martedì 24 agosto 2010

Sarkozy,il rimedio populista per aumentare il consenso e facebook!

Ogni qual volta un Governo ha bisogno di rafforzarsi trova il suo rimedio nel populismo, approfitta dei pregiudizi e timori della gente e inizia campagne pericolosissime e incivili.

Il Presidente Francese Nicolas Sarkozy visto che ha registrato un calo di consensi, subito ha avviato le deportazioni dei Rom e Sinti. E guarda caso la sua popolarità è alle stelle!

E guarda caso il nostro ministro Maroni ha già detto che farà anche di più.

Bene, io non amo Facebook ma alla fine è una piazza virtuale e comunque rispecchia la società di adesso. Allora vi riporto un dialogo tra me e chi ovviamente è piena, a mio avviso, di pregiudizi.

Ce ne sono tanti di dialoghi di questo tipo, ogni tanto li riporterò per le teste di capra che non sono iscritte a Facebook!



  • Emanuela Senza Bavaglio Rossini neanche la santificazione però....eh....
    domenica alle 12.44

  • Sono L'incarcerato Emanuela, hai letto il post in otto secondi?
    domenica alle 12.45 ·· 1 persona ·

  • Emanuela Senza Bavaglio Rossini
    ‎..no, nn l'ho letto, perchè ho già letto altro...deploro questa criminalizzazione e questa deriva fascista, la deploro, ma deve diventare un fine Europeo trovare soluzione a queste persone..nn possono definirsi nomadi e poi stanziare tutt...a la vita..a fare che????
    E' cultura antica e da rispettare nn dobbiamo permettere che diventino i nuovi reietti europei, però LORO devono prendere atto e risolvere da soli i loro problemi....di incoerenza.Mi spiego??
    Mostra tutto
    domenica alle 12.48 ·

  • Sono L'incarcerato E qui che ti sbagli, questo è un altro luogo comune! Ecco perchè invito a studiare la loro cultura e il processo storico. Noi li chiamiamo nomadi, ma in realtà sono stanziali! Sono costretti ad errare sempre a causa nostra perchè li cacciamo in continuazione.
    domenica alle 12.53 ·

  • Emanuela Senza Bavaglio Rossini
    aaaaaaaa beh, allora che abbiano diritti e doveri.
    Diversamente e con le tue parole confermi la mia idea, bisognerà trovare una soluzione europea trovare una terra dove possano stare, vivere e riprodursi secondo la loro cultura..
    diversament...e quale è la tua soluzione? Dobbiamo mantenerli?? aaaaa NO,
    domenica alle 12.56 ·

  • Laura לאו Todisco Io una terra di deportazione la cercherei per i mafiosi che rappresentano una buona percentuale di italiani

  • Emanuela Senza Bavaglio Rossini anche anche..Laura.
    domenica alle 13.00 ·

  • Sono L'incarcerato
    Cosa dici Emanuela! Trovare un luogo e ammassarli tutti là? Si chiama deportazione! Mantenerli? Ma chi dice questo, chi lo dice? Permettergli di farli a lavorare, farli vivere nelle case come noi! Mandare i bimbi a studiare e tanti ci van...no ma poi lo sai cosa accade? Noi gli distruggiamo le baracche per mandarli via e i bambini sono costretti di nuovo ad abbandonare le scuole! E poi forse non sai che la maggior parte dei rom sono ITALIANI ! Informiamoci, abbandoniamo i luoghi comuni!

    Lo sai che tanti italiani per non essere vittima di discriminazione nascondono la loro identità rom? Uno famoso è Pirlo, il nostro calciatore nazionale...
    domenica alle 13.02 · 3 personeCaricamento...

  • Sono L'incarcerato Però Emanuela, fammi un favore. Anzi fatemi un favore! Leggete quello che ho scritto. NOn vorrei che fosse tutto inutile. Forse si possono conoscere cose nuove. Forse...
    domenica alle 13.04 ·· 1 personaCaricamento... ·

  • Emanuela Senza Bavaglio Rossini
    ‎...sììì utopie pelose e fintobuoniste io le ho abbandonate da tempo..ma quale ammassare..
    lavoro?? basta cercarlo e trovarlo...
    trovarlo?? Io chiudo un'attività tra poco e saò l'ennesima disoccupata..
    ci vuole tolleranza ma anche realismo, ...questo è il mio pensiero.
    domenica alle 13.05 ·

  • Laura לאו Todisco Oltre ad essere italiani, i rom sono cittadini europei, ma purtroppo la maggioranza degli italiani non lo è...
    domenica alle 13.07 · ·2 personeCaricamento...

