Probabilmente per evitare che determinate situazioni detentive siano perseguibili penalmente anche attraverso il reato di tortura? Ma c'è dell'altro, la tortura diventa imputabile a qualsiasi comune cittadino. In pratica non è un reato proprio, ma comune: quindi imputabile a qualunque cittadino e non solo ai titolari di funzione pubblica come avviene invece in molti altri paesi occidentali.

Il nostro Paese ha questa cultura insanabile qui: per quanto riguarda la repressione e costrizione, le leggi sono forti e brutali; invece per quanto riguarda il rispetto dei diritti civili e umanitari, le leggi sono deboli, depotenziate, perfino inutili.


Nessun commento: