venerdì 5 giugno 2009

Secondo intermezzo

Care teste di capra, il solito intermezzo di riflessione prima di continuare con questa storia Horror definita così da un mio carissimo lettore.

Ultimamente, man mano che si va avanti, ho notato un forte pessimismo cosmico da parte di molti di voi. Del tipo che la giustizia non potrà avere mai,che sono troppo forti, non arriveremo mai alla verità, e via discorrendo. E' vero non si hanno tutti i torti dicendo questo, ma ci sono diversi livelli di giustizia ai quali bisogna aspirare.

Leonardo Sciascia è un esempio per tutti noi, uno dei pochi intellettuali che ha combattuto la mafia e tutte le varie ingiustizie. Ma troppe delusioni ha avuto.

Rompe dimettendosi dal Consiglio Comunale di Palermo nel 1975 come indipendente nelle liste del PCI. Qualche tempo dopo, accetta di candidarsi nelle liste del Partito Radicale al Parlamento Nazionale. E qui si consuma la sua seconda e definitiva rottura con il mondo politico.
La goccia che fa traboccare il vaso è la sia esperienza nella Commissione Moro. Durante i lavoro di quella Commissione sperimenta in prima persona l'impotenza di chi si ostina a conoscere e far emergere la verità, scontrandosi contro il muro di gomma, l'ostracismo, l'ostilità del potere.

Alla fine si autoesclude come un corpo estraneo da un mondo dove, così come in sede giudiziaria, non vi era alcuna possibilità di fare luce sulla verità.

E allora Sciascia riserva alla scrittura il compito di mettere a nudo la realtà e la fenomenologia criminale del potere. Ma i suoi racconti non sono mai a lieto fine . Parla di una società dove era in corso una sorta di occulta e strisciante mafiosizzazione del potere politico, e tutti coloro che si ostinavano a praticare una giustizia uguale per tutti e ad indagare su crimini del potere, erano destinati alla sconfitta, delegittimati, emarginati o uccisi.

Tutto questo è vero, ma c'è sempre un ma.

Alla fine, se si rimane coerenti con le battaglie, se non ci si fossilizzi troppo sul fatto che ci sono cose troppo grandi, che il sistema intero è marcio e quindi si perde tempo, si può benissimo ottenere verità e giustizia.

Vi ricordate Graziella Campagna? Pochi sanno che qualche giorno fa è stato confermato l'ergastolo agli assassini. Si è ottenuta una giustizia individuale e la verità è stata svelata a chi si vuole informare. Anche dietro il suo omicidio c'è la solita sporca storia di mafia, servizi segreti deviati, massoneria. Ovvio che non si è andati oltre, ma alla fine ciò che interessa ai familiari delle vittime è sapere chi è stato e ridare dignità ai propri cari.

Quindi non è vero perchè se dietro ci sono cose troppo grandi, una giustizia individuale è impossibile che ci sia. C'è un altro esempio che dovrebbe farvi riflettere.

Qualche mese fa c'è stata una sentenza che avrebbe dovuto far crollare la politica intera, le multinazionali delle armi, provocare dimissioni di interi apparati istituzionali, scuse pubbliche da parte dei governi di centro sinistra e centro destra. E invece nulla di tutto questo.

Il tribunale di Firenze ha condannato il ministero della Difesa a un risarcimento di oltre mezzo milione di euro, per la precisione 545.061, nei confronti di Gianbattista Marica, ammalatosi di tumore durante la missione 'Ibis' in Somalia, dove era stato per otto mesi, dal dicembre 1992 al luglio '93, come paracadutista di leva.

Avete capito bene, per la prima volta c'è stata ammissione del nesso tra il Linfoma di Hodgkin e l'esposizione all'uranio impoverito. Ad avviso dell'esperto designato dal tribunale, le conclusioni dell'indagine scientifica compiuta dalla Commissione Mandelli, secondo cui tale nesso non può essere accertato, «sono destituite di fondamento per l'erronea procedura di ricerca utilizzata»

Care teste di capra, voi non vi rendete conto. Ma se era per molti di voi, e forse anche per me, avreste ritenuto impossibile una battaglia del genere. Eppure, avendo veramente tutto il mondo contro, sono riusciti ad ottenere una giustizia.

