mercoledì 23 marzo 2011

La Banca di Maometto.

Non è retorica dire che noi occidentali abbiamo tanto di imparare dagli altri costumi, e dalle altre culture differenti dalle nostre. Se vi dicessi che dobbiamo imparare molto anche dai musulmani? Visto le rivolte arabe penso proprio di si.

Ma al di là di questo momento (tra l'altro con rivolte di serie a e di serie b, e con la guerra in Libia che potrebbe sedare altre rivolte e fermare questo "risorgimento africano"), noi viviamo in una forte epoca di disinformazione verso il loro modo di pensare. La maggior parte della gente che vive nell'ignoranza pensa che siano gente che non ha nessun valore della vita, pensano che siano cultori della morte, pensano che la maggior di loro siano dei terroristi, pensano che ci stiano invadendo come da sempre predica la Lerga, oggi più che mai.

Il potere si rafforza sempre di più quando la maggior parte della gente vive nell'ignoranza ,nella disinformazione più totale e nella paura del diverso.

Perchè poi in realtà il Potere ha veramente paura del diverso, specialmente quando porta un modello alternativo di gestione delle cose. Ne basta una, che poi è la fondamentale purtroppo: la gestione di una Banca!


Il Corano vieta uno dei pilastri stessi su cui si fonda l'attività bancaria: i tassi di interesse. "Commette un crimine" disse Maometto "chi vi presta denaro a interesse, chi lo riceve, chi lo registra e chi lo testimonia". Per l'islam, per la Sharia, è proibita ogni sia pur piccola remunerazione fissa in denaro, di un capitale prestato o depositato in banca, sulla sola base del trascorrere del tempo.

Per un buon musulmano, un guadagno è illegittimo senza assunzione di rischio, dunque il profitto può essere legittimo solo se anche la banca, oltre al cliente, condivide il rischio di un investimento.


E' incredibile vero? Avreste mai immaginato che la banca musulmana sia così agli antipodi dalla nostra?

C'è ancora una grande cosa che ci differenza dalle nostre schifose banche.

Per il Corano è proibito investire denaro in società che svolgono attività in contrasto con la legge islamica: produzione e distribuzione di alcol, gioco d'azzardo, pornografia, tabacchi, ma soprattutto la produzione di armi.

Si avete capito bene!

Non finanziano assolutamente le armi come le nostre amate banche occidentali che finanziano le multinazionali delle armi con i nostri soldi. Oppure addirittura gruppi paramilitari.

Sapete che la IOR(istituto opere religiose), che è la banca del Vaticano, aveva finanziato gli Ustascia? Milizie croate che sono dei fondamentalisti cattolici, i quali si divertivano a sterminare i serbi-croati che erano, tra l'altro deu musulmani?

Le banche musulmane non finanziano queste attività e tanto meno i gruppi come al-quaeda! Bin Laden , infatti, i suoi soldi li ha nelle schifosissime banche occidentali. Quelle privi di etica che si trovano in Svizzera,mica in quelle musulmane.


E allora noi occidentali ci dovremmo vergognare quando ci consideriamo superiori,potatori di valori e di democrazia.

Sappiamo che le banche hanno un potere immenso qui in occidente se consideriamo che le famiglie che governano il mondo sono dei banchieri. Non sarà anche questo il motivo per cui si vorrebbe occidentalizzare tutto il mondo? Quindi occupare più Stati di impostazione musulmana possibili?


Ah, non vi metterete mica a cercare banche musulmane qui in Italia? Tempo sprecato, non le troverete mai!


8 commenti:

Iole ha detto...

Infatti, non a caso la culla della civiltà è in Medio Oriente :)
Io non so da dove venga tutta questa ignoranza, non voglio colpevolizzare la chiesa, ma comincio a pensarlo davvero.

Se guardassimo ai Musulmani, in ogni loro aspetto culturale, comprese a questo punto le banche, forse potremmo ricordare tanto di quanto sarebbe stato insegnato ai cristiani.

Gli interessi degli occidentali sono aberranti e profondamente tristi. Siamo portatori di una democrazia che non è tale neanche nei nostri paesi.

ventopiumoso ha detto...

loretta napoleoni si interessa anche di finanza islamico, forse trovi dei video in rete. di sicuro ci sono un sacco di documenti.
comunque non e' tutto rosa e fiori e peraltro e' un po' complicata quella finanza.. oddio non che la nostra non lo sia :)
sapevi che in tunisia stava aprendo la piu' grande banca islamica del nordafrica? gestita non ricordo bene se da un figlio o un genero di ben ali'.
sulle altre rivolte.. quali altri rivolte? perche', ce ne sono? egiziani e tunisini non hanno risolto? in arabia i governi non sono diventati improvvisamente liberali e illuminati? dunque, di che parli?
eh
a.

l'incarcerato ha detto...

Guarda, le banche occidentali non possiedono nessun, chimiamolo, "precetto" e come sappiamo non hanno nessun scrupolo di finanziare gruppi paramilitari, miltinazionali delle armi e anche regimi dittatoriali. Probabilmente non saranno rose e fiori quelle musulmane ma chiediamoci due cose: come mai in occidente non attecchiscono? PO addirittura non sono permesse? E come mai, come ho già scritto, un Bin Laden i soldi ce l'ha in quelle occidentali?

Sai come la penso sulle rivolte in Tunisia e in Egitto. Sono diverse da quelle libiche. Una cosa è certa. L'occidente saprà mettere il cappello anche in quelle rivolte, spero in quei giovani che non si facciano infinocchiare. Ma la vedo dura...

ventopiumoso ha detto...

ehm ma io ero ironico :)

l'incarcerato ha detto...

Perdonami! :) Ma lo sai che visto i tempi oramai sono diventato troppo prevenuto!

guido ha detto...

sono d accordo con te incarcerato :)

VBA ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mister_NixOS *nix ha detto...

Ciao incarcerato!
Un amico, dopo aver letto il tuo post, che gli avevo consigliato, mi ha riposto col seguente:

"bello il discorso di principio, ma come al solito fatta la legge trovato l'inghippo: http://www.corriere.it/Primo_Piano/Editoriali/2005/05_Maggio/05/affari_e_corano.shtml. O davvero credi che i soldi del petrolio vengano usati a scopi umanitari?"

Ciao
--
Mister_NixOS
http://www.genteepersone.it