venerdì 15 ottobre 2010

FIOM:Domani tutti a manifestare a Roma. E contro i Padroni!

Ieri sera ho solo visto l'ultima parte di Annozero quando c'era il signor Riotta, un esperto in materia dicono, che asseriva che non siamo nell'800 e i Padroni non esistono più.

Poi per dire la verità non è stato così originale perchè mesi prima c'era il signor Malboro, ops Marchionne, che al meeting di Rimini disse commosso:
"Non è possibile gettare le basi del domani continuando a pensare che ci sia una lotta tra “capitale” e “lavoro”, tra “padroni” e “operai”. Se l’Italia non riesce ad abbandonare questo modello di pensiero, non risolveremo mai niente. Erigere barricate all’interno del nostro sistema alimenta solo una guerra in famiglia."
Care teste di capra, non abbiamo capito niente, voi che lavorate nelle fabbriche, in piccole aziende, voi che pulite i cessi tramite cooperativa e sempre tramite cooperativa lavorate negli ospedali, negli asili, insomma quasi dappertutto e con contratti determinati, senza ferie pagate, con la paura di beccarvi l'influenza perchè col cavolo vi pagano la malattia.

Voi insomma ma non vi siete accorti di stare in una grande famiglia? Non esiste il Padrone, ma il Padre e la Madre. E voi siete dei figli ingrati. E questa casa non è un albergo!

Ma come vi permettete a disubbidire? Il quarto comandamento dice "onora il padre e la madre". E questi figli impertinenti della FIOM che pretendono di conservare i vecchi diritti cosa credono di essere?

Marchionne è un padre all'avanguardia, perfino poetico, non è mica un padre-padrone! Vuole il meglio per il suo impero e i suoi figli, lui si che fa sacrifici per sfamarvi tutti ! E voi ingrati della FIOM volevate ostacolare il referendum di Pomigliano? E così tutto il resto? Ma non capiti, figli ingrati che riducendo i vostri diritti potrete far produrre di più?

Non capite, non capiamo nulla e noi ancora dobbiamo crescere, anzi come dice lui non siamo capaci di vedere al di là dell'orizzonte. Noi siamo figli indegni.


E da bravi ribelli e disubbidienti vogliamo appunto che non si ritorni nell'800, anche perchè come dice qualcuno noi siamo ritornati ai tempi ancora più lontani quando ancora non esisteva la parola lavoratore salariato, ma semplicemente lo schiavo!

Domani partecipiamo in massa a Roma con la FIOM e, benché Maroni ci ha fatto capire che faranno di tutto per sabotarci con la violenza e i soliti infiltrati (e spero non qualcosa di più grave), noi figli ingrati protesteremo contro i Padroni.

Una parola vecchia, è vero. Ma non è colpa mica nostra che i vari Marchionne, Montezemolo e Mercegaglia ci trattano appunto come se fossimo i loro pargoletti da sfruttare.

Allora domani 16 Ottobre tutti a Roma a riprenderci la nostra dignità. Ormai da tempo calpestata.




1 commento:

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Manifesta ma tieni anche gli occhi aperti per documentare tutto. Le parole di Maroni mi hanno messo in forte allerta.