  • Laura לאו Todisco Quanto rancore!. Io da italiana, ho una soluzione: rispedirli a zappare la terra. Non c'è cultura, non c'è progresso, non c'è tolleranza. Il loro luogo ideale sono i campi da vangare, circondati dalle mucche
    domenica alle 13.09

  • Sono L'incarcerato
    Assurdo quello che dici lo sai come si definisce: lotta tra poveri! Utopie? In Spagna c'è un ottima politica al riguardo, pensa un po' c'è addirittura un parlamentare spagnolo Rom. Madonna, che cosa aberrante! Un rom al Parlamento! Ma come ...è possibile, ma come!
    Vedendo poi che molti di voi si definiscono a sinistra e invece l'unico scopo è contrastare Berlusconi, bè! Siamo messi davvero male. L'Italia d'altronde è intollerante e razzista nel dna, il Fascismo lo abbiamo esportato noi! Ci sarà un motivo...
    Mostra tutto

  • Emanuela Senza Bavaglio Rossini ma nooo, nn è così Laura, mi batterò sempre contro gli sgomeri ed i rimpatri, è un ragionamento realistico che propongo..poi se volete capire diversamente, la possiamo chiudere anche qui.
    domenica alle 13.11 ·

  • Emanuela Senza Bavaglio Rossini uuuuuuuuuuuu ecco che arriva la demagogia...
    ats salud!!!
    domenica alle 13.12 ·

  • Laura לאו Todisco Allora grazie, Emanuela, ci hai fornito uno spaccato realistico della mentalità di tanti.....troppi...
    domenica alle 13.12 ·

  • Ornella Gemini quoto LAURA!!!!
    ROM NON LASCIATECI SOLI CON GLI ITALIANI!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    !!
    domenica alle 13.14 · · 3 personeCaricamento... ·

  • Laura לאו Todisco Io ci metto le mani sul fuoco, che queste erano le stesse cose che si pensavano e si dicevano sugli ebrei. Anch'essi italiani, considerati stranieri. Troppe, inquietanti similitudini !
    domenica alle 13.19 · · 1 personaCaricamento... ·

  • Sono L'incarcerato Vedi Ornella quando ti dissi che il mio timore più assoluto e che dopo Belrusconi ho paura che verrà un populista peggiore di lui cavalcando le paure infondate della gente nei confronti delle minoranze? Ci sarà un motivo che la Lega prende così tanti voti! Io sono tentato nell'arrendermi! D'altronde sono le stesse persone che un tempo pensavano che le carceri fossero un albergo, forse cambieranno pure in questo. Speriamo...

  • Emanuela Senza Bavaglio Rossini
    ma nn dite cazzate, state parlando con una persona che la pensa come voi!!! Se continuate così, a rincorrere sogni utopici nn servirà a nulla..
    ci vuole relismo, tolleranza, e risoluzione dei problemi.Sig.ra Ornella sono di rimini e seguo da... sempre il suo dramma e, nell'affermazione fatta le dò pienamente ragione..verità x Nichi
    da subito ho contribuito a far crescere il suo gruppo e a diffondere la storia di Nichi, quindi per cortesia, nn creiamo NEMICI più di quanti nn ne esistano veramente.
    Mostra tutto
    domenica alle 13.25 ·

  • Ornella Gemini
    Inka non possiamo arrenderci e lo sai..... dobbiamo aiutare a capire o forse dobbiamo riscoprire l'Amore....sai il giudizio superficiale è dettato dalla superficialità indotta dalla società, sin dall'inizio sapevamo che non è una battaglia ...semplice ma ci sono anche tante belle persone e tanti bei commenti.... Mussolini fece in modo che anche nei campi ci fossero le radio..... come oggi abbiamo la Tv IN OGNI ANGOLO DI CASA E DEL LAVORO.....lavaggio del cervello....continuo e le persone vengono plasmate....Non è colpa loro Inka, non c'è piu' la capacità di ragionare si è persa con l'assuefazione...Hai visto quanti e-book sono stati venduti???????? Io vendo libri e ti posso assicurare che il 5% nazionale è ottimistico...e allora a che cosa servirà alla popolazione italiana l'e-book??? LA VERITA' E' CHE E' SCHIC TIRARLO FUORI DAVANTI AGLI ALTRI MA NON SANNO NEANCHE COSA SIA!!!!!!!!! (o comunque certamente non vi leggerano un libro!!!!) QUESTO SIAMO
    domenica alle 13.27 ·· 2 personeCaricamento... ·

  • Sono L'incarcerato
    Scusa Emanuela, ma leggendo i tuoi commenti, su questi temi non la penso assolutamente come te! I sogni utopici? Allora si fa finta di non sentire! Esistono epr fortuna Paesi dove l'integrazione funziona benissimo. Ma per farlo, dobbiamo c...ambiare noi l'atteggiamento intollerante. E forse si, questa è un utopia...

