domenica 5 luglio 2009

L'uomo.



Le piante, da quelle di seta fino alle più arruffate
gli animali, da quelli a pelo fino a quelli a scaglie
le case, dalle tende di crine fino al cemento armato
le macchine, dagli aeroplani al rasoio elettrico

e poi gli oceani e poi l'acqua nel bicchiere
e poi le stelle
e poi il sonno delle montagne
e poi dappertutto mescolato a tutto l'uomo

ossia il sudore della fronte
ossia la luce nei libri
ossia la verità e la menzogna
ossia l'amico e il nemico
ossia la nostalgia la gioia il dolore

sono passato attraverso la folla
insieme alla folla che passa.

Nazim Hikmet



Un omaggio al grande poeta turco che per il suo credo politico, per il suo essere rivoluzionario, ha subito anche il carcere. Un incarcerato vero.

13 commenti:

upupa ha detto...

E'sempre difficile nuotare contro corrente,più faticoso,più impegnativo...
Ma è proprio Hikmet che con la poesia" Nasceranno uomini migliori" lancia un positivo messaggio di speranza sul futuro dell'uomo e del mondo e sulla capacità che avranno i giovani del futuro di costruire un mondo diverso.
sempre vigili

enrica ha detto...

Suscita sempre una grande ammirazione che riesce a scrivere della vita provocando emozioni sincere.
Enrica

Tua madre Ornella ha detto...

Inka,
bellissima poesia....
un bacio
Ornella

amatamari ha detto...

Grazie.

Bastian Cuntrari ha detto...

Splendida citazione, Incarcerato, e grazie! Avevo bisogno di un po' di umanità...

Franca ha detto...

Mi associo al commento di "upupa"...

Fra ha detto...

Torno dopo tanto tempo, e questa poesia e sempre bellissima. Un bacio grande d aun amica sempr e di corsa

Bruno ha detto...

bella, non l'avevo mai letta..... grazie

La Mente Persa ha detto...

Magnifica poesia, grazie

Aly ha detto...

"sono passato attraverso la folla
insieme alla folla che passa": penso ke questo verso sia fantastico, a me da l'idea del singolo ke rimane singolo in quanto solo lui è "se stessso" ma nel contempo forma anke la cosidetta folla.
Hikmet fu uno dei poki a condannare l'eccidio degli armeni, il nazismo e il franchismo, e x questo pagò in prima persona. Una persona coraggiosa, ke scontò sulla propria pelle l'aver seguito i propri principi morali e la propria coscienza.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

La conoscevo e la trovo splendida

emanuela ha detto...

Mi ha fatto piacere rileggerla: bellissimo omaggio

chit ha detto...

E sopratutto un incarcerato INGIUSTO!!!