martedì 7 dicembre 2010

Il tentativo di golpe e il documento americano che salvò Valerio Borghese

Questa notte del sette dicembre, la notte dell'immacolata, ricorre un anniversario che visto i tempi va assolutamente ricordato. Ricapitolerò brevemente il famoso golpe Borghese per poi arrivare a farvi vedere un documento in cui si accerta che gli USA salvarono Borghese dai partigiani. Proprio in prospettiva di attuare piani di lungo periodo.

La notte tra il 7 e l'8 dicembre del 1970, il principe Julio Valerio Borghese ( ex comandante della x Mas nella Repubblica Sociale Italiana, e leader dell'organizzazione neofascista Fronte Nazionale) guida un tentativo di colpo di Stato, definito in codice operazione "Tora Tora".

Secondo un documento classificato "Segreto" che verrà trovato anni dopo nell'abitazione del giornalista piduista Carmine Pecorelli dopo il suo omicidi, la pianificazione del progetto eversivo prevede l'occupazione da parte dei congiurati dei seguenti obiettivi: ministeri degli Interni, Esteri e Difesa, Comando generale dell'erma dei Carabinieri, Questura di Roma, Camera dei deputati, Senato della Repubblica, sedi Rai-TV di via Teulada e via del Babuini, Centro radio-collegamenti del ministero egli Interni con sede a Monterotondo, Centro radio ripetitori del ministero degli Interni con sede ad Anzio, Centrale Elettrica di Nazzano(Roma).

Il progetto inoltre prevede l'eliminazione fisica del capo della Polizia Angelo Vicari, e la cattura del Presidente Giuseppe Saragat.

In base a quanto riferiranno alcuni congiurati, l'occupazione di tale obiettivi dovrebbe essere accompagnata da gravi disordini artatamente provocati in vari punti della Capitale, così da determinare il decisivo e previsto intervento dei reparti militari.


Il Golpe inoltre era aiutato anche dalla 'ndrangheta che mise a disposizione numerose armi e anche la mafia fu avvertita di ciò che stessero progettando. La CIA ovviamente sapeva tutto, tanto è vero che il pentito Riina disse che in America gli avessero chiesto quando arrivasse il Golpe in Italia.

Inoltre, e questa sarà mia premura di ulteriori approfondimenti, c'era anche il coinvolgimento del regime dei Colonnelli Greci e molti estremisti di destra si addestrarono nei loro campi e inoltre, tra i congiurati del Golpe Borghese, era coinvolto anche il generale capo dei servizi segreti Vito Miceli che si apprestava a fare numerosi viaggi in Grecia.

L'eroe solitario Panagulis, durante la sua prigionia e anche dopo, stava indagando sul legame tra la Rosa dei Venti e i regimi dei Colonnelli. Da ricordare che i cinque anarchici calabresi(una era tedesca) prima di morire in un incidente(in realtà furono ammazzati) stavano indagando sulla strage di Gioia Tauro e scoprirono il coinvolgimento di Borghese.

Avevano previsto che ci sarebbe stato un golpe da parte sua con l'ausilio dei Servizi Segreti. La loro macchina fu speronata da un autista che lavorava in un'azienda di Borghese.


Il colpo di Stato non fu mai attuato, ci fu un dietrofront. Ma in realtà lo scopo era proprio quello. La svolta autoritaria, tramite altri attentati, ci fu ugualmente.

Le indagini della Magistratura appurarono che Borghese per sottrarsi dal mandato di cattura si rifugiò nella Spagna di Francisco Franco e costituì una formazione chiamata "Gruppo di Salute Pubblica". Questo gruppo sarà la costante ogni volta ci si imbatte sulla Rosa dei Venti, il "golpe Bianco" di Sogno e sulla organizzazione paramilitare "Gladio".

In quel periodo Panagulis fece dei viaggi in Spagna. Che avesse scoperto qualcosa? Sappiamo che morirà anche lui in un incidente in Grecia. In realtà fu ammazzato da un mercenario greco che faceva viaggi anche in Italia. Ma questa è un' altra storia.

Sapete, care teste di capra, che quando la giudice Clementina Forleo conduceva l'inchiesta sulle scalate bancarie e ricevette numerose minacce, tra cui l'uccisione dei genitori sempre in un incidente, come si firmava l'organizzazione? Esattamente "Gruppo di Salute Pubblica". Vedete come i servizi segreti "deviati" non utilizzano a caso dei nomi?