    E tu le definirai cazzate, ma per queste cazzate si rafforzano le camicie verdi e non solo! Comunque per Niki, ti ringrazio del contributo!

    A Rimini comunque i peggiori delinquenti sono Italiani, quindi non prendiamocela con i rom che non arrivano al 2 percento.
    domenica alle 13.30 ·

  • Sono L'incarcerato Scusami Emanuela ma ho citato Rimini perchè lì ci sono delle persone che fanno affari e che hanno a che fare con la storia di Niki!
    domenica alle 13.31 ·

  • Emanuela Senza Bavaglio Rossini ‎..certo per forza..ti ho capito.
    IO ti ho capito.
    ciao
    domenica alle 13.33 · · 1 personaCaricamento... ·

  • Marco Fedi Emanuela, mi sembri un po' confusa, prima dici che il lavoro si trova, alla riga successiva che rimani disoccupata.

    Siccome nessuno vuole diventare schizofrenico, ci dai qualche certezza?

  • Massimo Ribaudo
    Non arrenderti, Incarcerato ! Stiamo arrivando all'atto finale. Non è proprio il momento di arrendersi :) Emanuela, io sono un realista e non sopporto ogni forma di buonismo perbenista (carità pelosa), ne' di correttezza politica (ipocrisia... sociale).
    Quello che Maroni non vuole capire per ragioni elettorali (è intelligente, quindi fa finta di non capire) è che ci troveremo sempre di più di fronte a grossi spostamenti umani globali. Immani. Che entreranno nei libri di storia.
    Non si può fermare il processo o arrestarlo. Bisogna gestirlo. Quindi, si fanno accordi tra stati per porre al sicuro le popolazioni dai DELINQUENTI. Non si va contro gli zingari. Ci si oppone con sistemi CONCERTATI alla delinquenza. Si insegna in scuole pubbliche degne di questo nome la cultura della legalità. Si insegna agli italiani che, tra rubare un portafoglio in metropolitana e far costruire navi Tirrenia INUTILIZZABILI c'è una grande differenza. E' il secondo crimine che sta rovinando la nostra vita. Quindi, prima di deportare un ROM, vanno esiliati o costretti ai lavori forzati coloro che hanno provocato il crack Tirrenia, coloro che hanno deciso che a Parma doveva essere costruita una metropolitana, coloro che a Roma (Grazie Incarcerato per i tuoi ottimi articoli sul tema) riciclano i soldi della malavita più feroce.
    Vedrai che in questo modo, Manuela, noi avremo un lavoro adeguato, e le masse umane che chiedono solo una speranza di vita potranno ottenerla. Ci vorranno una decina d'anni.
    Questi, son gli ultimi rantolii del vecchio mondo.
    Hanno già perso.
    2 personeCaricamento... ·

  • Sono L'incarcerato Grazie Massimo. La tua analisi è stata davvero eloquente!
    domenica alle 14.25

  • Chiara Senza Bavaglio Manzini
    Sai Ornella, io penso che più che l'Amore in molti casi basterebbe un po' più di EDUCAZIONE. Cerco di spiegarmi meglio.
    Oggi conosciamo con sufficiente precisione sia l'infondatezza scientifica del razzismo (e la sua natura, invece, ideologi...ca) sia i meccanismi complessi (culturali, inconsci, sociali) che lo attivano. Come pure le "strade" che esso percorre: dall'esclusione allo sterminio.
    Oggi si può dire che la nozione di "razza" è stata destituita dalla nozione di "etnia". E' una nozione più storico-culturale e meno "fisica" (somatica) che coinvolge tecniche di lavoro, stili di vita, forme di linguaggio, quindi una nozione più critica, più flessibile e dinamica. Infatti, le etnie vanno comprese, valorizzate proprio nella loro differenza, perché sono universi complessi di valori, di modelli, di stili che sempre e comunque ARRICCHISCONO la dimensione dell'umano. C'è sempre da imparare dalla diversità. Chi ci dice che i nostri modelli, i nostri stili siano quelli "giusti" ? La "parola d'ordine" è CAPIRE ma soprattutto INTERVENIRE attraverso processi educativi (educare alla tolleranza, al rispetto dell'altro, alla valorizzazione delle differenze). Sensibilizzare le coscienze e predisporre "attacchi" contro questa intolleranza che sta prendendo campo in Europa.
    Capisco di essere una "privilegiata" perché io tante cose le ho imparate viaggiando: "viaggiare illumina la mente ed elimina i pregiudizi". Qualcuno mi potrebbe dire: "...per viaggiare occorrono soldi, beata te che tu l'hai !". Rispondo che non sempre è così, dipende da COME si viaggia e soprattutto dalle mete che si prediligono !
    Io ho imparato tanto in un "povero" villaggio di boscimani, soprattutto ho imparato quali sono i veri valori della vita.
    Mostra tutto
    domenica alle 15.51 · 3 personeCaricamento... ·

