venerdì 5 agosto 2011

La rivincita del neoliberismo e la Giustizia Sociale che abbiamo perso per strada.

C'è da vergognarsi e poi subito dopo anche indignarsi, ma noi siamo un popolo anomalo. Ci facciamo guidare, incanalare da gente mediocre il nostro disagio verso obiettivi del tutto simbolici.  

I privilegi della Casta fanno rabbrividire ma non è la panacea di tutti i mali; se avessero ridotto i loro privilegi con questa manovra sarebbe cambiato qualcosa? Simbolicamente si. Ma io odio i simboli che servono per innalzare una bandiera in mezzo al nostro vuoto. Oppure la solita storia delle monetine, dei cappi e forconi che da tempo hanno sostituito la falce e martello. E sinceramente come simbolo è molto più nobile il secondo invece di un cappio che al solo vederlo fa rabbrividire.

Vi ricordate quando Berlusconi disse di voler abolire l'articolo 41 della Costituzione, quello sulla libertà delle imprese?  

Tutti giustamente ad indignarsi, ma sempre con il vuoto dentro. Questo  dell' antiberlusconismo porta ad andare contro anche se ad esempio avesse rifiutato di fare una guerra .

Perchè vi parlo dell'Articolo 41? Ve lo dico subito: ieri il Governo, con la pressione del Presidente della Repubblica e delle lobby finanziarie, ha aperto un tavolo con tutte le parti sociali per perfezionare la Manovra e hanno di fatto firmato un accordo che scavalca questo articolo.

Abbiamo un Governo e tutta l'opposizione sotto il diktat degli organismi internazionali. In sostanza abbiamo l'intera classe politica in ostaggio e tutte le parti sociali, dalla Confindustria ai sindacati, hanno sottoscritto di fatto l'applicazione del liberismo. 

Altro che l'austerità della Grecia, altro che le famose riforme di privatizzazione del famoso governo tecnico dopo tangentopoli. Ma noi siamo l'unico popolo a non fare nulla, al massimo a settembre si farà la manifestazione contro la Casta assieme a quel populista di Di Pietro ed entusiasmandoci tutti nel sentire Travaglio che parla dal palco sulla storia dei pregiudicati, della necessità del carcere per loro e tutto il resto del vuoto che c'è in noi.

La manovra inoltre sarà anticipata perchè lo dice la Banca Centrale Europea, altro organismo criminale ma che agisce nella legalità. 

Elenchiamo i punti bipartisan e firmati da tutti(compresa la Cgil)  tralasciando lo specchio per le allodole sulla diminuizione dei privilegi della Politica :

Pareggio di bilancio come obbligo costituzionale. In pratica vorrà dire che essendo un Governo obbligato a pareggiare i conti è anche giustificato a pretendere lacrime e sangue.

Liberalizzazioni e privatizzazioni, dismettendo tutto il patrimonio pubblico e quindi privatizzare tutto quel poco che  di pubblico è rimasto.

Sbloccare gli investimenti per le infrastrutture e usare tutti i fondi europei per le grandi costruzioni. Altro che TAV quindi.

Risolvere il problema della pubblica amministrazione inserendo soluzioni come fanno i privati. Insomma il metodo Marchionne anche per il pubblico e magari una modifica giusto che ci siamo, dello Statuto dei Lavoratori.

Il Governo da parte sua si è dimostrato disponibile e gli otto punti che hanno proposto non hanno grandi differenze. Le parti sociali che dovrebbero difendere la classe più debole, in nome di una alleanza salvifica, ha messo sul tavolo i sacrifici sociali e buttato patrimoniale e Tobin Tax.  Il Governo resta al suo posto con un Berlusconi che conta come il due di picche e quindi ancor più pericoloso, un opposizione che chiede le dimissioni o al massimo un governo tecnico che potrebbe fare addirittura peggio di Berlusconi e ci siamo noi che saremo sempre più deboli e ricattati dal lavoro, con servizi che dovremmo pagare ancora di più e sicuramente di pessima qualità e tanto altro.

