lunedì 12 ottobre 2009

Niki Aprile Gatti e la sentenza del magistrato Battaglino.

Care teste di capra, come ben sapete io fin dall'inizio sto sostenendo la battaglia di Ornella Gemini per la giustizia e verità per Niki, un ragazzo pieno di vita e passione per il suo lavoro visto che fin da bambino mostrava capacità al di sopra della norma per l'utilizzo del computer, come si suol dire lui era per davvero un genio dell'informatica.

Purtroppo parlo al passato perchè è morto quel maledetto 24 giugno del 2008, e come ben sapete la sua morte è stata frettolosamente bollata come suicidio.


Un suicido confermato anche dalla perizia di "parte" eseguita dal dottor Fortuni, un luminare di Bologna che si vanta di aver eseguito una quarantina di autopsie, anche tristemente famose come quella di Marco Pantani. E se avrete la pazienza di leggere un libro inchiesta
di uno scrittore francese di nome Philppe Brunel sulla strana morte del ciclista , vi farete un idea di questo "illustre" medico. Lui che conservò il cuore di Pantani in una cella frigorifera di casa.


Un medico che si trova sempre ad assistere processi delicati e importanti,e mi ricorda vagamente un altro perito, Aldo Semerari. Anche lui si trovava dappertutto, e in tutti i processi importanti.

Ma per carità, non voglio equipararlo a Fortuni perchè lui era un criminale e fece una fine tremenda: fu ritrovato il suo corpo con la testa tagliata e custodita dentro una bacinella.

Però Fortuni lo ritroverete anche ad altri processi importanti che riguardano l'Umbria.

C'era il medico Fortuni e un' avvocatessa che faceva parte dello studio legale del dottor Umberto Guerini. Quest'ultimo è anche lui di Bologna e prese parte a processi importanti, tra cui quello della strage di Bologna.


Tutti medici e avvocati che Ornella non ha mai cercato, semplicemente arrivò un telegramma direttamente a Niki quando era in isolamento sul quale era scritto che doveva nominare tale avvocato. Ed è ovvio che Niki accettasse il consiglio dato magari dalla persona di cui si fidava ciecamente.

Mi fermo qui teste di capra, molti di voi conoscono già molto bene la storia e per chi non la conoscesse affatto, vi invito a leggere qui l'articolo di Liberazione che aveva postato tempo fa Ornella.

Mi fermo perchè questi sono giorni cruciali: Ornella sta aspettando la convocazione del magistrato Battaglino di San Marino!

Come sapete l'appartamento di Niki, situato a San Marino, fu "ripulito" di tutto. Spariti computer, mobili, tende, e tutti i vestiti, perfino mutande e calzini.


Subito Ornella denunciò il fatto alla gendarmeria e a distanza di un anno i nodi stanno venendo al pettine. Così almeno per logica dovrebbe esserlo.

Non sono state denunce ad ignoti ma sono stati fatti nomi e cognomi delle persone che possedevano le chiavi di casa e loro non avevano nessun titolo legale di prelevare e magari nascondere tutta la roba e farlo soprattutto senza dire nulla alla mamma, l'unica persona che aveva tutto il diritto a saperlo.


Non hanno avuto nessuno scrupolo queste persone, non hanno voluto lasciare nulla, nemmeno un indumento che potesse emanare per l'ultima volta l'odore di Niki. Quell'odore che solo la mamma può riconoscere.
E la cosa peggiore di tutta questa storia e che recentemente è uscito un articolo di un giornale di San Marino nel quale queste persone sono state definite "amici". Come se fosse normale che gli "amici", tra l'altro coinvolti nella truffa, si comportassero in questa maniera.

Bene teste di capra mie, purtroppo se i grandi mezzi di informazione si fossero interessati di questa storia, molto probabilmente ora sarebbe quasi scontata la sentenza del magistrato sammarinese Battaglino. Ma visto che non ha nessun riflettore puntato si di se, può anche archiviare.

E qui entriamo in gioco noi, se la sentenza sarà negativa noi la rendiamo pubblica su tutta la rete e dirò a Daniele Nalbone, giornalista di Liberazione, se ci farà il favore di pubblicarla.

Io spero con tutto il cuore che ci sarà una giusta sentenza per questo furto, perché ridarebbe un po' di dignità a questo piccolo Stato sempre al centro di brutte faccende.

Se saranno condannati, gli "amici" dovranno anche dire chi siano stati i mandanti. Perchè a quel punto, secondo una logica elementare, potrebbero essere gli stessi mandanti dell'omicidio.


Nel frattempo, e lo diciamo troppe volte, confidiamo nella magistratura.

24 commenti:

Tua madre Ornella ha detto...

Caro Inka,

Io penso che il Magistrato Battaglino non potrà asserire la notizia data dal giornale, oltre alla guerra che scateneremmo su Internet, io spero tutti siano ben consapevoli che poi se non avrò Giustizia qui, io porterò tutto alla Corte Europea, e poi ne risponderanno lì...

Io resto fiduciosa verso questo Magistrato, vedremo....

Ti abbraccio
Ornella

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Tienimi aggiornato, pubblicherò anch'io la sentenza, nel caso fosse scandalosa.
Cio Inca.

l'incarcerato ha detto...

Grazie Schiavi o Liberi per il tuo sostegno, come da sempre hai fatto.

La coerenza paga.

Punzy ha detto...

