lunedì 9 agosto 2010

La Banda Degli Ex Pentiti e l'omicido di Niki Aprile Gatti!

Care teste di capra, su facebook è in corso un via vai di commenti per via di una piccola rivelazione che Ornella Gemini , madre di Niki Aprile Gatti,ed io abbiamo fatto. E la gente è indignata. Per questo motivo ora vi invito a rileggere un mio vecchio post su questa Banda perugina. Un intreccio tra le famose tre "m" che stanno per massoneria, mafia e magistratura. Capirete vari intrecci che con tutta sincerità la cosiddetta "nuova P3" non è proprio nulla.

Buona lettura!



Care teste di capra, come avrete notato il capitolo sette di questa lunga saga sulla 'ndrangheta è ancora incompleto e l'ho lasciato appositamente aperto. Si evince chiaramente che questa organizzazione formata da ex pentiti non è un semplice gruppo di sfigati dedita solo allo spaccio e alle estorsioni.


Salvatore Menzo, il capo di questa raffinata organizzazione, è un uomo che si presenta bene, sa far soldi e oltre a gestire un Night, riusciva a fare affari illeciti con varie imprese, banche e soprattutto legava il suo gruppo con la 'ndrangheta, mafia e camorra.

Faceva paura Menzo, i suoi uomini avevano timore di lui ed era difficile che rifiutassero gli ordini che emanava. Come pare che, Marcello Russo e l'imprenditore Carpisassi, non abbiano rifiutato l'ordine di uccidere Salvatore Conte.

Conte, ricordiamolo, era un altro ex pentito che avrebbe fatto rivelazioni importanti a Francesco Neri, un giudice calabrese molto in gamba che dedica anima e corpo la lotta alla 'ndrangheta e la massoneria deviata. E non a caso anche lui si occupò dell'inchiesta di Cordova, quella della massoneria a Perugia.

Un magistrato che io considero superiore a De Magistris e che anche lui ha subito forti pressioni, come quando gli tolsero l'inchiesta su Ilaria Alpi e il traffico dei rifiuti radioattivi.

Perchè come sapete la 'ndrangheta gestiva il flusso delle navi che trasportavano illegalmente rifiuti radioattivi e ogni tanto, per nasconderle, le affondavano direttamente. Il tutto, ovviamente, con l'ausilio dei servizi segreti italiani.

Francesco Neri in qualche modo attraverso l'inchiesta "Gioco d'azzardo" era incappato indirettamente verso questa persona che poi è stata uccisa.

O lasciata uccidere?

Una domanda lecita che "qualcuno" mi ha fatto notare. Ci sono state intercettazioni telefoniche che sono servite a contribuire all'arresto dell'organizzazione: “dobbiamo farlo fuori entro domenica, altrimenti salgono quelli la e lo fanno fuori alla scappata, (al volo, in mezzo alla folla, ovvero in pieno stile camorristico)".

Sappiamo che il corpo fu ritrovato in seguito alla testimonianza di Carpisassi e Russo. Ma perchè quando sono stati intercettati, non hanno fatto in modo di salvare la vita di Conte? Perchè lasciato morire? Sono domande più che lecite e non trovano risposta.

Marcello Russo, accusato come esecutore materiale dell'omicidio di Conte, era stato incarcerato al supercarcere di Voghera (tra l'altro lo stesso carcere dove si conobbero gli ex pentiti) e due giorni prima di essere stato ascoltato dal magistrato Restivo, si è suicidato!

Strano, molto strano. Perchè uccidersi se, a detta dell'avvocato della madre che non crede al suicidio, voleva fare delle rivelazioni importanti ?

Marcello Russo, 38 anni, si è ammazzato il 22 Marzo scorso inalandosi il gas del fornelletto per "sballarsi" e poi si è messo un sacchetto di plastica. Insomma un suicidio davvero strano.

Talmente anomalo che non ci crede nessuno, nemmeno i detenuti della stessa sezione. E pare anche la magistratura che ha aperto un' inchiesta, la quale ipotizza addirittura l "istigazione al suicidio". Certo che ogni tanto nascono dei termini bizzarri per nascondere le verità.

Il fatto certo è che due giorni dopo avrebbe fatto delle rivelazioni importanti.

E già due persone chiave sono morte. O lasciate morire, dipende dai punti di vista!

