sabato 29 maggio 2010

S'i' fosse foco, ardere' il mondo

S'i' fosse foco, arderei 'l mondo;
s'i' fosse vento, lo tempestarei;
s'i' fosse acqua, i' l'annegherei;
s'i' fosse Dio, mandereil'en profondo;

s'i' fosse papa, allor serei giocondo,

ché tutti cristïani imbrigarei;
s'i' fosse 'mperator, sa' che farei?
a tutti taglierei lo capo a tondo.

S'i' fosse morte, andarei da mi' padre;

s'i' fosse vita, non starei con lui:
similemente faria da mi' madre,

S'i' fosse Cecco, com'i' sono e fui,

torrei le donne giovani e leggiadre:
le vecchie e laide lasserei altrui.

Cecco Angiolieri





PS vi invito ad andare a visitare il post di SR, stiamo discutendo quale iniziativa intraprendere per ridare visibilità alla storia di Niki. Io sono dell'idea che rimandare altre e mail a Napolitano o ai politici in generale è inutile e sinceramente non meritano più l'attenzione da parte nostra.

Sono dell'idea che dovremmo rivolgerci all'autorità competente visto in nuovi risvolti come il rinvio a giudizio alla persona che ha ripulito l'appartamento di Niki dopo la sua morte. Chi vuole può proporre idee qui. Un ringraziamento particolare a SR che ha lanciato l'iniziativa.

11 commenti:

enrica ha detto...

Caro Inka,
Cecco Angioleri è un piacevole ricordo di liceo...
Per quanto riguarda le iniziative per Niki, penso che tutto serva.
Bisogna continuare a tenere viva l'attenzione sul caso se non si vuole che finisca nel dimenticatoio ma ho scoperto per esperienza che rivolgersi ai canali competenti è ciò che alla fine produce risultati efficaci.
Ci sono molti canali che possono essere utilizzati e che sono interessati dai fatti. Il Ministero di giustizia, la magistratura, il Tribunale Europeo dei Diritti Umani, I rapporteur delle Nazioni Unite per i Diritti Umani. Tutti questi canali, però, hanno un iter e se non c'è un avvocato competente che sappia quali percorrere e come percorrerli, si rischia di sprecare tanta energia senza ottenere nulla o, peggio, di bruciare delle opprtunità.
Io penso che la cosa più vitale adesso sia proprio di garantirsi la collaborazione di un bravo avvocato che abbia esperienza di battaglie per i diritti umani.
Se è una questione di soldi, allora dovremmo creare un'associazione che raccoglie fondi solo per questa causa... La strada è lunga, impervia e molti diranno che non conviene etc... ma non è vero. Non c'è mai una vera buona ragione per smettere di combattere per cose del genere. Non è solo per Niki ma per chiunque altro si sia trovato in una condizione simile e per tutti quelli che verranno...

l'incarcerato ha detto...

Grazie Enrica, condivido pienamente quello che dici. Probabilmente se non c'è via di uscita, saranno le prossime mosse!

Tua madre Ornella ha detto...

INKA,

Hai interpretato perfettamente con questa poesia ....
IL MIO STATO D'ANIMO!!!!!!


Un bacio
Ornella

sR ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
sR ha detto...

ciao inca,
mi ha chiamato daniele e mi ha aggiornato sulla vostra proposta.

sono in attesa di nuovi risvolti

l'incarcerato ha detto...

Daniele manderà giù una bozza, vediamo cosa esce fuori ;)

Ernest ha detto...

Credo che ogni mezzo e' utile e vada usato, concordo con Enrica.
Un saluto inka e ancora un grazie per quello che stai facendo

upupa ha detto...

tenetemi sempre presente....

luce_ab ha detto...

Io ci sono, sia per le lettere alle autorità competenti, sia per qualsiasi iniziativa che ovviamente pubblicizzerò nel mio blog e nei siti che frequento:più siamo meglio stiamo.
Fatti dire che sei veramente un fuori classe.
E poi citare Cecco Angiolieri è veramente di classe!:-)
Un abbraccione e grazie di esserci

sospesanelviola ha detto...

che bella poesia ;)un inno alla vita!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Beh faremo un appello che per ora non sveliamo più di tanto..... :-))) Seguiteci che presto ci sarà il post....Come già sappiamo tutti e tre.