giovedì 25 giugno 2009

Gianni Letta: è il momento!

Vi riporto un articolo apparso su Agoravox, un bel sito di giornalismo partecipativo dove ogni tanto scrivo pure io.

Adorabili teste di capra, voi sapete che quando faccio un copia incolla di qualcosa non mio, vuol dire che vale proprio la pena di leggerlo.


A mio avviso è un capolavoro questo articolo rivolto a Gianni Letta.
E' una persona che nasconde cose terribili nel suo armadio, scheletri e non solo, sta sempre nell'ombra , in silenzio, ma manovra il potere e nessuno se ne accorge. Questa persona è nata pure ad Avezzano, e mi fa pure un po' schifo visto come sta trattando la questione dei terremotati Aquilani. E' evidente che Berlusconi lo stanno facendo fuori anche da parte del suo enturage, d'altronde perchè rispolverare le foto di Villa Certosa vecchie di più di un anno fa? Vai Gianni Letta, è arrivato il tuo momento!



Onorevole Gianni Letta,
è giunto il suo momento. Il momento in cui si entra nella stanza, possibilmente in penombra, fresca, anche nella calura estiva, perché le mura sono spesse. Si entra e ci si avvicina alla persona che più si è voluto bene, stimato, a cui si deve tutto, o quasi. Si entra nella stanza, lasciandosi dietro il frastuono della città, della capitale politica o di quella da bere. Si entra e, mentre le carte ingombrano il tavolo e le telefonate si susseguono incalzanti, cala il silenzio più profondo. Si entra nella stanza e si recitano le parole che tante volte, nel corso dei secoli, hanno attraversato le stanze del potere: “E’ finita, ora devi andare”.

Non so dove si trovi in questo momento Gianni Letta
: se in Vaticano a districare imbarazzi noti, in Goldman Sachs a rifare i conti di tanti anni di potere, nel gruppo Fininvest a far quadrare gli oscuramenti dei TG della sera. Lo immagino alzarsi infastidito. Tutti lo cercano, ma Letta non si vede, non si sente.
Il momento è delicato.

Uomo di grande cultura, dai modi gentili e garbati, uomo ottocentesco nella gestione dei poteri, elegante, anche se parente di uno scapestrato quale il nipote Letta, ma chissà che non sia l’alfiere in bicamerale più estremo sulla scacchiera. I tacchi delle scarpe fatte a mano battono sui marmi che adornano il palazzo. Risuonano lievemente. Ma decisi.

Il momento è giunto.


Onorevole Letta, fedele al suo potere, quello vero, porta il messaggio: “Vogliono che te ne vada”. E per un attimo, il palazzinaro di Milano 2 vede in faccia la realtà. Il denaro non basta, ci vuole cultura ed eleganza. Qualità non in vendita negli ipermercati all’uscita della tangenziale est di Milano. L’onorificenza della Légion d’Honneur non la danno a tutti, non l’hanno mai data all’amico di sempre.

Ma lui non se n’è accorto.

Ha badato alla sostanza, quelle dei mattoni e della calce, l’intangibile che gestisce bene sono solo le frequenze TV, ma poi basta.

L’amico di sempre osserva il suo consigliere, l’uomo invisibile. E si rende conto. Non solo che il momento di andarsene è giunto. Ma che alcuni dei suoi amici, ricevute da lui le possibilità, le hanno sapute cogliere e mettere a frutto. Diventare altro, all’ombra del potere. Letta osserva i vari Bonaiuti, Bondi, Ghedini: piccoli, lontani dalla vera luce. Non posso neanche sfiorarlo. Anche se tutti questi hanno il dubbio.

Non c’entra la sinistra, non c’entra l’australiano di Sky, no. Proprio no. Le complesse trame ottocentesche nascono da tutt’altra parte. Non lo ha ascoltato prima, neanche gli altri. Inebriati dal potere. Ubriachi. Letta no. Il potere va gestito con sapienza, efficienza, mano giusta e progressiva. Non solo per piccoli interessi personali. Letta sa che la forza di una nazione intera aumenta il proprio potere personale, ma non il contrario.

Onorevole Letta entri in quella stanza, pronunci le parole che ormai sono attese, e faccia pulizia. Hanno avuto la loro chance, la loro possibilità. E l’hanno sprecata. Lo sa anche lei. Non sono venuti alla sua scuola di antica diplomazia. Hanno preferito altre scuole di dubbia moralità. Qualcuno si è permesso anche di schernirla dicendo che l’età degli imperi era finita da molto. Come si sbagliavano.

Entri in quella stanza. I suoi servigi saranno ripagati con la stanza più alta, quella del Quirinale. Lo sappiamo tutti che sarebbe meglio Lei che Napolitano a rappresentarci. E’ giunto il momento, che cali il sipario.

