domenica 14 marzo 2010

Petrolio

«La liturgia continua nel programma stilato nel cuore del nostro democristiano nuovo, che, liberatosi da un fascismo, non intende (a parole,almeno in parte ) cadere in un fascismo nuovo, che è innominabile. Stavolta si tratta di un "esame di coscienza" esercitato all'interno del proprio essere; un'"autocritica" il cui oggetto è il "parassitismo" che è un problema esclusivamente tipico di chi è al potere: per comodità del lettore traspongo la prosa nel suo reale schema di "cursus" recitabile secondo il modello dell'omelia, o del "Mistero":

Il fenomeno del parassitismo riguarda tutti coloro che
di volta in volta,
in cambio di un determinato guadagno ricevono beni
o servizi che ne valgono assai meno,
o addirittura intasano senza ceder nulla e tutto ciò fanno:
o sfruttando particolari posizioni di monopolio o quasi monopoliooooo,
o tempi difficiliiiii,
o altrui bisogni pressantiiiiii,
o ignoranza dei richiedentiiii,
o deficiente sorveglianza dei soprastantiiiiii,
o esecuzioni trasandateeeeee,
o non rispetto di giorni e di orari di lavorooooo,
o pratiche fraudolenteeee».

Dal libro Petrolio purtroppo incompiuto di Pier Paolo Pasolini (pagina 528-529)




8 commenti:

sR ha detto...

quanto ci manca...
anzi quanto ci mancano quelli come lui...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Grande passo. E grande amarezza per il panorama attuale che Pasolini vedrebbe con orrore.

la Volpe ha detto...

ciao, ti lascio un'altra buona notizia, ci vogliono anche queste no? sono lo stimolo immancabile per continuare a lottare

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2010/03/15/news/i_detenuti_della_dozza_imparano_un_mestiere_tre_di_loro_gi_assunti_dal_carcere-2672286/?ref=rephp

Guernica ha detto...

Non so cosa scriverebbe Pasolini oggi...

P.S. Alla prossima trasferta romana ti avverto allora :)

Anonimo ha detto...

Genial post and this enter helped me alot in my college assignement. Gratefulness you seeking your information.

upupa ha detto...

Quanto mi sarebbe piaciuto conoscere i suoi commenti alla situazione disastrata di questo momento...

Tua madre Ornella ha detto...

Pasolini Inka,
si vergognerebbe come noi attualmente di essere italiano....

Un bacio
Ornella

Efesto ha detto...

Il dramma di questo nostro misero paese e che la maggior parte dei suoi abitanti è convinta che prima o poi avrà la fortuna di incontrare "il Picone" di turno che lo farà entare nel magico mondo degli amici degli amici. Perchè lottare per abbattere questo sistema clientelare, quando è meglio darsi da fare per trovare l'entratura giusta?