domenica 17 gennaio 2010

Manifestazione a Livorno: prima manifestazione contro le vittime del sistema carcerario senza egemonia partitica.

Nasce qualcosa di nuovo, e senza la solita strumentalizzazione politica. Una dedica speciale per due grandi mamme le quali stanno combattendo senza l'aiuto dei partiti : Ornella Gemini e Maria Ciuffi.

http://www.youtube.com/watch?v=x3X3e-3u2A0



Questo è il vero cambiamento. Per ottenere una verità, e senza secondi fini. E quanto mi dispiace non esserci stato...

Ora si va avanti, e con gran forza.

Specialmente dopo la notizia, proprio durante questa grande giornata, dell'ennesimo "suicidio" nel carcere: un invisibile detenuto nel carcere di San Vittore.


Leggete anche il racconto interessantissimo di Ornella Gemini, una delle principali protagoniste della manifestazione ben riuscita di ieri: http://nikiaprilegatti.blogspot.com/2010/01/niki-aprile-gatti-e-tutti-livorno-con.html

Ps: potrei parlare dello schifo di alcuni personaggi che stanno sempre in bocca alla massa "antagonista" e che io fino a qualche tempo stimavo. Potrei parlare del tentativo non riuscito di monopolizzare il movimento. Di un giornale che leggevo fin da piccolo e che consideravo il migliore, il quale fa un apertura vergognosa come quello di ieri. Ma le delusioni, quando il senso civico matura, sono inevitabili.

13 commenti:

ebbada ha detto...

gentile signore, l'unico giornale nazionale ad essersi interessato - prima, durante e dopo - alla manifestazione di Livorno è LIBERAZIONE. che è anche l'unico quotidiano ad aver scoperto e tenuto SEMPRE alte le notizie riguardanti molte delle morti in carcere. mi spiega che senso civico ci sia a postare note sgrammaticate e confezionate come messaggi mafiosi contro l'unico giornale che si accorge del dolore e della solitudine delle madri? mi spiega che cosa ci sia di civico nell'impedire che una manifestazione - ossia uno spazio PUBBLICO - venga agita con modalità decise collettivamente da chi aderisce? mi spiega cosa ci sia di civico nell'insulto gratuito nei confronti di altre madri di ragazzi uccisi dallo stato colpevoli solo di non essere d'accordo sulla gestione della piazza? l'unica strumetalizzazione in atto a livorno è stata quella di pochi hanno cercato di imporre a molti una modalità di stare in piazza. e, infatti, eravamo molti meno di quanti potevamo essere.
non si dovrebbe usare un blog come fosse un sasso da lanciare da un cavalcavia, perlopiù nascosti dall'anonimato. lei è convinto di aiutare una battaglia, quella delle madri di niki e marcello, ma forse è solo un modo per nutrire il suo ego smisurato. le battaglie di verità e giustizia hanno bisogno di essere condivise da uno spettro quanto più ampio di cittadini altrimenti la gente resterà sempre sui marciapiedi a guardare (quello che è capitato ieri a Livorno) ma lei sarà convinto di aver assistito alla nascita di qualcosa di nuovo. non c'è nulla di più vecchio della presunzione, dell'ignoranza, del settarismo, della solitudine delle madri. cose vecchie almeno quanto la violenza assassina degli apparati dello stato che, finché ci sarà chi guarda il dito anziché la luna, saranno sempre più feroci e indisturbati
.

l'incarcerato ha detto...

Lei inizia con gentile, ma poi mi da dello sgrammaticato ed egocentrico. Dovrebbe sapere che il pregiudizio è la fonte di ogni forma di intolleranza e razzismo.

Lei dovrebbe prima leggere tutto quello che ho scritto su questo blog, così capirà che molto probabilmente parlo con cognizione di causa, soprattutto quando parlo delle morti dentro il carcere. E tra quelle storie ce ne è una che mi coinvolge anche personalmente.