Ps: Si ricorda? Lei ha fatto anche un cameo nel film di Alberto Sordi: Io so che tu sai che io so. Profetico, quasi. E si ricorda, Alberto Sordi cantava “Maramao perché sei morto” mentre le telefonava?


Sergio Nazzaro




21 commenti:

il monticiano ha detto...

Credo che Sergio Nazzaro ha colto proprio nel segno ed a te va il ringraziamenro per averlo inserito nel tuo blog
Il personaggio gianni letta non è quello che appare ma quello che è in realtà: subdolo e pericoloso.

calendula ha detto...

bellissimo articolo,sono anni che mi chiedo chi cavolo sia questo Gianni Letta che è ben visto da tutti gli affidano incarichi ( che sembrano di secondo piano) da tutte le parti... apre la bocca lui ( poche volte) e sembrano tutti daccordo.. ogni volta mi dico MA CHI CAVOLO E??? mi ha sempre dato l'idea del burattinaio....e ora so di non essere la sola a pensarlo... certo che sono proprio intelligente ??!!!!! hhahahah

Anonimo ha detto...

http://www.energiamessinese.it/gianni-letta-indagato-per-business-sullimmigrazione-e-non-solo

l'incarcerato ha detto...

Aldo hai ragione, Letta è un personaggio pericoloso. E brava Calendula, hai fatto benissimo a porti tutte quelle domande...

E ringrazio l'anonimo per aver postato questo link che riporta ad un inchiesta del magistrato, uno dei pochi che non guarda in faccia a nessuno. Ma vedo che nessun giornale, come al solito, ha riportato questa notizia che ancora una volta porta alla trasversalità del malaffare. E Letta appare il collante, si capisce benissimo che non si è limitato solo sul business dell'immigrazione.

Ma tutti zitti, meglio parlare dei festini...

Crocco1830 ha detto...

Gran bel pezzo. Davvero gran bel pezzo.

Bastian Cuntrari ha detto...

Sì, Letta è una sorta di Cardinal Mazarino del XXI secolo. Un'eminenza grigia alle spalle del pupazzone al potere. Pericoloso...

upupa ha detto...

Bellissimo articolo...
e come lo ha descritto bene!Ma pietà..un altro personaggio viscido...e fosse solo viscido!

marus ha detto...

certo che quando ogni speranza nei cittadini scema... non so se vederlo come "male minore" o come un "tanto paggio tanto meglio" o piuttosto come "mmmmah!?"
Intanto ,da buona testa di capra, mi accontento di un "Beeeeeeehhhh!!!"

Gatta bastarda ha detto...

bel pezzo... davvero!

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Per soddisfare qualche curiosità, Gianni Letta è stato per molti anni il Direttore de "Il messaggero", proviene cioè dal giornalismo. Ciò, in sè, non chiarisce la fonte del suo potere, ma si capisce che è un buon osservatorio che si può usare come trampolino di lancio, e lui è stato lanciato proprio in alto...
Comunque, Letta lo vorreei buttare fuori prima possibile dalle stanze del potere, è un personaggio pericoloso: stia distante il più possibile lontano dal colle più alto!

Guernica ha detto...

Bellissimo l'articolo!
Grazie Incarcerato.

Fa abbastanza schifo anche a me.
Io vorrei giovare da un avvicendamento politico, ma mi sa proprio che all'orizzonte non si vede nulla di buono.
Di nuovo.

Punzy ha detto...

letta mi ha sempre inquietata e parecchio, anche
il dopo berlusconi mi fa paura

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Letta é antidemocratico, subdolo e legatissimo al Varicano. Senza scrupoli, bravo a resistere nel tempo.

Una minaccia concreta per il dopo che esca allo scoperto o continui ad operare nell'ombra.

sR ha detto...

Infatti più che di Berlusconi adesso dobbiamo guardarci dai suoi infidi delfini e da coloro che hanno sempre agito nell'ombra (Letta...).

Ma, ripeto nuovamente, non pensiate che a sinistra siamo messi meglio!
Avete sentito l'ultima uscita di D'Alema sull'Irlanda? leggete...

bravo inca, ottima segnalazione.

l'incarcerato ha detto...

Vero caro Sr, poi di re " a sinistra" è un privilegio per loro. Se D'Alema , Fassino, Franceschini, La Torre sono di sinistra io allora che sono? Un brigatista?

Se vai alegger eil link segnalato dall'anonimo vedrai che bel ruolo ha Letta in molte questioni. Quella più schifosa è sugli ex CPT, e vorrei segnalare a chi ancora pensa che il PD sia il male minore che quei lager sono gestiti dalle cooperative. Cooperative legate al PD.

Mi fanno schifo, ma la gente si sta svegliando piano piano.Per fortuna.

♥gabrybabelle ۶(๏̯͡๏)۶ ha detto...

