mercoledì 13 giugno 2012

Anarchici Informali: operazione condotta nuovamente dall'oscuro generale Ganzer e dal PM Comodi di Perugia.


Il blitz di oggi è una risposta dello Stato all'aggressione di 
matrice anarco-insurrezionalista" commenta il comandante del Ros, il famigerato generale Giampaolo Ganzer.  

Si perchè stamane i ROS  hanno effettuato l'arresto di dieci anarchici e hanno denunciato altre 24 persone. 



Anarchici, secondo loro, collegati alla Federazione Anarchica Informale e che effettuarono gli attentati alle 
agenzie interinali, sedi dell'Equitalia,  CIE, fino a dire che ci sono   collegamenti con  la gambizzazione di Adinolfi, amministratore dell'Ansaldo.




La titolare dell'operazione è la Comodi, il PM di Perugia. E' lo stesso PM che  nel 2007 , sempre assieme al generale Ganzer, condusse la famigerata 


operazione "Brushwood" facendo arrestare dei ragazzi anarchici spoletini 


ove il loro unico "difetto" è stato quello di coinvolgere la società civile del 


luogo per contrastare la speculazione edilizia che stava divorando il territorio.  


E indirettamente si misero contro i Poteri Forti di tutto il territorio Umbro.  


Questi ragazzi furono accusati di essere legati ad una cellula eversiva 


collegata agli anarchici informali. E coniarono perfino il nome della 


fantomatica cellula, ovvero " COOP- FAI". 


L'11 Maggio del 2011 la Corte d'Assisi di Terni aveva emesso una sentenza(ricordiamo che è ancora di primo grado) unica al mondo che crea un precedente pericoloso: 3 anni e 8 mesi Michele Fabiani e 2 anni e 6 Andrea Dinucci per un reato, l’associazione sovversiva con finalità di terrorismo, che ne prevede minimo 7 massimo 15. La metà del minimo della pena se si considera che ne erano stati chiesti 9. 

La gravità della condanna sta nel fatto che si tratta di una presunta associazione composta da soli due membri: il "capo" Michele Fabiani e il "vicecapo" Andrea Di Nucci. Nulla importa che in una rivendicazione è stata trovata un’impronta che non è di nessuno degli imputati, oppure se si considera che Michele era in Puglia quando è partita la lettera di minacce alla Lorenzetti, all'epoca governatrice della regione Umbra.



La Pm Comodi, prima della sentenza disse: “So che nessuno è mai stato condannato per essere membro della Federazione Anarchica Informale, sono certa che questa sarà la prima volta.


A quanto pare visto gli arresti di oggi, ci sarà anche una seconda volta: sono riusciti a creare per quella condanna un pericoloso precedente .


Ma chi è Ganzer invece? Il generale dei ROS è un condannato di primo grado a ben 14 anni di prigione, 65mila euro di multa, all'interdizione perpetua dai pubblici uffici e da quella legale durante l'espiazione della pena. Resta al suo posto. Perche' la sentenza e' di primo grado, l'appello nemmeno iniziato e il rischio di prescrizione dietro l'angolo. Alcuni reati si sono addirittura gia' estinti: i fatti contestati sono infatti avvenuti tra il 1991 e il 1997, causa indagini lunghe e complesse. Tra l'altro scrissi a suo tempo un lungo articolo sulla sua storia e sinceramente fa rabbrividire il solo pensiero che  un condannato di primo grado (per ora è ancora in attesa di giudizio definitivo) per motivi riguardanti la sua attività,  ricopra ancora questo ruolo e conduca inchieste assieme alla Magistratura. 


Anche il sottoscritto è un anarchico, e come tale voglio il superamento dello Stato e sopratutto non credo nei tribunali. Per questo io non concordo con la modalità di lotta dei cosiddetti anarchici informali. Non li approvo perchè la loro lotta, condotta in questo modo, è del tutto inutile. Non si potrà mai risolvere l'ingiustizia sociale con una bomba per fare un atto dimostrativo o una gambizzazione. Non si combatte la persona ma il Sistema che fa di un principe, un tiranno. Non si utilizza una specie di tribunale del popolo: non corrisponde all'ideale anarchico.   E per abbattere il Sistema va innanzitutto fatta una battaglia culturale contro questo fenomeno legalitario  dove si confonde la giustizia sociale con quella penale.


Abbiamo visto che la Magistratura è un Potere funzionale al Sistema e che non si fa scrupolo di collaborare con delle persone con un passato (e presente) oscuro.


La PM Comodi aveva anche condotto l'inchiesta che, pare, stroncò la famosa banda degli ex pentiti capeggiata da Salvatore Menzo.


Come mai non ha voluto mai collegarla con l'operazione Premium che portò all'arresto e, dopo 4 giorni di detenzione preventiva, all'omicidio di Niki Aprile Gatti (archiviato dalla Magistratura come suicidio) all'interno del carcere di Sollicciano ? Molti di noi (compreso il Comitato Verità e Giustizia per Niki)  spedimmo delle e mail alla Procura di Perugia proprio per dire che c'erano elementi per fare un collegamento. 


Non c'è stata volontà di fare il collegamento perchè l'inchiesta sennò sarebbe stata troppo grossa? Forse perchè si sarebbe scoperto che c'è la responsabilità e complicità dello Stato ?


Si, proprio quello Stato che gli anarchici come me vorrebbero abbattere.

2 commenti:

Luca Minotti (Orsetto) ha detto...

...e si torna al tempo delle BR, dove bastava essere semplicemente "presunti colpevoli o fiancheggiatori" per essere arrestati senza alcuna prova, lo posso dire perché da piccolo, varie volte mi sono visto entrare i carabinieri in casa e frugare perfino tra i miei giocattoli, perchè "presumevano" di trovare armi in casa, appartenenti a membri delle BR...!

Luca Minotti (Orsetto) ha detto...

P.S. Facendo presente anche che queste accuse, sono i soliti escamotage per togliere di mezzo chi è scomodo ai poteri occulti e/o trovare il capro espiatorio, per depistare l'opinione publica e nascondere le angherie di tali poteri...!