E allora sono convinto che un giorno, continuiamo così, arriveremo alla verità e giustizia per Niki. E sono sicuro che nessun giornale importante ne darà notizia. Non ci sarà nessuna scusa da parte dello Stato e dell'indifferenza generale dei suoi rappresentanti.
Lo sapremo solo noi per ovvi motivi, ma alla giustizia ci arriveremo. Ne sono certo.


"Incarcerato?! Hai ragione?" Si, in prigione....


21 commenti:

Bastian Cuntrari ha detto...

Ieri, in un post sulla mia "dichiarazione di voto", ne ho linkato uno tuo (di qualche tempo fa), sul lato oscuro dei radicali, che mi era rimasto parecchio impresso. Oggi parli di Sciascia che, candidato con il PR, se ne autoesclude poco dopo perché "sperimenta in prima persona l'impotenza di chi si ostina a conoscere e far emergere la verità, scontrandosi contro il muro di gomma, l'ostracismo, l'ostilità del potere".
Cosa è successo? E che parte hanno avuto i radicali (se ne hanno avuta) nel chiamarsi fuori del grande scrittore dall'agone politico?
Grazie e ciao.

Crocco1830 ha detto...

Hai ragione Incarcerato. E questo tuo ragionamento mi pare si colleghi bene al tuo post di ieri, dove c'erano tanti particolari e piccole vicende che si collegavano tra loro. Oggi inviti a partire da quelle "piccole" storie, dalle singole condanne, per ricercare ed avere una giustizia più completa.
Accetto l'invito.

upupa ha detto...

Non bisogna mai arrendersi di fronte alle ingiustizie e alle malefatte...
più si lotta e più si arriva alla verità e anche se il tempo sembra remare contro prima o poi si scopriranno gli altarini di tutti!

Tua madre Ornella ha detto...

x Bastian Cuntrari

Non sò se hai avuto modo di ascoltare Rai tre l'intervista x le europee a Pannella... sulle carceri sai cosa ha detto??? Ha invitato tutti a partecipare alla manifestazione degli agenti di custodia a Roma, perchè Agenti e Direttori non ce la fanno piu'.....

....Non hanno il problema i Detenuti....??????
IL PARTITO RADICALE.....
Ciao
Ornella

Tua madre Ornella ha detto...

x Inka,
un post positivo (????)
...quando c'è di mezzo la morte,
non c'è Giustizia che possa colmare il VUOTO....l'importante però è riuscire ad averla...
Dobbiamo fare come dice Osho e Madre Teresa di Calcutta:
-Non guardiamo la foresta, pensiamo all'albero!" in realtà poi pensando al singolo albero pensiamo alla foresta...
Se tutti facessero così.....

Un bacio
Ornella

aleph ha detto...

Và, testone di caprone, che tante volte ce lo fai venire tu il Pessimismo Cosmico!!! Mai na barzelletta, na storiella faceta, na storia dei gnocche e di gnocchi...tutti sti complotti polipeschi e ramificati, poteri occulti con riti sacrificali; ormai vedo mafiosi ovunque : ho paura del mio postino di Gioia Tauro, il mio dentista mi sembra Menghele, sento strani fruscii al telefono...che stress!
( ocio tutti come s'arrabbia mo...prrrrrrrrrrrrr).
Però contina così che vai bene.

l'incarcerato ha detto...

Ornella, forse ho sbagliato il termine. Forse "Propositivo" è il termine più adatto!

Cara Bastian, ti invito a leggere un piccolo libricino di Sciascia : "L'affaire Moro".