Il giornale Liberazione, organo del Partito di Rifondazione Comunista, con il tempo si è rivelato un quotidiano allineato con l'informzione generale.

Quell'informazione che decide anche come manovrare le masse antagoniste; e il caso Cucchi è un esempio eclatante. Poi è inutile che approfondisca la storia dell'informazione e controinformazione, lei che sicuramente è una persona informata conoscerà benissimo la vasta letteratura in tal senso. Uno tra questi è l'anarchico Orwell.

La manifestazione di ieri è stat indetta da Maria Ciuffi, non da Rifondazione e giustamente non ha voluto nessuna bandiera.

Ma nessuno ha chiesto la tessera o altro, tutte le persone di buona volontà hanno aderito con senso civico.

Lei, pseudo gentile lettore, sa benissimo che l'assemblea succeduta al corteo serviva per stabilire un documento condiviso.

Di solito in democrazia, come avviene in qualsiasi struttura, si mettono all'ordine del giorno dei progetti e poi si votano. Mica si abbandona l'assemblea solo perchè la maggioranza dei partecipanti
( quasi tutte le famiglie delle vittime) non hanno accettato(e per fortuna) quel documento.

I tempi cambiano per fortuna, si evolve; e man mano la gente prende coscienza e non vuole più farsi strumentalizzare da quei Partiti che continuano a fare i soliti giochetti di potere e per questo destinati a non arrivare nemmeno al due per cento.

D'altronde non è la prima volta che vuole egemonizzare i movimenti, i social forum sono falliti per questo motivo.

Per fortuna ieri è stata sventata questa ennesima situazione.

Poi lei non mi pare che si sia firmato, quindi dare dell'anonimo a me è davvero ridicolo.

ps se conosce qualche giornalista di Liberazione, gli dica che le inchieste su Niki non sono capci nemmeno a farle. E se hanno qualche dato, almeno avessero la decenza di indicare le fonti.

Ma hanno smesso di approfondire la storia perchè è molto più complessa, e che coinvolge anche il garante dei detenuti che guarda caso è di sinistra.

Che continuassero a trattare il caso Cucchi , cOme fecero con AldovrandI. Casi che nessuno se ne è voluto occupare, vero? Poi si chiedono pure perchè vendono poco.

l'incarcerato ha detto...

E comunque non mistifichiamo la realtà solo perchè è stata una manifestazione non indetta dal Partito- La partecipazione è stata superiore alle aspettative.

Tua madre Ornella ha detto...

Caro Inka,
ti ringrazio anche a nome degli altri familiari (e non solo di Maria Ciuffi) ci siamo sentiti questa mattina (con tutti) e nella regione Toscana ieri non si è fatto altro che parlare della Manifestazione !!!
I maggiori quotidiani hanno dato largo spazio a questo evento, unico !!!
I NOSTRI FIGLI FINALMENTE HANNO AVUTO VOCE!!!
Non raccogliere commenti anonimi,
lasciamo perdere le polemiche sterili e cerchiamo invece di raccogliere i frutti di tante campagne sudate da noi (compreso tu, Daniele e gli altri nella rete)
per sensibilizzare tutti al problema delle carceri, ed il risultato è stata la piazza di Livorno.
Inka, poniti un unico interrogativo:

- Ma se tutti erano più bravi di Maria Ciuffi, perchè non è stata organizzata dagli altri, prima, una manifestazione di questo genere?? (perchè lì dentro si continua a morire...)

Ringraziamo tutti noi familiari presenti a Livorno Maria Ciuffi, perchè ci ha permesso di metterci in contatto, poi, quello che faremo in seguito, strada facendo sarà reso noto.
Un abbraccio
Ornella

upupa ha detto...

