martedì 10 aprile 2012

Il mio pensiero va a chi...

Il mio pensiero va a chi viene sempre rifiutato, a chi non arriva mai primo, a chi a scuola non è mai arrivato oltre la sufficienza.

A chi non ha mai conosciuto ancora il vero amore, a chi non ha famiglia, a chi è stato nuovamente licenziato.

A chi diventa sempre rosso dalla vergogna, a chi viene sempre abbandonato.

A chi non è capace di sognare, a chi beve sempre e si ubriaca per dimenticare.

Il mio pensiero va a chi lotta ogni giorno: sottovoce, senza gesti eclatanti, euforia, gloria.

A chi ha scoperto l'inganno dell'anima, a chi ha trascorso la vita con i giorni sempre uguali, a chi ce l'ha tormentata e con la paura del futuro.

A chi poi la vita è finita così, inaspettata, senza preavviso. A chi è rimasto per sempre solo, a chi nessuno ha dato voce, a chi ha dovuto per forza genuflettersi.

A chi ha passato tutta la vita in prigione senza  avere  la possibilità di ricominciare una nuova vita.

A chi è stato vittima delle mafie, dello Stato, del lavoro, del branco, del Tribunale, del dolore.

A chi ancora ha ancora la possibilità di fare qualcosa, osare, rimediare a tutto e pagare il conto. Ecco, cosa aspetti?


2 commenti:

upupa ha detto...

...a chi ha la speranza del cambiamento e a chi non l'ha più...

Aries 51 ha detto...

...e a chi,come Te,da spazio alle voci soffocate.