giovedì 2 dicembre 2010

Lea Garofalo prima di essere disciolta nell'acido aveva chiesto aiuto al Presidente della Repubblica!

La donna coraggiosissima Lea Garofalo che denunciò suo marito di essere uno 'ndranghetista, prima di essere sciolta nell'acido, scrisse al Presidente della Repubblica con una lettera aperta:

"Oggi mi ritrovo, assieme a mia figlia, isolata da tutto e da tutti; ho perso la mia famiglia, ho perso il mio lavoro (anche se precario), ho perso la casa, ho perso i miei innumerevoli amici, ho perso ogni aspettativa di futuro ma questo lo avevo messo in conto, sapevo a cosa andavo incontro facendo una scelta simile. La cosa peggiore e' che conosco già il destino che mi aspetta, dopo essere stata colpita negli interessi materiali e affettivi arriverà la morte! Inaspettata, indegna e inesorabile. La prego signor presidente ci dia un segnale di speranza, non attendiamo che quello.''


Lo Stato le aveva tolto la protezione. Lo Stato è ancora una volta complice di questo assassinio. Basta con la retorica dello Stato buono che fa paura alla 'ndrangheta. Sono un tutt'uno.




Articolo pubblicato qui
.

1 commento:

Ernest ha detto...

quanta tristezza inka, quanta tristezza!
un saluto