lunedì 19 luglio 2010

Voterò alle primarie del PD per la prima volta

“Perché io? Perché sono voi quando non sopportate il centrosinistra avendo in mente un mondo diverso da questo. Noi abbiamo due obiettivi da raggiungere: il primo è l’indispensabilità di un metodo democratico che si sottrae alle nomenclature di partito; il secondo è portare nell’arena la domanda di una buona politica. Non c’è buona politica che possa prescindere da un discorso sul buio e sulla luce”

Nichi Vendola

Care teste di capra, non me lo sarei mai immaginato. Chi mi segue da tempo e specialmente chi mi conosce personalmente dai tempi delle mia militanza, rimarrà sbalordito ed incredulo: io voterò alle primarie del PD e con convinzione darò il mio voto a Nichi Vendola.


Qualcuno mi taccerà di incoerenza, ma invece è tutt'altro. Gli eventi cambiano, e anche le necessità. In questo caso Nichi rappresenta una salvezza e soprattutto la novità rispetto ai leader di oggi.

Sembrerebbe paradossale, ma quelle idee che sono state volutamente seppellite, rimosse, considerate anacronistiche sono la novità di quest'epoca. Portare avanti l'idea dello Stato Sociale, ridistribuzione equa dei profitti, i diritti dei lavoratori, la difesa dell'ambiente, la pubblicizzazione delle scuole e università sono temi innovativi rispetto ancora a chi, sia nel centrosinistra che nel centrodestra sposa la vecchia ideologia del libero mercato, delle privatizzazioni, della flessibilità e precarizzazione. Altro che "globalizzazione governabile" come disse quello zombie di D'Alema!

Nichi Vendola ha la possibilità di sfidare il centrodestra e spostare a sinistra questa "opposizione" allo sbando. Nichi ha vinto ben due volte nella regione Puglia che è stata sempre a destra e ha vinto non nascondendo la sua persona. Si è sempre dichiarato comunista, cattolico e omosessuale.

E non sapete che importanza abbia dichiarare la sua sessualità in questi tempi di forte omofobia e razzismo. Importantissimo in questi tempi dove tutti i politici la nascondono e quindi ricattabili, vedete il caso Marrazzo.

Nichi, rispetto a Bersani, Prodi o Veltroni, non appartiene(così sembra) a nessun gruppo di potere e non ha fatto scuola da nessuna grande Banca.

Oggi abbiamo la necessità di un vero cambiamento e Nichi sembrerebbe la persona giusta.

Mi dispiace molto che oramai Rifondazione Comunista è sparita, io da piccolo partecipai attivamente in quel Partito e ci credevo fortemente. Ma mi sono disamorato da tempo, e come tutti gli amori finiti, rimane solo un po' di tenerezza.

Nichi era stato anni fa anche vicepresidente della Commissione Antimafia e lui può benissimo coniugare il tema della Legalità con la Giustizia Sociale. Ed io in questo ci credo fortemente.

Se Nichi dovesse vincere alle Primarie io alle prossime elezioni politiche voterò il Centrosinistra. Probabilmente mi verrà un crampo alla mano, ma questo sarebbe già un piccolo miracolo.

Sia chiaro, io comunque rimarrò sempre all'opposizione. E pronto a criticare Nichi se fallirà o rinnegherà l'obiettivo che si è prefigurato oppure se si viene a sapere che favorirà come gli altri certi gruppi di potere occulti o meno.







Articolo pubblicato anche qui!

14 commenti:

Tua madre Ornella ha detto...

Inka

lì è troppo caldo.... perchè non vai un pò in montagna???

Un bacio
Ornella

l'incarcerato ha detto...

Ornella, ognuno la pensa come vuole. Magari mi sbaglierò, ma questo è il primo e se andrà male, ultimo tentativo!

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Forse non ci saranno neanche le primarie, non credere che gli permettano automaticamente di competere per la leadership, nel PD non è che siano molto sportivi :-D

l'incarcerato ha detto...

Hai ragione Vincenzo, ma se faranno così ovvio che perderanno di nuovo e certamente se lo scordano il mio voto. Come ho detto, è già un piccolo miracolo che andrò a votare alle primarie se ci sarà Vendola!

ps bentornato!

Kalindi ha detto...

... alle regionali ho votato il Partito Sinistra ecologia e libertà con nichi vendola. E' stato l'unico ad attirare la mia attenzione. Ripongo molto fiducia in Vendola, sembra un uomo onesto, l'unico in grado di salvare il Paese.

"Vi dico due parole importanti: "Sinistra" che significa la casa dei diritti, che significa accendere le luci sugli angoli del dolore sociale, che significa parlare degli invisibili, di tanta gente smarrita e perduta! E l'altra parola: "Libertà"! Dobbiamo liberare la libertà. Dobbiamo liberarla: ne han fatto un mercimonio, l'hanno sequestrata in un supermarket, l'hanno messa in una prigione: è la libertà dei potenti di fare ciò che credono e ciò che vogliono, di umiliare la giustizia, di umiliare un popolo! Non è questa la libertà! La libertà è un'altra!"
False speranze? Non lo so.

