domenica 29 luglio 2012

STRAGE DI USTICA: Il mistero del Mig Libico ritrovato in Calabria.


Visto l'imminente anniversario della strage di Bologna, vorrei riproporre questo mio articolo sul mistero del MIG Libico legato alla strage di Ustica. Ovviamente una strage, quest'ultima, legata a sua volta a quella della Stazione di Bologna. Il prossimo articolo che riproporrò spiegherà anche quel legame.



Si evoca il famoso attentato diLockerbie attribuito ai sicari libici, ma per quanto riguarda casa nostra si ricorda la strana morte di Musa Sadr, dicono ucciso in Italia dagli uomini di Gheddafi e soprattutto la strage di Ustica del venerdì 27 Giungno del 1980, quando l'aereo di linea Douglas DC-9 I-TIGI, appartenente alla compagnia aerea Itavia, si squarciò in volo senza preavviso e scomparve in mare. 

E dopo 30 anni ancora non è stata del tutto chiarita la vicenda.

Ma c'è un'altra vicenda misteriosa e pieno di depistaggi e "morte collaterali" che è poco nota ai più! 
Raccontiamola brevemente.

Il 18 luglio del 1980 una telefonata allerta i carabinieri di Cacurri, in Calabria, della presenza dei resti di un aereo tra le montagne di Castelsilano. 

Scatta immediatamente  l'allarme. 

In poche ora l'area interessata viene chiusa all'accesso dei curiosi e giornalisti: nello spazio aereo di cinque chilometri dal veivolo nessun civile può mettere piedi e soprattutto viene interrotto lo spazio aereo.  

Qualche temerario giornalista riuscì ad entrare e riuscì a vedere il relitto: un aereo Mig  libico( di produzione sovietica) con la carcassa di un pilota di colore nero, con un paracadute liberato.

Pressato dall'opinione pubblica, l'allora Ministero della Difesa Italiano diffuse dopo poche ore dal ritrovamento  un comunicato ufficiale. 

Nel documento si riferiva che era stata ritrovata "la carcassa di un MIG 23 monoposto di fabbricazione socvietica, sprovvisto di armamento e serbatoi supllementari , in dotazione delle forze libiche. Nella cabina è stato rinvenuto il cadavire del pilota, di carnagione scura e dell'apparente età di trent'anni". Punto.

Muammar Gheddafi, dall'altra parte del mediterraneo, rispose con un comunicato ufficiale del suo governo: "Il nostro pilota era in volo d'addestramento e a causa di un imporovviso collasso ha perso il controllo dall'aereo, precipitano". Finisce tutto qua.

Così pesavano loro perchè quando il Giudice Priore, che si occupò della strage di Ustica avvenuta tre settimane prima del ritrovo ufficiale del relitto in Calabria, scoprì tramite numerose testimonianze che c'era qualcosa che non quadrava, emersero tante altre contraddizioni.

 Il primo colpo di scena fu che in realtà quel relitto c'era già prima del ritrovo ufficiale e addirittura, analizzando anche lo stato di decomposizione del  pilota libico, l'incidente potrebbe essere accaduto lo stesso giorno della strage.  

Purtroppo alcuni testimoni fondamentali per capire meglio l'esatto giorno dell'incidente morirono o sparirono dalla circolazione. Come il maresciallo Franco Parisi, in servizio alla postazione radar di Otranto che morì pe cause naturali il 21 dicembre del 1995, pochi giorni prima dell'audizione che doveva avere con il giudice. 

Oppure come un certo Roberto Denes (uomo dei servizi segreti), il quale aveva aperto l'ipotesi della messinscena(una ricostruzione dell'incidente per depistare), ma  si rese irreperibile e il Giudice non potette interrogarlo.

Ma c'è la strana morte dell'ex ufficiale Sandro Marcucci.  

Aveva trovato due testimoni, entrambi militari a Pratica di mare, che avrebbero testimoniato al giudice che il Mig libico caduto sulla Sila era partito da Pratica di Mare. Aveva tenuto per sè i nomi dei testimoni, li avrebbe rivelati solo a Priore, se non fosse che il 2 febbraio 1992, già dimessosi dall'Ami e lavorando per la regione Toscana, rimane vittima in uno strano incidente aereo. 

Ma il più bel colpo di scena è stato questo : il pilota del Mig  non era un libico, ma un siriano! 

Era un certo Ezzedin Fadah El Khalil, siriano di origine palestinese,  morto almeno venti giorni prima!

Un siriano? Era un mercenario? Oppure addirittura un infiltrato che in realtà faceva parte del gruppo anti-Gheddafi?  Si perchè sappiamo che nei famosi cieli di Ustica era in corso una vera battaglia e Gheddafi su quei cieli doveva passare con il suo aereo per recarsi in una conferenza all'estero.  Pare che abbia avuto una soffiata sull'attentato che avevano progettato su di lui e sospese all'ultimo momento il viaggio.

Quell'aereo insomma sarebbe stato abbattuto lo stesso giorno della strage di Ustica? 

Probabilmente si perchè in quei giorni ci fu la testimonianza di una coppia che nella spiaggia calabrese notarono tre aerei che sbucarono dal mare e si inseguivano.

Comunque sia il mistero del Mig Libico interessò tutti i Paesi coinvolti: USA, Francia, Inghilterra e ovviamente l'Italia.

Diceva Giovanni Spadolini ai giornalisti: «Scoprite il giallo del Mig libico e avrete trovato la chiave per trovare la verità di Ustica». 

Probabilmente aveva ragione.

Nessun commento: