venerdì 24 dicembre 2010

Niki Aprile Gatti: i miei auguri ai complici.

Ecco, stasera milioni e milioni di famiglie , religiose e non, si appresteranno a festeggiare la viglia di natale. Tutti insieme appassionatamente a mangiare più del solito, scartare i doni, fare le telefonate di auguri ipocrite a persone che non si sentono mai durante l'anno; e improvvisamente, almeno una volta l'anno, realizzano il sogno delle famiglie del Mulino Bianco.

Magari si va pure a messa, così giusto per far contenta la propria coscienza sporcata dalla fede tramandata nei tempi, invece di sentirsela sporca per altri più importanti motivi.

Molte persone, almeno quella volta l'anno, andranno alla mensa dei poveri e faranno volontariato, poi non importa che il resto dell'anno i barboni rimarranno per strada, al freddo e poco importa che ci sono famiglie che il natale non è un momento di gioia, ma di dolore lacerante.

Non mi va di generalizzare come fate voi, miei cari lettori, non mi presto a ricordare i nomi di chi tutto l'anno vengono ricordati. No. In questo momento c'è un intera famiglia intera che soffre, c'è una madre lasciata sola da molta gente, dalle Istituzioni e pure dalla moltitudine di giornalisti che invece di essere il cane da guardia del Potere, sono esattamente il cane di compagnia.

C'è la famiglia di Niki Aprile Gatti, ragazzo che a 26 anni, nel 2008, è stato ucciso nel carcere di Sollicciano. Ed è una storia diversa da quella di Cucchi, Bianzino, Eliantonio o Marcello Lonzi.

Una storia difficilissima, non facile da raccontare, non la si fa accusando le cosiddette mele marce. Una storia troppo difficile, fastidiosa, non strumentalizzabile da nessun Partito, ideologia. E i giornalisti di professione, tutti, non ne sono all'altezza. E nemmeno potranno avere un tornaconto. D'altronde è una storia che non è di massa. Quindi chi glielo fa fare, rischiare la carriera e forse la pelle per ottenere cosa?

E senza massa, taluni personaggi , non valgono nulla.

Tanti auguri agli esecutori materiali che hanno strangolato Niki e simulato un suicidio, e secondo una mia ipotesi dovrebbero essere almeno in tre.

Tanti auguri ai mandanti che sono su alti livelli, e ancora non ne conosciamo i nomi anche se sappiamo in quale grande compagnia potrebbero appartenere. Tanti auguri a chi li ha coperti sia per interesse e sia per paura, e che continuano a fare con tutta tranquillità i loro affari. Qualcuno di loro vive anche all'estero e non è più latitante.

Tanti auguri a certi avvocati, il cui compito era di difendere i delinquenti veri e confermare il suicidio di Niki. Alcuni di loro sono anche conosciuti per altre brutte storie.

Tanti auguri al magistrato che ha archiviato vergognosamente la morte di Niki come suicidio, senza dare motivazioni forti e senza nemmeno aver verificato le contraddizioni e messaggi anonimi rintracciabili. Perfino noi abbiamo capito chi fosse l'autore del messaggio.

Tanti auguri ai magistrati che hanno condotto l'Inchiesta Premium, quella per cui Niki è stato arrestato preventivamente e poi ucciso perchè era l'unico che non si avvalse la facoltà di non rispondere. E ancora auguri a loro perchè probabilmente non sono andati oltre come avrebbero dovuto fare. Perchè?

Tanti auguri alla 'ndrangheta che in questa storia ha avuto, a mio avviso, un ruolo fondamentale.

Tanti auguri al Governo che non ha risposto a ben tre interrogazioni parlamentari, più un sollecito, che chiedono chiarezza sulla vicenda di Niki.

Tanti auguri a chi ha abbandonato Ornella nella lotta, tanti proprio perchè non volevano rovinarsi le festività. Tanti auguri ai giornalisti che ci hanno abbandonato, spariscono o perchè non sono in grado oppure , come già detto, non hanno nessun tornaconto.

E infine tanti auguri agli indifferenti, quelli non mancano mai.

Adesso invece porgo un vero augurio di buone feste alle mie dolci teste di capra, gente semplice e normale come me, che non ci hanno mai abbandonato e mai, ne sono sicuro, lo faranno.




Articolo pubblicato anche qui!

17 commenti:

Itsas ha detto...

mi unisco a te e faccio tanti auguri a tutti quelli che citi, che posano soffrire anche loro quello che soffrono ornella e chi le vuole bene...
un saluto caro da una delle tue testedicapra

l'incarcerato ha detto...

Grazie Itsas, so che mi leggono. Ma che si godano pure questo natale. Ma vorrei che sapessero una cosa fondamentale : noi stiamo andando avanti, mica è finita qua!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Contraccambio con tutto il cuore il tuo augurio sincero e lo estendo ai tuoi lettori, alle persone che ami ed Ornella con tutto il mio affetto.

BUON NATALE

Daniele

Aries 51 ha detto...

Buon Natale Inka. Buon Natale a te ed a tutti gli Onesti.Con Niki nel cuore.

luce ha detto...

sei un cuore grande e intelligente....
Auguri acnhe a te e che il cielo ti preservi sempre.

Tua madre Ornella ha detto...

Inka....

......ti abbraccio ..nel buio piu' profondo e dolente.....

Gozzovigliare con panettoni sporchi di sangue e calici pieni di sangue non produce che schifo per se stessi.....

un bacio
Ornella

AntiNatalizio ha detto...

Auguro anche io torcimenti di stomaco (di coscienza no, perché non ne hanno) ai criminali che hanno tolto dal mondo Niki. Un abbraccio alla madre, un abbraccio vero.
Io sono uno di quelli che, armati di penna, vorrebbero far emergere qualche verità. Lo faccio senza guadagnarci niente, né soldi né fama, semplicemente perché me ne strafrego. Ho provato ad avvicinarmi, ma mi scuserete questo piccolo appunto: qualcuno, come me, ha la sincerità e i mezzi per diffondere taluni fatti, senza interessi personali di sorta. Ma sono stato allontanato in malo modo, per colpa di buffoni che non posso definire colleghi.
Comunque, Buon Natale a tutti.

l'incarcerato ha detto...

Il tuo appunto è stato doveroso, non tutti sono uguali, non c'è dubbio. Ma come si evince dalla tua esperienza, quando la storia no è di massa, non fa comodo a nessuno ed è troppo scomoda si viene allontanati ed emarginati. Questo la dice lunga sulla libertà di stampa della nostra nazione e di come vengono condotte le inchieste. Nessuno escluso, dalla stampa di destra a quella di "sinistra". Non so chi tu sia, ma un giornalista che ha passione e coraggio dovrebbe non fermarsi.

GM C ha detto...

I miei auguri vanno a te, ai tuoi amici, ai lettori del tuo blog, a tutte le persone che sentono scuotersi "dentro", capaci d'amare, indignarsi, dire la loro...naturalmente ad Ornella un abbraccio speciale!

Tua madre Ornella ha detto...

x Antinatalizio

Purtroppo siamo nelle mani proprio di quei buffoni.....e se non ci ribelliamo fattivamente ognuno con i propri mezzi....ognuno nel nostro piccolo, facendoci sì, cacciare dalla porta, ma rientrando dalla finestra, non arriveremo MAI a nessuna verità e saremo anche noi colpevoli di aver mantenuto in piedi un SISTEMA MALATO che ci uccide i nostri figli........
Una giornalista una volta mi disse quello che hai scritto anche tu e aggiunse:"NON SI FERMI...PIU' FERMANO NOI...PIU' SI VUOLE NASCONDERE!!!!"

Ora io dico:"Io non mi fermerò MAI fino all'ultimo giorno della mia vita e fino all'ultimo respiro, MA DA SOLA DOVE MI PERMETTONO DI ARRIVARE???????????"

Ti ringrazio
Un abbraccio
Ornella

Tua madre Ornella ha detto...

x GMC x Daniele

Grazie dell'abbbraccio.....
contracambio!

Ornella

Tua madre Ornella ha detto...

Inka questo articolo è stato ripreso anche da indymedia Piemonte

http://piemonte.indymedia.org/article/11159

l'incarcerato ha detto...

Ho appena visto l'articolo riportato su indymedia. E sono contento che sia stato firmato con il nome di Niki. E' come se lo avesse scritto lui!

AntiNatalizio ha detto...

x incarcerato ed Ornella: intendevo dire che ho provato ad accostarmi al caso, per raccontarlo in modo esteso su un determinato supporto; per farlo ho contattato Ornella, che mi ha rimbalzato. Nulla da ridire. è una vicenda intima, personalissima, della quale non posso immaginare le proporzioni, il dolore, nulla. Non è un rimprovero, ci mancherebbe altro, però se si vuole risonanza, se se ne vuole parlare, bisognerebbe forse essere un minimo collaborativi.
Ripeto: non ci guadagano niente, anzi, ci rimetto pure :-)
Ma dall'altra parte: non ho paura di nulla.
Purtroppo, la mia buona fede e la mia serietà non potranno mai essere dimostrate, perché qualcuno è passato prima di me e si è comportato male, ritengo...

Un abbraccio

l'incarcerato ha detto...

Non so chi tu sia, ma posso assicurarti che Ornella è rimasta scottata molte volte. Nessuno, ripeto, nessuno è riuscito a dare un valore aggiunto.Purtroppo anche io ho avuto modo di vedere come all'improvviso i giornalisti si tirano indietro sparendo per sempre, e non è possibile che io do informazioni grazie alle mie personale ricerche e con tutti i grossi limiti che posso avere e nessuno di loro abbia fatto passi in avanti. Dipende pure come si voglia affrontare il caso, visto che è diverso dalle altri morti di Stato. Sicuramente più complesso e trasversale.

Non so chi tu sia, ma lei appare sincero. Se lei vuole darci una mano, saremo ben lieti. Abbiamo bisogno di conoscere l'esito dell'Inchiesta principale, quella Premium. Fino adesso nessuno ci è riuscito. La procura di Firenze è impenetrabile ed è molto strano visto che sappiamo tutto sulle altre grandi inchieste ancora in corso. Strano perchè apparentemente si tratterebbe di una "semplice" truffa. Ma ovviamente non lo è visto il muro di omertà che si è eretto in questo caso. Se vuole mi contatti via e mail incarcerato@gmail.com

Tua madre Ornella ha detto...

x Antinatalizio

Infatti hai centrato davvero il problema!!!

Ho ripetuto e cercato di far capire e scritto continuamente sul blog, dove chiunque potrebbe attingere tutto ...per poi vedermi tutti dopo un "grande" inizio....allontanarsi!!

Per me ripetere e ripetere non è cosa semplice (non sto parlando di argomenti vari....io parlo di un figlio che non c'è piu' e comprendo che pochi riescono a capire...io parlo di un dolore senza fine...di una sopravvivenza che lo so solo io quanto mi costa...) per me è un rigirare continuamente il coltello nella profonda ferita e puoi immaginare cosa significhi vedere poi che vanno via senza nemmeno un appannaggio di qualche scusa???????
Diventano proprio irrintracciabili....quindi a questo punto ho bisogno solo di un Magistrato..perchè le mie lacrime me le piango in privato e non sono piu' disposta ......chi vuole sapere la storia di Niki ci sono articoli di giornali ben fatti (la voce delle voci) video (di Beppe Grillo) e tutto quello che ho scritto sul blog...di cosa altro puo' aver bisogno un giornalista??
Un giornalista a questo punto dovrebbe solo fornirmi valore aggiunto (ad esempio con una inchiesta propria ben fatta)..perchè io ho detto tutto...
e articoli ripetitivi di cio' che si sa non aprono altre porte.....

Ti abbraccio
Ornella

Antinatalizio ha detto...

Grazie ad Ornella e Inca.
Scriverò a quell'indirizzo appena rientrato a Roma, spiegando meglio le mie motivazioni.Un abbraccio.