venerdì 23 ottobre 2009

Omicidi di Stato: ennesimo ragazzo morto in carcere.

A Roma hanno arrestato un ragazzo perchè deteneva venti grammi di droga, dopo una settimana di detenzione è finito in ospedale.

Ed è morto.

La sorella ha trovato il suo corpo in condizioni spaventose, lividi dappertutto, occhi che gli uscivano dalle orbite. Ora sarei curioso come si giustificano le guardie carcerarie, si è fracassato la testa da solo? Si è inalato del butano ed è andato fuori di testa? Oppure più verosimilmente è stato picchiato fino alla morte?

Viviamo in un periodo terribile, la repressione è in esponenziale aumento e le carceri sono diventate luogo di morte. E le associazioni che si occupano dei detenuti quando si decidono a parlare degli omicidi che avvengono nelle carceri? Che li continuano ostinatamente a chiamare suicidi, e non si capisce il perchè? Se solo stilassero una lista di morti sospette si accorgerebbero che questa è diventata una vera e propria emergenza sociale.

Questi omicidi di Stato sono un vero e proprio bollettino di guerra, e noi stiamo a guardare.

Maledetti!

12 commenti:

la Volpe ha detto...

da rabbrividire

e ci sarà anche gente che penserà "uno di meno"

meschina quella persona che ha bisogno di provare sulla sua pelle il dolore per incapacità di provare empatia per le sofferenze dei propri simili

aleph ha detto...

Sai che facevano gli Spartiati affinchè gli Iloti ( la popolazione locale invasa e sottomessa e resa schiava...)non diventassero troppo numerosi e quindi pericolosi? Si inventavano di tanto in tanto un pretesto per attaccarli e massacrarli, oppure una o due volte l'anno istituivano un 'prova' di valore dei giovani spartani che dovevavo uscire di notte e sgozzare più iloti che potevano. Vinceva chi ne sgozzava di più...Così il numero restava sempre costante... Allegria!

angustifolia ha detto...

assassini bastardi frutto di un sistema di merda!

stefania ha detto...

Le associazioni saranno sovvenzionate da chi non vuole che si dica la verita'
Uno Stato che incute terrore e' uno stato che uccide, che cuce la bocca, che pilota le menti........
ciao iNC, sono addolorata per i tanti avvenimenti cheogni giorno sconvolgono sempre di piu il nostro paese.

Tua madre Ornella ha detto...

Inka

Dobbiamo dire B A S T A
Ma quando??
Ma ci rendiamo conto di quello che sta succedendo?????????
Ma li stiamo contando???
Le Associazioni sono INESISTENTI e questo è vergognoso, le uniche che potrebbero fare qualcosa e riferire....
In Italia non esiste più NIENTE di vero!!!
Poveri ragazzi e povere famiglie...
ma vi rendete conto che lo diciamo un giorno si e uno no?????????????

G R A V I S S I M O

X Volpe
quella gente si rende conto che può accadere a chiunque????? Passiamo dall'insegnante a chi fa uso di droga a chi per una "ipotesi" di reato ..... però continuano a battere le mani a Mastella e alla moglie!!!!!!!!!!!!!!
Complimentissimi a quella gente se facessimo "uno in meno " in Parlamento lo sanno che non avremmo più neanche il Parlamento?????

MA L'ITALIA E' IL POPOLO DELL'IGNORANZA, LA CULTURA NON ABITA QUI

Con Amore
Ornella

upupa ha detto...

..."Mostrami la prigione,mostrami il carcere,
mostrami il detenuto la cui vita è andata male,
ed io ti mostrerò,ragazzo mio,mille ragioni
per cui è solo un caso se al suo posto non ci siamo noi."
Phil Ochs
Il numero dei ragazzi "morti" in carcere è osceno...dobbiamo capire che è un problema di tutti,che dobbiamo interesserarci seriamente,far rumore e "obbligarli"ad ascoltarci!!!!!!!!!!

Uhurunausalama ha detto...

I brividi,incredibile.Da ipocriti e uomini senza dignità nascondersi dietro una giustizia che è giusta solo per loro e per la divisa che indossano..

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Pensare a questo e ai sandinisti, non può far altro che portare la mia ammirazione a ciò che quella rivoluzione aveva fatto.
Lunga è la strada verso la civiltà.

Anonimo ha detto...

Scrivo anonimo perchè non sono registrato, comunque sono Juan.
Io è la prima volta che mi interesso a questo genere di problema non essendomi mai imbattuto prima;
a dirla tutta avesse anche esempio risposto male, comportato da strafottente o altro. Se stato ammazzato di botte per 20g.di "roba" è indecente.Non si possono giustificare questi atti!Sono peggio di chi arrestano, poichè loro usano la divisa per difendersi.
Questa azione non è l'ideale nemmeno della divisa che indossava chi lo ha massacrato.Deve essere fatto giustizia ed i risultati devono essere tangibili.Non parole a vanvera a cui ormai siamo troppo abituati in Italia.

l'incarcerato ha detto...

Caro Juan, anche se fosse stato il peggior criminale di questa terra, non deve essere torturato ed ucciso.

Il carcere deve essere un luogo di punizione, ma sopratutto di rieducazione.

Beccaria si sta rivoltando nella tomba.

Anonimo ha detto...

E' pazzesco! Non si può accettare che un ragazzo finisca in galera e ci muoia, per pochi grammi di fumo, mentre per gli evasori che hanno rubato milioni di euro dalle casse dello stato, c'è lo scudo fiscale! Maledetti, pagherete prima o poi... governo di merda ladro assassino! Vergognatevi!
(da Frank)

Anonimo ha detto...

tutti siamo bravi a dire ke skifo,bastardi,governo di merda,siete i politici primi mafiosi.....m nessuno fà niente.ci vorrebbe una rivolta come in francia. pensate se tutte le piccole e grandi organizzazioni criminali si mettessero a fare vera e propria guerra allo stato ed il popolo si alleasse......ma quese sn solo fantasie di uno ke la sera dopo una giornata di duro e pesante lavoro si fuma una canna x rilassarsi al massimo xkè quando dici ok ribbelliamoci poi alla fine ti trovi soo come quel ragazzo a morire ucciso di botte.io lo farei provare a ki lo ha ucciso ma li lascerei in fin di vita cn la skiena rotta in2.