Però domandati una cosa, e io al dire la verità non saprei nemmeno rispondere: nel tempo i Radicali hanno sfornato certi personaggi assurdi che passano da Rutelli a Capezzone...per il resto Ornella ti ha rivelato altre ambiguità.

Crocco e UPUPA vi ringrazio perchè avete capito cosa voglio dire con questo post!

l'incarcerato ha detto...

Alpeph! Pensa che c'è sta gente che è talmente presa in paranoia che dice pure che gli arrivano strane telefonate dove gli intimidiscono di finirla. Tu non puoi capire quanta gente matta c'è in giro(Ornella ha capito, haimè, di chi si tratta).

Mo non me te impazzì pure te! :))

ps mi sà che mi tocca pure a me mettere un po' di gnocche, le visite ultimamente mi stanno calando! Berlusconi lo ha capito prima di tutti noi!

Anonimo ha detto...

x Bastian Cuntrari
e
x Pannella

A maggio 2009 siamo a 28 casi di suicidio nei carceri.

Ristretti Orizzonti commenta così: «Con ogni evidenza l'aumento dei suicidi va di pari passo con l'aggravamento delle condizioni di sovraffollamento delle carceri che - ricordiamo - in questi giorni "ospitano" più di 63.000 detenuti, un livello mai raggiunto nella storia della Repubblica italiana. Tra i 28 detenuti suicidi, 16 erano italiani e 12 stranieri; 10 avevano un'età compresa tra i 20 e i 29 anni; 9 tra i 30 e i 39 anni; 5 tra i 40 e i 49 anni; 2 tra i 50 e i 59 anni; 2 avevano più di 60 anni».

Ci sembrano i detenuti che NON NE POSSONO PIU' e non gli Agenti o i Direttori

sR ha detto...

riguardo ai radicali a me è bastata la critica che ne fa Gaber in IO SE FOSSI DIO.


Inca,
oltre la speranza e la lotta non abbiamo niente.
Quindi continuiamo a lottare e a sperare.
;)

Alessandra ha detto...

condivido la "voglia" di speranza, senza non avrebbe senso indignarsi e cercare la verità o la giustizia per tutti.
un caro abbraccio
Ale

stefania ha detto...

wow aleph concordo con te, a forza di leggere ste cose oltre che sentirmi di un'ignoranza da(TESTA DI CAPRA)........mi ritrovo a domandarmi e mo' con chi parlo, chi e' sto/a tizia che mi chiede delucidazioni....magari anche il nome di una via.
INC. parlaci oltre che di gnocche anche di gnocchi, magari non spesso ma come intermezzo. Da Or-
nella leggo che su face ho tutti nemici TRA POCO CANCELLO PURE DARIO NON SI SA MAI........scherzi a parte a me Pannella ha fatto sempre un po' schifetto.
Buon voto x domani
e se lo sbarramento si supera vi offro l'aperitivo.

Tua madre Ornella ha detto...

X Stefania
il mio voleva essere solo un avvertimento ad un utilizzo intelligente di qualcosa che è diventato pubblico...
Ma poichè come sempre in Italia bisogna toccare con mano (chiedete a Genchi cosa gli è successo per un botta e risposta su facebook...)
liberi ognuno di farne l'uso che meglio ritiene opportuno (io non vedo mostri dappertutto..purtroppo e dico purtroppo, vi parlo per cose che mi sono passate per le mani...)
Un bacio
Ornella

l'incarcerato ha detto...

Si speriamo che si superi lo sbarramento, vabbè avrete capito che io voterò per la lista anticapitalista. E di motivi ce ne sarebbero da elencare...

Purtroppo Ornella ha ragione, l'importante è stare attenti. Io ho facebook che lo utilizzo come prolungamento del blog.

stefania ha detto...

Io Inc. ti seguo a ruota, speriamo speriamo, mai come ora penso che l'astensionismo sia una cazzata immane.

l'incarcerato ha detto...

Si Stefà, ma se quelli che si definiscono di sinistra votano il PD, è meglio che si astengono. Scusami ma su questo sono molto incaz... , non capiscono che qui è in gioco veramente la sorte della sinistra.