Hemmmmmmm,forse debbo convicermi che il terzo del patto scellerato sia lui? Aveo letto il pezzo su
Agovarox(frequento ...frequento..)ma ancora mi debbo convincere meglio,di che parlo? di quel che t'ho risposto nei commenti al tuo,che qui ti riporto!!!



@Incarcerato:
[[E preoccupiamoci del dopo cara Gabry, perchè dopo saranno ancor più dolori. AL varco ci sono altre persone che lo stanno aspettando per sostituirlo degnamente!]]

@Daniele:
[[ora la resa dei conti sta arrivando anche se un eventuale dopo Berlusconi mi preoccupa altrettanto.]]

Entrambi i vostri commenti hanno un minimo o massimo denominatore comune,mafia e fascismo che hanno sempre interagito ed è una balla che Mussolini aveva sconfitto la mafia, semplicemEnte se stavano con lui bene,altrimenti li ha fatti fuori,SI,ma con lo stesso stile!!

Oggi,devo individuare solo il terzo che ha stretto il "Nuovo patto scellerato della santa alleanza POST Berlusconi"
Di sicuro ci stanno 1° La Russa(e da qui il rientro in pompa magna del gran consiglio del fascismo")
2° udite udite,quel mellifluo,scivoloso,bavoso, lekkatarzanelli di Bondina Not Bond...

Il ridicolo è che nemmeno il nano se n'è accorto.Al contrario l'ha premiato,gli piace cosi' tanto farsi leccare che non bada
ai fatti e alla storia."Quando il diavolo t'accarezza l'anima vuole" E l'immeritevole Bondina, altro che anima vuole.
Dopo aver fatto lo zerbino per anni,aspetta la gloria,MA sara' vana gloria,con un socio come La Russa,figuriamoci,al massimo passera' qualche altro anno a leccare il tarzanelli di un'altro buco,ma sempre di lecca lecca si tratta
Dopdichè c'è il terzo soggetto,che ha stretto il grande patto,per "dismettere il re,"il Kapo' de noaltri.
Aspetto gli eventi,un'idea ce l'ho ma la mira non è precisissima,so' aspettare!!
Nel frattempo ci guardiamo il "Nuovo siparietto del Nano"
Ordina al suo subalterno di scrivere di "vecchi scandali alla corte del Parlamento, con Escort, nel suo "giornale"
Dopdichè fa' dichiarazioni di solidarieta'' CON GLI STESSI CHE HA TENTATO DI DIFFAMARE.
Meno male che non cisono cascati e hanno respinto entrambi al MITTENTE LE FINTA SOLIDARIETA'!!!

Tipico esempio mafioso,un po' come si fa con le donne.Prima le usano,con lusinghe,con piccoli regali,poi,dopo l'uso se osano fiatare,diventano Zoccole,puttane,personaggi misconosciuti,di cui non ricordano nemmeno il volto,e se non bastasse? Be,semplice,si passa all'azione.Macchine bruciate,persone che svaniscono nel nulla ,e ,semmai fossero ritrovate,sono morte ammazzate in qualche pozzo.silenzio assicurato.
La mafia è sempre andata d'accordo con il fascismo,stessi metodi,ricordate? l'omicidio Matteotti(ma mille altri esempi si potrebbero fare)
Prima la denigrazione e se non funziona,via alla sentenza di morte!!

p.s. Da tanti anni,per varie ragioni che non sto' qui a descrivere NOI tutti lo chiamiamo e lo chiamano "Piumino" per il suo fare leggiadro,ma si sa
"Pugno di ferro,in guanto di velluto"

Chissa' che non sia veramente lui il terzo,staremo a guardare(e ascoltare e origliare,come sempre........)

Tua madre Ornella ha detto...

Inka
i tuoi post meritano sempre un complimento....(e questo è pure di Avezzano.....)
Un bacio
Ornella

sR ha detto...

Leggere prego...
http://www.ilballodisanvito.com/2009/06/17/pure-gianni-letta-indagato-per-business-sullimmigrazione-e-non-solo/

Future ha detto...

Bèh, se Gianni Letta Presidente della Repubblica significasse qualcosa di buono per l'Abruzzo, dimenticato da tutti ormai da anni, quasi quasi sarei contento!!! Tanto, alla fine, un manipolatore vale l'altro.

l'incarcerato ha detto...

Future! Qualcosa di buono per l'Abruzzo? Ma scherzi? Ma hai visto come si sta comportando con i terremotati?

Letta è più pericoloso di Berlusconi. E se dico che nasconde cose molto poche chiare, stanne certo che devi credermi sulla parola...poco chiare è un eufemismo!

chit ha detto...

Se ne parlava già tempo fa quando tutti indicavano Fini come vice-premier. Io credo che siano invece personaggi come lui e Bonaiuti a tirare le fila di tutto, Silvio è solo "il mezzo" e... non solo inteso come statura!? ;-)