mercoledì 22 settembre 2010

Niki Aprile Gatti: il meccanismo del Potere!

C'è un intervista molto ben fatta grazie al blogger Steven Muccioli di San Marino.

Chi la legge non può che avere un brivido che percorre tutta la pelle. Ornella, attraverso le sue risposte profondissime e lucidissime, piene di rabbia e dolore, ha ben spiegato il meccanismo "raffinato" del Potere.

Chi ancora non riesce a capacitarsi per quale motivo oscuro la morte di Niki Aprile Gatti non ha conquistato le prime pagine dei giornali come quelle di Cucchi, Aldovrandi e tante altre morti che tutti conoscono e hanno provocato manifestazioni e indignazione generale, la risposta la troverete attraverso le sue parole. La morte di Niki purtroppo non si riduce alla brutale violenza di "quattro mele marce", ma a qualcosa di molto più grande e complesso.

Il caso di Niki non è merce di scambio, non fa parte dei giochi delle parti, per questo vogliono che non se ne parli. Scoprire la Verità e avere Giustizia non fa comodo a nessuno. Anche per il Potere che varca i confini nazionali: parte dal profondo sud calabrese, attraversa l'Umbria, approda a San Marino, passa per Londra per poi terminare a quel maledetto carcere di Sollicciano.

Niki Aprile Gatti, nonostante l'archiviazione dica il contrario, è stato ucciso. Non c'è ombra di dubbio su questo!

Ma voglio ricordare a chi in qualche modo è coinvolto in questa storia che alla fine, da complice del carnefice, si passa pure a vittima del Potere stesso che lo utilizzava.

Vi lascio un pezzo dell'intervista, ma vi prego di andarla a leggere interamente qua: vocefuoricampo.blogspot.com


  • Pensa che San Marino e l'Italia abbiano in qualche modo contribuito al velo che ancora ricopre la sua vicenda? O si sono limitate ad archiviare l'accaduto, ignorandolo?

  • Non lo hanno ignorato a mio avviso....anzi ….ma hanno contribuito entrambi gli Stati a coprirlo, perché approfondirlo avrebbe significato molte cose...forse TROPPE!!


Leggete l'intera intervista qui.



E a tutte quelle persone che sanno, hanno gli strumenti, la possibilità di aiutarci, ma ci hanno abbandonato: vergognatevi, ogni volta che fate qualcosa per avere delle immediati soddisfazioni personali ricordatevi che sarete pure stimati dalla maggior parte delle persone. Ma loro non sanno, noi si.

Ma tra poco arriveremo alla Verità e Giustizia per Niki e sapranno anche loro.

4 commenti:

Tua madre Ornella ha detto...

Inka

Grazie...che tesoro che sei!!!!

E noi lo sappiamo che sono in molti a sapere....

Un abbraccio
Ornella

ventopiumoso ha detto...

inka, ornella e anche upupa, quando tutta questa storia si chiarira', e lo spero vivamente, mi piacerebbe proprio conoscervi.

ok, non sono piu' in italia, ma che ne so, coi potenti mezzi di oggi in altro modo..

ormai vi sto seguendo da troppo tempo.. e ancora non ho ben capito tutte le connessioni. inka, forse ci starebbe bene un bel riassunto anche un po' dettagliato e che metta in evidenza tutte le connessioni ed i risvolti. qualche volta ho provato a raccontare la vicenda a qualcuno, ma ho solo fatto grandi casini.

e mi rendo conto che per me, che non ne sono coinvolto direttamente, e' quasi un thriller-noir. un po' me ne vergogno, soprattutto leggendo lo strazio che trapela dalle parole di ornella..

pero', ornella, la passione e la rabbia che ci mette nel tuo sito rende tutto terribilmente vero.. ovvero per quello che e'.

l'incarcerato ha detto...

Caro ventopiumoso, hai ragionenel dire che è tutto così complesso. Credimi, ma fare un rissunto con tutti i collegamenti che ho fatto stradafacendo sarebbe un impresa ardua anche per me. Fai benissimo a raccontare ai tuoi amici e conoscenti questa storia. Secondo me se ti limiti a raccontare semplicemente i fatti accaduti, già apparirebbe incredibile. Ma già capirebbero tutto lo schifo che c'è dietro.

Importante la diffusione, soprattutto quella verbale. Grazie per il tuo appoggio. Un giorno ci conosceremo tutti di persona. Non preoccuparti.

Io non mollo, e piano piano stiamo incastrando tutti i tasselli. Con le nostre uniche forze e l'aiuto di persone sensibili e volenterose stiamo arrivando alla verità.

I nodi arriveranno al pettine. Solo che ancora non c'è il pettine. Manca quello e abbiamo fatto.

Ernest ha detto...

come sempre grande
un saluto