Nessuno dice che un mese fa se non fosse per Agnoletto(prc), uno straniero che era in regola era stato messo dentro il CPT e rischiava l'espulsione. Prima ancora era andato in quel lager Minniti del PD e aveva detto che era tutto apposto.

Nessuno, ad esempio, dice che i CPT sono gestiti dalle cooperative legate al Partito Democratico. Nessuno dice questo.

Ma tanto pensate solo ad attaccare Berlusconi...

Speriamo bene Stefania, ma ho i miei dubbi.

stefania ha detto...

Mi sto svociando x far capire a molti che PD E' = A PDL, NOI LO SAPPIAMO DA CHI SONO GESTITI I LAGHER(CPT)........
Inc. per me lo sfondiamo me lo sento, non puo' essere un'altra delusione tipo l'elezione a sinda-
co.
Quel giorno anzi quella sera piansi
qaundo vidi tutte le mani tese, Roma la mia citta' medaglia d'oro x
la resistenza si era riconsegnata.
Mandai una lettera a Veltroni ma non mi ha mai risposto, in compenso
a Natale mi ha telefonato x gli auguri ed io era a Cuba...(15 euro
mi sono costati)...
Santa equidistanza santo Veltroni..
quanta bonta'...........
un beso Inc.

aleph ha detto...

Ste puntate vanno a rilento...mica ti paghiamo a tempo, ti paghiamo solo a lavoro finito!
PS. chi è che devo votare?

cometa ha detto...

Parole sante, incarcerato!
Nel sistema di potere attuale, chi governa smette di fatto le midee ed i princìpi e diventa una pedina del sistema.
Questo è successo anche a RC: hanno passato tutta la loro esperienza di governo a 90° di fronte ai ricatti di Prodi e della maggioranza, facendo inghiottire a chi li aveva eletti dei rospi totalmente indigesti: per esempio, il voto a favore delle missioni militari all'estero!!!
Aveva ragione Deleuze: una sinistra che governa smette di essere sinistra, si rinnega.
Forse anche il PD dovrebbe, per un poco, smettere di perseguire il governo per impegnarsi nell'opposizione.
Essere, e non rappresentare!
(che poi non è molto diverso da quel "Non guardiamo la foresta, pensiamo all'albero!" che cita Ornella)
Un abbraccio, cometa

Stefi ha detto...

Ciao Incarcerato!
Oggi alle 16,20, nel mio seggio, ero la 20° persona ad essere andata a votare!!.. Per abitudine ci vado la domenica, poi ho pensato: e se mi venisse un colpo questa notte??!!..;-)))
Purtroppo anche io ho i tuoi stessi dubbi...ma sperar bene non costa nulla!

Ma veniamo al tuo post.
Assolutamente è indispensabile continuare a lottare per la giustizia, nonostante i processi durino anni e come nei casi da te citati, spesso nessuno si ricordi di nomi, fatti, circostanze e concatenazioni politiche annesse e connesse...e quindi non sortiscano quel benefico effetto di fiducia!!
Ciò non toglie, realisticamente e NON pessimisticamente parlando, che il grande Sciascia è arrivato ad autoescludersi. Forse, come tu osservi, perchè non si può conseguire una giustizia individuale?? Soprattutto contro un potere così grande come la Mafia che ha già parassitato tutti gli ambiti della società?? Credo tu abbia ragione, ma sta anche nell'azione individuale, in primis, del prendere coscienza e della conseguente scelta di perseguire la verità e la giustizia... e fai bene tu a risvegliare le coscienze in questo senso!!
Dunque, buon lavoro a te e a tutti noi...!!
Stefi ¡Presente!
ps apprezzo le "colonne sonore" dei tuoi post.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Ascolta: sulla giustizia posso avere qualche flebile speranza ma é sulla politica ed i nostri politicanti che non ho più speranza alcuna.

Ciao
Daniele