Spero tranto, per mamma Ornella, che davvero si ottenga giustizia..

Guernica ha detto...

Io spero Incarcerato.

Restiamo fiduciosi con Ornella.

upupa ha detto...

Aspetto!!!!!
Ora aspetto in silenzio...

stefania ha detto...

Eccomi sono con voi nell'affermare che non desisteremo, non ci fermeremo andremo sempre e comunque avanti.
Il magistrato dovra' sentenziare nella maniera piu' giusta tutti noi lo vogliamo, non accettiamo assurdita' scandalose.

calendula ha detto...

puoi contare su di me nel caso di sentenza non equa, ma spero con tutto il cuore che non ce ne sia bisogno e che da questa sentenza l verità arrivi a valanga su questo orrendo omicidio e su tutto quello che cè intorno

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Io incrocio le dita .Speriamo che Ornella esca soddisfatta da quell'incontro....

ALEPH ha detto...

OK. Cercherò di essere ottimista, anzi volgio essere ottimista. Ma Ornella tanto non si fermerebbe di sicuro.

Anonimo ha detto...

Ogni volta che leggo i commenti della signora Ornella, il suo blog o tuoi post che riguardano il suo caso non posso fare a meno di pensare che la sua forza , la sua persona dovrebbe essere d'insegnamento per tutti noi e mi porta sempre più ad ammirarla..

Confido ancora nella giustizia, ci spero anzi ci credo perchè TUTTI i nodi vengono al pettine e prima o poi i capelli di questa testa che si sta pettinando dovranno pur finire no?..
Si spera un piccolo passo in avanti venga compiuto con un positivo esito di questa sentenza; Io ,intanto, tengo le dita incrociate in attesa di futuri positivi aggiornamenti.

Aras

Uhurunausalama ha detto...

Coraggio,non molliamo mai le nostre lotte che sono poi ciò che ci unisce;non pieghiamoci a chi ci vuole sempre più deboli, un abbraccio forte a Ornella.

Matteo ha detto...

Ecco, i MANDANTI soprattutto, perché è chiaro che qui c'è qualcuno che ha copertura politica.

Aly ha detto...

Attendo con tutti voi, con ansia..
Nel rileggere la storia di Niki provo ancora tanto di quello sconcerto ke è indescrivibile a parole.. signora Ornella, le sn veramente vicina cn tutto il cuore.
Incarcerato, attendo notizie, così da pubblicarle ank'io sul mio blog.
un abbraccio

stefania ha detto...

Secondo me le coperture sono di vario genere non solo politiche.
Ornella e' una grande donna, penso che il suo blog un giorno possa divenire un libro.

Pierprandi ha detto...

Va da se che di fronte a un eventuale sentenza scandalosa la mia umile pagina web è a disposizione...

l'incarcerato ha detto...

Grazie a tutti voi, meno male che noi ci siamo.

Ciao Stefania, spero che diventi un libro con un gran finale e credimi, se accadrà, l'intera classe politica dovrebbe chiedere scusa...

NADIA ha detto...

Hola
sono a completa disposizione qualora ci fosse una sentenza scandalosa...
ma per una voltya cerchiamo di essere fiduciosi!!!
hasta siempre!!!

luce ha detto...

A disposizione tua e di Ornella per la pubblicazione della sentenza.
Spetiamo che non sia necessario, e che la legge sia veramente uguale e giusta per tutti.
Un caro saluto

Alessandro Tauro ha detto...

Come logica vuole, sono qui in attesa assieme a te, Ornella e tanti altri.
E condivido in pieno tutte le tue osservazioni, in primis quella sulla copertura mediatica, apparentemente irrilevante (sotto l'aspetto teorico) nei casi di procedimenti giudiziari, fondamentale invece nella realtà della cose.

E sottoscrivo l'impegno di Schiavi o Liberi al 100%. Così come l'intenzione di Ornella, in caso negativo, di portare tutto alla Corte Europea, l'ultima vera speranza per un cittadino europeo vittima della legale ingiustizia italiana.

stefania ha detto...

La casse politica, quella giornalistica, quella televisiva e tutte le teste di capra che si sono voltate dall'alta parte per non udire e vedere................
ma il sindaco di Avezzano che dice
in nmerito, e' mai andato a San Marino con una delegazione, ha chiamato qualche suo amico che siede in una delle tante poltrone, per dare notizia a cio' che e' accaduto a un suo concittadino e all'intera famiglia?
Avezzano ha un vescovo? sinceramente la mia e' una domanda in buona fede se si la curia che dice?
baci a tutti

angustifolia ha detto...

Cara Stefania, ti aspetti prese di posizione da parte della chiesa? (quei pochi parroci che si espongono sappiamo a cosa vanno incontro: nel migliore dei casi all'isolamento; stante poi udire gran bei discorsi ipocriti da parte di un sommo pontefice!)
Ci vuole un vento che spinga al coraggio e all'indignazione, che faccia crescere la dignità,
per giungere alla verità: come può la razza umana degenerare tanto!

amatamari© ha detto...

Presente.

stefania ha detto...

OH no Angus io dalla Chiesa giammai ci mancherebbe, ma in una Avezzano cosi' provinciale e perbenista forse ci stava bene.
La storia di NIKI e' una storia pesante, intrigata e bruciante per molti, scoperchiarla FA PAURA A TROPPI, ma Ornella giustamente non demorde E NOI LE SAREMO ACCANTO FINO ALLA FINE.