Bene, dopo questa panoramica, ecco il documento scovato dal bravo ricercatore storico Giuseppe Casarubbea. Potete visionare altri importanti documenti sul suo Blog che reputo più interessante di Wikileaks per le informazioni documentali che riporta.

Copio e incollo la traduzione e ringraziamo gli USA per tutto quello che ci ha fatto, compreso salvare Borghese:

Destinatario: colonnello Earl B. Nichols, quartier generale delle forze americane.

Oggetto: Valerio Borghese

Data: 6 novembre 1945

Lei ricorderà le accuse rivolte al comandante Borghese. Le sue attività di sabotaggio e di spionaggio, guidate da ambizioni politiche nella fase del dopo armistizio, sono state da lui totalmente sconfessate nel corso del recente interrogatorio ad opera dello Csdic. Di conseguenza, questa unità si ritiene ora più motivata a salvaguardare il soggetto perché possa essere utilizzato nelle attività di spionaggio navale di lungo periodo.

Tre mesi fa, il ministro italiano della Marina Militare ha inviato una lettera alla sotto – commissione navale alleata: chiedeva che il soggetto venisse temporaneamente collocato a sua disposizione per essere interrogato appena su questioni di carattere amministrativo. Il 3 novembre il soggetto è stato consegnato alle autorità navali italiane, a Forte Boccea. Una lettera della sotto – commissione navale alleata affermava che Borghese sarebbe dovuto tornare sotto custodia alleata nel caso fosse stato processato e ritenuto innocente. In mani alleate, il soggetto gode dello status di prigioniero di guerra; ma in mani italiane la sua posizione diventa precaria, giacché egli verrà processato da un tribunale civile come un fascista qualsiasi. Non vi è dubbio che il suo processo farà rumore.

Per noi sarà semplice chiederne il rinvio, se il Suo comando vorrà inviare una lettera al ministro italiano chiedendo che Borghese sia riconsegnato agli Alleati subito dopo il previsto interrogatorio. Potremo così consultarci con Washington sul futuro sfruttamento delle superiori conoscenze di Borghese nell’ambito delle armi navali segrete e delle tattiche di guerra sottomarina. In tal modo, eserciteremo i nostri regolari diritti militari senza interferire con la politica italiana.

A causa della rapida azione che ha portato alla traduzione di Borghese a Forte Boccea, diventa purtroppo essenziale che una lettera del Suo comando arrivi quanto prima al ministero italiano della marina militare.

Il sottoscritto è fortemente convinto che Borghese diverrà di grande interesse per lo spionaggio navale americano. Con deferenza, chiedo quindi che tale azione di “sospensione” venga attuata nell’immediato. La pausa ci permetterà di discutere a Washington le possibilità di impiego del soggetto.

James Angleton (Sci)


Non è finita, perchè quando inizialmente ho detto "Visto i tempi" voi subito pensate a Berlusconi. Sbagliato. Ascoltate questo proclama e fate finta che non sia Borghese, che non sia un colpo di stato, che dietro non sapete che c'è la mafia e la massoneria. Ascoltate che parole sentite di ripristino della legalità e ripristino dell'economia e moralità. Poi, se volte, riflettete.




Articolo pubblicato anche qui!

6 commenti:

l'incarcerato ha detto...

Oggi più che mai l'arma del legalitarismo è pericolosissima! Ascoltate le parole di Borghese e immaginate che non sia lui a pronunciarle ma uomini che voi crediate di essere per la Giustizia. Per questo oggi più che mai, la storia di Niki ha l'ordine perentorio di essere censurata. Troppo scomodo per il "nuovo" che avanza.

Tra qualche anno capiremo di più!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

Concordo con te Inka. E come ti ho scrito nel post precedente, bravo per aver ricapitolato alla grande la storia scomoda di Niki.

upupa ha detto...

Carissimo...il "nuovo"????????''

l'incarcerato ha detto...

C'è del nuovo Upupa, se leggi bene c'è...

l'incarcerato ha detto...

Se poi sapevi del coinvolgimento della mafia e 'ndrangheta, del documento in cui si evince chiaramente che gli americani salvarono Borghese( e quindi non è più un ipotesi ma la verità), di Panaguluis e i regime dei colonnelli greci collegato a questa storia, del ragionamento che la situazione è molto simile a quella attuale e che Berlusconi non sarà l'artefice ma solo una pedina impazzita, sono contento per te! :) Ma ci sarà qualcuno sicuramente che ha appreso qualcosa in più. Lo scopo del mio blog che ho da tre anni è soprattutto questo: l'informazione e l'aiuto nella presa di coscienza individuale!

Ernest ha detto...

ottimo post inka
un saluto