Scusami incarcerato,permettimi di dire ....
Per ebbada...non mi sembra che nel suo "testo" regni sovrana la grammatica,tanto meno la sintassi!!!!!!!!!!!!
Perchè offende così stupidamente?
I commenti servono per "costruire"...
per "crescere"...lei non fa nè l'uno nè l'altro..Il suo sport preferito è offendere?

sR ha detto...

sento puzza di coda di paglia...


Ottimo post incarcerato!

Alessandro Tauro ha detto...

Non mi permetto di addentrarmi nel dibattito perché non posso dire - colpevolmente - di aver seguito l'intera vicenda con la stessa attenzione, la stessa profondità e lo stesso interesse che ha dimostrato finora L'Incarcerato (e che, da un punto di vista strettamente limitato, ho trovato migliaia di volte più accurata e solida di quanto fatto finora dalla stampa nazionale di ogni tipo, impegnata come sempre a trattare i casi dei decessi in carcere secondo curiosi ordini di priorità).

Mi permetto solo di dire che nel post dell'Incarcerato non ho trovato arroganza o termini offensivi, e né tantomeno note sgrammaticate (che trovo comunque un futile e superficiale argomento di critica).
Ho trovato solo il ragionamento critico di chi si è dimostrato strettamente legato alle vicende che sono state protagoniste della manifestazione di Livorno.
Un ragionamento legittimo e nei pieni confini del rispetto e del civile diritto di critica.

E che di certo non merita un commento di risposta così rabbiosa.

Guernica ha detto...

Incarcerato...è tanto che ho deposto la stima per quei personaggi e giornali...siamo NOI la voce.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

"La manifestazione di ieri è stat indetta da Maria Ciuffi, non da Rifondazione e giustamente non ha voluto nessuna bandiera."

Potrei partire da questa tua affermazione, Incarcerato,per dire che già non ci sarebbe da aggiungere altro. Non era una manifestazione indetta da paritti e apartitica voleva restare.

Condivido anche la tua amara riflessione, perché ci sono dati di fatto incontrovertibili.

A prescindere cmq da ogni polemica, credo che sia più che giusto e positivo che un'eventuale associazione che nasca da questa manifestazione di sabato, sia assolutamente apartitica e fatta solo da queste "madri coraggio" che lottano disperate per avere giustizia e veder riconosciuta la verità, una verità che già si conosce ma che non vogliono ammettere.

cometa ha detto...

Rifondazione è andata al governo.
Il mondo è cambiato? Voglio dire: è cambiato in meglio? Almeno un pochino?
Lo dico con molto dolore...

Per il resto quoto completamente Daniele.
Un abbraccio. cometa

Aly ha detto...

Sono contenta che la manifestazione sia andata bene, sono contenta che queste madri coraggio abbiano fatto sentire la loro voce di fronte ad uno Stato che penso sembri enorme e insormontabile quando senza un perchè ti rapisce il figlio, il fratello, il nipote.. e ti fa perdere nei meandri della burocrazia infinita.

Per quanto riguarda il resto, dal messaggio di ebbada alla tua e alle altre risposte, non mi voglio addentrare; non perchè non abbia un parere o una mia idea, lo sai che milito in Rifo e penso che in questo tempo un pokino ci siamo conosciuti, ma perchè penso sarebbe fuori luogo.
Penso sia più importante dare spazio a queste madri e soprattutto ai loro figli.
un caro saluto

Anonimo ha detto...

http://www.destradipopolo.net/?p=1569

e ho detto TUTTO.

Meditate gente, meditate. prima di sparare sulla "croce rossa" della Rifondazione.

l'incarcerato ha detto...

Non capisco dove voglia arrivare caro anonimo, ben venga se ne parla anche un sito di destra e anche in maniera critica. Noi non dobbiamo avere l'esclusiva su nulla. Specialmente sul dolore delle madri.

E comunque siete stati voi a sparare a zero sulla manifestazione, visto che avevate criticato l'organizzazione. Ma lei ha sentito come si è volta l'assemblea dopo la manifestazione? Se lo faccia raccontare bene.