Salvatore Menzo pare che addirittura potrebbe avere delle attenuanti visto che si dimostra nuovamente collaborativo. Strano, molto strano.

Le "due M" si sono incrociate con un' altra M? Che sta per Magistratura? O meglio, una parte del suo apparato risulta inquinato? E perchè tutte queste coperture?

Chi si vuole coprire? Cosa c'è di tanto grave e importante che potrebbe far saltare gli equilibri non solo della regione Umbria ma forse dell'Italia intera?

D'altronde tutto gravita intorno a questo gruppo, perfino il riciclaggio del denaro sporco# ricavato dallo smaltimento dei rifiuti campani gestiti dalla Camorra, ma anche interessi legati ad altre inchieste davvero importanti e tristemente famose.

Care teste di capra, non trovate una similitudine con la Banda Della Magliana?

Hanno le identiche caratteristiche: legami con la 'ndrangheta, camorra, sacra corona unita e mafia Siciliana, rapporti con forti poteri legati probabilmente alla politica e alla massoneria, uccidono per non far saltare degli equilibri, trafficano droga,chiedono il pizzo, gestiscono imprese, controllano la città e soprattutto ad ogni fatto importante che accade in Italia, direttamente o indirettamente ci sono loro.

Proprio come la Banda Della Magliana di un tempo.

Vi ricordate il detto "non si muove foglia che Banda della Magliana non voglia"?

Ecco! Anche questa Banda apparentemente smantellata è così.

Probabilmente ci saranno sorprese.

Almeno spero.


# il link che parlava del collegamento della banda di Menzo con il riciclaggio dei rifiuti misteriosamente è ora inesistente!

6 commenti:

mallo ha detto...

Bell'intreccio.
Oggi Menzo è ancora collaborativo?

l'incarcerato ha detto...

Si, è ancora agli arresti domiciliari nonostante la sua posizione! Immagino che potrà navigare su internet tranquillamente...

Anonimo ha detto...

Bella domanda si è ancora collaborativo ed io ho subito la sua menzo....gna ricorda caro incarcerato io non ho paura di quel testa di ca...pra a me non mi ha mai comandato

l'incarcerato ha detto...

Non ti ha mai comandato, posso crederci. Ma ha il potere di ricattare attraverso la menzogna? Punto di domanda. E se è riuscito, nonostante la sua recidività, ad ottenere gli arresti domiciliari, perchè è così coperto? E come mai anche a Perugia non fanno trapelare nulla? Io penso che l'inchiesta sia stata chiusa. Sbaglio caro anonimo?

Tua madre Ornella ha detto...

x Anonimo 20.12

NON HAI paura?????????

E PERCHE' NON PARLI????????

PERCHE' GIOCHI??????????

CE L'HAI FIGLI????????????

V E R G O G N A

CHI PARLA MALE DI UN SISTEMA LO COMBATTE MA LO COMBATTE VERAMENTE!!!

METTITI AL MIO FIANCO SE HAI GLI ATTRIBUTI DIMMI LA VERITA' IO CI METTO GLI AVVOCATI E VEDIAMO SE IL SISTEMA LO RIBALTIAMO!!!

PERCHE' LO So' che sai MOLTO DI PIU' E CHE NON SEI UN MITOMANE ....
NON PENSATE DI AVERE DI FRONTE SEMPRE PERSONE IDIOTE......

DIVERSAMENTE NE FAI PARTE TANTO QUANTO QUELLI CHE DICI DI COMBATTERE!!!

E SE NON VUOI PARLARE TACI...PERCHE' HAI DI FRONTE UNA MAMMA CHE HA PERSO UN FIGLIO E DI GIOCARE NON HA DAVVERO NESSUNISSIMA VOGLIA!!!

E SE SEI LO STESSO DELL'ALTRA VOLTA (COME PENSO)TI RINGRAZIO PERCHE' CON LA TUA MEZZA VERITA' HAI FATTO SI' CHE ARCHIVIASSERO NIKI COME "SUICIDA" E QUINDI:
FAI PARTE DEL SISTEMA O NO????

SI CHE NE FAI PARTE!!!

Ornella la mamma orfana di NIKI APRILE GATTI

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

Gli intrecci sono parecchi ed é una massa assai complessa da dipanare ma mi pare che qui nessuno abbia intenzione di rinunciare a farlo....