Dove è finita la voglia di chiedere con forza un' alternativa a questo liberismo e alla ingiustizia sociale? Ho detto sociale, non penale diamine! In tutto il mondo ci sono gli indignatos, compreso in Israele e noi facciamo gli indignati della casta? Ci sarebbe da ridere se non fosse tutto così terribilmente grave.




Articolo pubblicato anche qui!

6 commenti:

ventopiumoso ha detto...

eh inka lo so lo so che disastro. purtroppo da anni ormai la sedicente opposizione ha sposato il liberismo più sfrenato.

comunque, quel che ha detto trichet fra le righe, ma nemmeno nascondendolo, è chiaro: ristrutturazione del debito, ovvero l'argentinizzazione di un decennio fa.

ma è giusto così. è giusto che i popoli di europa, se non sono riusciti ancora a capire cosa sta accadendo, si becchino tutto ma proprio tutto il fondomonetarismo dei loro padroni.

e gli italiani, narcotizzati. per carità, ci sono grossi problemi ovunque. ma, per lo meno, ovunque si muovono. cercando di fare qualcosa, foss'anche inutile - per ora.

e poi leggo nelle bacheche dei miei contatti fb (ovvove! ovvove! ma sapete che vivo all'estero e fb è il principale mezzo per mantenere i contatti), ascolto, e mi trovo, ad esempio, tutti a citare marchionne che ha detto che bisogna cambiare premier.

marchionne, porcocazzo!!!

paese senza speranza.

auguri.

l'incarcerato ha detto...

Se intendi "il far qualcosa" riferito a queste stupidaggini dell'anticasta, i narcotizzati sono loro. Scusami ma d'altronde la mia disamina è stata chiara. Poi appunto, tu mi citi Marchionne, ma anche la Confidustria vuole un cambio, in realtà gli USA da mo che interferiscono per averlo. Noi continuiamo pure seguire certe persone, ci fa sentire bene d0altronde. Noi siamo gente per bene, integerrimi, siamo onesti. Questo mi fa orrore. Nel frattempo stanno attuando la macelleria sociale. Ah ma se tolgono i privilegi della Casta si che è una vittoria. Non preoccuparti che ci sta pensando Di Pietro in questo. Ho già letto i commenti su suo profili: "Forza Tonino" Manca solo che riaffiorasse il vecchio slogan durante mani pulite:"Di Pietro, facci sognare". E sogniamo, sogniamo...poi a me i sogni mi piacciono, ma sono moolto diversi.

giuseppe raciti ha detto...

sono d accordo con te inca :) sei un MITOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO! TI STIMO :D

sara di pietro ha detto...

è un paese senza rinascita

SuB ha detto...

Bravo,
fai bene a parlare di globalizzazione e neoliberismo. Parole abolite, anzi soppresse, troppo in fretta dal nostro vocabolario e dalla nostra mente.
Ma tragicamente presenti nella vita di ogni giorno.

upupa ha detto...

...nel momento in cui ( 17 Anni non è un momento)i nostri politici si sono "presentati", al mondo e non solo in Europa, come incapaci e confusionari,è automatico che qualcun altro prenda l'iniziativa e indichi la strada da prendere...che questa strada sia a sfavore dei cittadini è ancora una volta una realtà da ineguaglianza sociale. A questi signori poco interessa il bene comune,il benessere del popolo,interessano i giochi internazionali,luoghi di interessi privati e lucri assicurati, luoghi in cui i diritti dei lavoratori sono inesistenti e a questo sfacelo sociale hanno contribuito pesantemente i sindacati che hanno dimenticato il perchè della loro nascita e del loro esistere,ecco perchè esiste e continua a parlare il maglioncino blu...questa gente non ha bisogno di tutelare i diritti...se li prendono autonomamente...è vero è inutile parlare di casta perchè non è casta ma un sistema tra i sistemi che sarà difficile smantellare...ma: insisti, resisti e conquisti...dobbiamo indignarci e ribellarci...