giovedì 30 gennaio 2014

L'insostenibile fardello del Movimento Cinque Stelle.

Noto con curiosità che il Movimento 5 Stelle abbia nuovamente incantato la base di sinistra. Ne prendo atto. Dal canto mio trovo il loro comportamento inutile e soprattutto dannoso visto il risultato ottenuto(rischia di saltare il decreto "svuotacarceri", l'unica proposta sensata di questo Governo). Per coerenza però vorrei che lo stesso "incanto" sia corrisposto anche verso i leghisti che adottano da sempre questo comportamento squadrista.



E come se non bastasse i grillini chiedono l'impeachment nei confronti di Napolitano per due motivazioni ridicole e non veritiere. Una sull'ipotetico abuso della Grazia: ma cosa stanno blaterando visto che Napolitano è l'unico (purtroppo) Presidente ad aver eseguito meno Grazie rispetto ai suoi precedessori? Pertini le aveva fatte più del doppio. L'altra motivazione è quella sull'interferenza nei confronti del Processo sulla "Trattativa Mafia-Stato". Cosa diavolo dicono? Il Processo sta continuando senza intoppi: nonostante sia assodato dai migliori giuristi che faccia acqua da tutte le parti.

Detto questo è chiaro che l'attuale Governo sia indifendibile sotto quasi ogni aspetto, a partire dalle politiche economiche. Poteva esserci altra soluzione? Sì, credo di sì. Ad esempio sarebbe stato diverso se il M5S fosse sceso a compromessi con il PD per formare un Governo. Se si vuole intraprendere la via parlamentare, allora ci si sporca le mani: piaccia o non piaccia, così funziona il regime democratico parlamentare. Ad esempio a me non piace, e quindi non mi sognerei mai di entrare in Parlamento.

Esistono due vie: una quella parlamentare e si deve praticare l'arte del compromesso; l'altra è quella di fare pressioni esterne tramite un movimento. Possibilmente progressista e libertario. E non nazional populista con sfumature fascisteggianti e con l'assurda (e pericolosa) pretesa di raggiungere il 51 per cento dei voti. Ma scherziamo?

Nessun commento: