lunedì 17 ottobre 2011

Roma 15/10/2011: non condanno la violenza senza se e senza ma.

Io alla manifestazione c'ero e sono stato anche testimone diretto di tutta la guerriglia contro le forze dell'ordine, contro le vetrine delle banche, l'incendio delle auto in maniera indiscriminata e tanto altro. Perfino testimone delle forze dell'ordine che ci facevano respirare i lacrimogeni cancerogeni e addirittura scaduti, oppure l'idrante che ci faceva sfollare da Piazza San Giovanni e anche dei san pietrini tirati verso di noi. 

D'accordo ora vi aspetterete che anche io condanni senza se e senza ma la violenza, e che dica anche io che quei ragazzini di massimo venti anni siano dei fascisti e poliziotti infiltrati.

No non erano fascisti , ne black blok. Erano ragazzini di sinistra probabilmente ben organizzati e sicuramente diventati ancora più forti rispetto al 14 dicembre dell'anno scorso. Talmente forti che ho potuto vedere come sia i Carabinieri che la Guardia della Finanza hanno dovuto indietreggiare molto spesso e stavano quasi per arrendersi.  La violenza gratuita verso obiettivi assurdi e senza colpa io ovviamente la condanno, senza orma di dubbio. Ma la domanda è un'altra: se fossero riusciti a far ritirare le forze dell'ordine e avessero aperto un varco per raggiungere i Palazzi di Potere e tutti i manifestanti, pacifici o non, li avessero raggiunti? Scattava un plauso generale da parte della società civile, o no? Finiamola a comportarci da ipocriti e domandiamoci se prima o poi anche noi, un giorno, arriveremo a fare scontri duri.

Certamente c'è stato qualcosa che non è andato nel verso giusto, l'affluenza era stata sottovalutata da entrambi le parti e il servizio d'ordine non c'era, ma quest'ultima cosa era inevitabile visto che(per fortuna) non c'era dietro un organizzazione partitica e verticistica. I vari tg, conduttori vari non vedevano l'ora di raccontare le inevitabili violenze, i politici di tutti gli schieramenti finalmente uniti contro la violenza e nessuno come al solito ha potuto raccontare il contenuto  della manifestazione contro il Potere Finanziario. Anzi giorni prima facevano perfino parlare Draghi che si esprimeva a favore della manifestazione. Beh allora lasciatemi dire che epr fortuna ora tutti hanno preso le distanze, perchè questa solidarietà precedente da coloro che hanno causato la crisi mi lascia davvero sgomento.

Basta un giorno che subito dimentichiamo che la vera violenza la subiamo ogni giorno con lo sfruttamento del lavoro, la precarietà, la disoccupazione, gli omicidi di Stato, l'impoverimento della classe una volta definita media e tutta la distruzione della scuola e sanità, le due architravi del benessere civile.  

Per me c'è stata più violenza da parte dei manifestanti "non violenti" verso Pannella che subito si presta come capro espiatorio. Per me è più violento uno sputo in faccia ad uomo anziano che bene o male ha fatto qualcosa per i diritti civili che un automobile bruciata.

Mentre quel reazionario di Di Pietro vorrebbe una legge reale di forte repressione e carcere duro. No ma a lui nessuno di voi gli sputerebbe in faccia, vero?


7 commenti:

Ernest ha detto...

io francamente non credo che quei ragazzi volessero raggiungere i palazzi del potere... Di Pietro ogni tanto deve farci sapere che è di destra... e sui radicali francamente stendo un velo pietoso, poi io per come sono fatto non avrei contestato pannella.
un saluto

paoladany ha detto...

Come sempre Link spieghi benissimo le cose, e ci fai ragionare.. almeno me, mi fai pensare molto con le cose che dici. beh grazie! Paola

upupa ha detto...

CARISSIMO, TI POSTO CIò CHE HO SCRITTO....

L’ipocrisia è un brutta malattia. Ed è sgradevole l’arroganza di chi ha il potere .Affetti di entrambi i malesseri molti hanno dimenticato i diritti rivendicati dai dimostranti di sabato, i loro slogan e la loro battaglia. Quelle migliaia di persone erano lì per gridare basta ad un sistema che ha preso in ostaggio tutto il mondo. Un sistema tanto ben strutturato da sembrare giusto e impenetrabile che distrugge le vite dei cittadini comuni.
Tutta l’attenzione si è focalizzata sulle violenze,le pagine di giornali, da due giorni, riportano le dichiarazioni dei politici, degli esperti, delle forze dell’ordine, dei più...
Tutte anime pie, tutti doloranti per gli avvenimenti, tutti disposti a condannare, a puntare il dito, ad esprimere giudizi di valori...
La gente quando è arrabbiata non è calma, quando urla e protesta non lo fa con il sorriso, quando perde il lavoro non dice grazie, quando non trova il lavoro non canta e balla, si arrabbia!!!!!!!!!!!
Quando una persona è arrabbiata ...perde la razionalità...!!!!!!!!!!!!!!!!
Allora vogliamo continuare a puntare il dito o a capire questo immenso malessere che è trasversale alla società, riguarda giovani e meno giovani, laureati e non, operai e insegnanti...non siamo ipocriti, non applaudiamo, ma neanche condanniamo a priori. Occorre un’analisi corretta e una riflessione a tutto campo.
Le ragioni dei giovani mi sembra siano condivise da molti numero uno al mondo ,allora cerchiamo di convincere questi ad impegnarsi per dare coerenza e operatività al loro condividere, che facciano in modo che il malessere trovi una risoluzione...che questo sistema Killer venga ri-regolato!

Niente Barriere ha detto...

Penso anche io come te che siamo di fronte ad una ipocrita Italia ... Cosa abbiamo ottenuto dopo sabato? I media scatenati sulle violenze, i politici a strumentalizzare tutto, dimenticandosi che sono loro la colpa di tutto e infine, l'asse maroni-di pietro (la vera novità). In questi vent'anni l'Italia è stata girata più volte come un calzino, e chissà cos'altro succederà ancora ..
un saluto
Pannella che va una volta di qua e una volta di la, da vent'anni mi ha stufato, e se avessi occasione glie lo direi in prima persona. Lo sputo no, è un atto barbarico, chi l'ha fatto si vergogni.

NERONE ha detto...

DOVEVANO DARGLI ANCHE 2 CALCI IN CULO OLTRE ALLO SPUTO .... E ANCORA NON ERANO ABBASTANZA AL PANNELLA ..... UN IPOCRITA CHE VUOL FAR NOTIZIA .... VERGOGNATI PANNELLA !!!!!!!!

Informazione Consapevole ha detto...

Ciao Inka,ho citato le tue parole di quest'articolo ,da basta un giorno ecc...,nel mio articolo sul 15 ottobre http://informazioneconsapevole.blogspot.com/2011/10/considerazioni-sul-15-ottobre-romano.html

zefirina ha detto...

sono sicura che hai ragione non erano fascisti non erano black block erano ragazzini incazzati, non è il mio modo di agire non credo che mettere a fuoco e fiamme una città, i danni li pagheremo noi, sia la maniera giusta però capisco la loro rabbia