Alessandro Tauro ha detto...

Niente e nessuno in questo paese possono garantire che una promessa politica poi non finisca per rivelarsi una tremenda delusione.
E' l'imperfezione tipica della natura umana. Ma questo non significa che non ha senso sperare, quando lo si ritiene giusto, in una prospettiva politica per il futuro di questo paese.

Una cosa è certa e credo sia giusto e corretto riconoscerlo da ogni parte politica: Nichi Vendola rappresenta un valore aggiunto per la politica italiana ed, in particolar modo, per il centrosinistra. Ha costruito il proprio percorso politico attorno ad un approccio del tutto inedito, coinvolgendo nel miglior modo possibile le "giovani leve" del paese, aprendo alla discussione dal basso e lasciando agli elettori l'ultima parola su ogni scelta importante, cosa che nel resto del centrosinistra spesso è valido ma solo in teoria.

Ha ragione, inoltre, quando ripete che per sconfiggere il centrodestra in questo paese bisogna prima "sconfiggere", in altri modi, il centrosinistra. Finora è l'unico esponente politico che si è preso la briga di farlo in ben due occasioni. Se ci riuscirà o meno una terza volta (o anche se le prime due si sono concluse in un pieno successo) sarà il futuro a dircelo.

L'accoglienza per nulla cortese che i "leaders", gli esponenti e le strutture dei partiti del centrosinistra gli stanno riservando in queste ore credo sia parecchio esplicativo quantomeno sulla bontà delle intenzioni.

upupa ha detto...

Carissimo...in un'Italia bacchettona e "votata"all'illegalità diffusa, non c'è posto per la diversità anche se questa è sempre una risorsa costruttiva...Purtroppo nel territorio del PD domina la desertificazione di idee,di progettualità,di prospettive...A proposito di Vendola,sa ben comunicare,sa conquistare la massa...ma io vorrei conoscere il suo progetto,vorrei conoscere i suoi obiettivi...altrimenti si cade nel vecchio errore fatto dalla sinistra negli ultimi anni.Il problema dell'Italia è la dirigenza...troppi vecchi, tutti legati a "vecchi" schemi e costrutti che non reggono alla "velocità" di un mondo che ha bisogno di dinamismo e nuove idee...E Vendola non è un politico di "primo pelo" e poi dovrebbe abbandonare quell'alone di no-global che ancora lo illumina....

l'incarcerato ha detto...

Già un piccolo miracolo è avvenuto: grazie a Vendola stiamo parlando del centrosinistra e della vera politica! Far rinascere la passione politica in tante persone, specialmente ai giovanissimi, non è una cosa di poco conto!

luce ha detto...

Io sono con Vendola da sempre e ci credo ancora in una sinistra come la vuole lui:progressita, moderna,solidale, moderata ed evoluta.
Sono contenta che piaccia anche a te, considerato che ti stimo molto.
Un abbraccio

Itsas ha detto...

piace anche a me Nichi
non credo che gli permetteranno di fare il miracolo, i leader del cenrosinistra non valgono veramente nulla, ma ci può e ci deve provare

sono con lui!

Ernest ha detto...

A me piace Vendola, credo che non gli permetteranno di partecipare alle primare (questo è un sospetto), sono dell'idea però che è tutto il pd il problema, cioè la classe dirigente che dovrebbe andarsene a casa, e si dovrebbe dar vita ad un vero soggetto di sinistra
un saluto inka

Maraptica ha detto...

Farei parecchia fatica e dovrei dare un voto ad un partito (che non rappresenta affatto il mio concetto di "sinistra") per appoggiare Vendola. Tutto sommato non mi sembra un pensiero assurdo, lo valuterei...

cometa ha detto...

Boh, sono molto perplesso...
Comunque, che c'entra che si è dichiarato "cattolico e omosessuale"? cosa ha a che vedere con la politica?
Perché si deve spettacolarizzare, personalizzare?... Anche Vendola partecipa al triste Grande Fratello della politichina italica.

l'incarcerato ha detto...

Secondo me ora che si tende a speculare sui propri costumi privati(vedesi Marrazzo oppure la preparazione del falso dossier su Caldoro da parte della cricca) penso che dichiararsi fa bene, onde evitare gli stupidi gossip e attacchi bigotti. E ci è riuscito, si è fatto rispettare.

Dovrebbe essere preso come esempio da molta gente.

Io credo che lui abbia la capacità spostare a sinistra questo schieramento privo di idee, e soprattutto ridare spessore alla Politica sempre più alla deriva perchè berlusconizzata!