martedì 11 febbraio 2014

Giorgio Napolitano unisce i furbi e gli imbecilli.





Così, tanto per cambiare, la notizia del giorno è quella relativa a Giorgio Napolitano. 

Che ci sia stata la volontà della tecnocrazia europea affinché salisse Monti al Governo , lo avevamo capito da tempo e il sottoscritto denunciato immediatamente. Ma come non dimenticare la gioia (sic!) per la "caduta" di Berlusconi e la piazza riempita da persone che ingenuamente cantavano "Bella Ciao"? Non dimentico nemmeno l'esultanza dei legalitari di sinistra (ossimoro), e soprattutto non dimentico l'editoriale di Travaglio rivolto a Berlusconi : "Passerotto non andare via..."; scherzava il mattacchione, ma sotto sotto lo diceva sul serio: senza di lui si sentiva perduto. 

Ora invece parlano del "golpe" per estromettere Berlusconi e il tutto sotto l'egida di Napolitano (ma Travaglio non diceva fino all'altro giorno che l'attuale Presidente della Repubblica sarebbe stato  la "stampella" di Berlusconi?): mettiamoci  il libro "shock" di Alan Friedman, aggiungiamo lo "sfogo" di Riina, aggiungiamoci anche la sensibilità di Napolitano sulla situazione carceraria e il gioco è fatto! Finalmente Travaglio, la Santanchè (intervistata dal Fatto Quotidiano) e il leghista Salvini  dicono nuovamente le stesse cose.

Parafrasando Sciascia, quando tra i furbi e gli imbecilli c'è un'intesa, state bene attenti che il fascismo è alle porte.


1 commento:

Anonimo ha detto...

Hai mollato FB .. eheheheh non ti biasimo.. hai fatto benissimo... è diventato un'accozzaglia di vuoto .. il vuoto che solo i cretini riescono ad amplificare... Pasquale :) ps<. ricordati che non sempre la si può vedere allo stesso modo ma l'obiettivo è comune