  • Jolanda Gemini Come sempre un'analisi perfetta!!!!!!!!!!Bravo Incarcerato!Quante colpe questa umanità disumana...
    domenica alle 19.03 ·

  • Emanuela Senza Bavaglio Rossini ironizzavo..Marco :-)) sono concentratissima tranqui.


3 commenti:

Tua madre Ornella ha detto...

Caro Inka
contestualmente io ho linkato sulla mia bakeka questa bellissima poesia che voglio mettere anche qui, perchè il nostro tesoro sono i blog e non facebook che come hai visto pecca di superficialità, io non metto "mi piace" a qualcosa che non ho letto perchè potrei mettere la mia adesione a qualcosa che non condivido affatto!!!!!
Invece su facebook tutto è molto immediato ed è qualcosa che non vorrei essere stato creato per far morire piano piano i blog che invece ci forniscono l'approfondimento e la ricerca!!!
L'utilizzo di facebook deve essere solo divulgativo ma i nostri blog, la nostra anima la dobbiamo difendere.... Fra di noi mai si fa un commento senza leggere....!!!
Ecco la poesia:
Gente
"Gente in fuga davanti ad altra gente.
In un qualche paese sotto il sole
...e alcune nuvole.
Si lasciano alle spalle un qualche loro tutto,
campi seminati, delle galline, cani,
specchietti in cui il fuoco ora si sta guardando.
Hanno alle spalle brocche e fagotti,
quanto piu' vuoti, tanto piu' di giorno in giorno pesanti.
C'è chi in silenzio si sta fermando,
e ch nel chiasso a un altro il pane sta rubando
e chi un bambino morto sta scuotendo.
Se potrà scegliere,
forse non vorrà essere nemico........"
Wistawa Szymborska
Un bacio Inka, buon post anche per capire......!
Ornella

GM C ha detto...

"Questi sono gli ultimi rantolii del vecchio mondo"... d'accordissimo!
E non voglio proprio pensare a ciò che accadrebbe se, passata l'epoca di Berlusconi e del suo "staff", corressimo il rischio di ritrovarci in mani uguali o peggiori... non può accadere, quindi bisogna continuare a raccontare, analizzare e... sperare! Sperare che ogni racconto, analisi, critica costruttiva possa trovare terreno fertile, eco e soluzioni concrete perché le problamatiche della società sono talmente tante che solo "aggredendole" (passatemi il termine) alla base creando presupposti diversi (e mi riferisco a scuola e cultura, loro si, cambiano radicalmente il panorama) si può provare a costruire un mondo d'integrazione, arricchimento reciproco, lavoro ed uguaglianza di diritti non solo sulla carta ma realmente.
Ma questo è solo il mio pensiero!
Ti abbraccio

l'incarcerato ha detto...

Grazie Orenlla, è una poesia davvero bella e che ti lascia di stucco!

Cara GM C tu hai perfettamente ragione. Io credo fermamente che se vogliamo sperare in un cambiamento, l'unica speranza è da riporla nella cultura. Non è un caso che stanno mettendocela tutta per distruggere la scuola e ridurla semplicemente in un luogo che serve solo per creare forza lavoro. IO purtroppo respiro nell'aria, tra la gente, la mancanza di approfondire, di analizzare gli eventi e sopratutto manca la percezione del proprio stato sociale! Un tempo si definiva "coscienza di classe" e non è u pensiero retrogado ma deve essere attuale. Solo allora forse la gente finisce di prendersela con i suoi simili, quelli che vivono gli stessi disagi ma si tutti si uniranno per combattere la vera causa di questo stato di cose.

E noi che capiamo qualcosa di più abbiamo il dovere di fare qualcosa. Dobbiamo farci carico di questa responsabilità.

Ma ora il Popolo preferisce delegare la propria responsabilità agli altri, votando magari una formazione che potrebbe rivelarsi la peggiore.

Vorrei far capire che il cambiamento non avviene facendo un segno di matita su una scheda elettorale. Troppo comodo e in questa democrazia malata è del tutto inutile!