domenica 10 maggio 2009

Mabrika Mimuni si è uccisa. Vergonamoci!

Guai a voi che puntate il dito contro le altre nazioni ove dite che i diritti dell'uomo vengono calpestati.
Guai a voi che avete il coraggio di affermare che siamo un esempio di civiltà, magari superiore a tutte le altre.

Che siate maledetti tutti quanti!

L'altro ieri una donna tunisina di nome Mabruka Mimuni, che da ben venti anni lavorava qui in Italia, si è impiccata nel Centro di Identificazione ed Espulsione (ex CPT) qui a Roma, a Ponte Galeria.

Si è ammazzata perchè l'indomani sarebbe stata tradotta in Tunisia, una terra non più sua, irriconoscibile per lei, dove sarebbe stata sola e abbandonata.




Che siate maledetti tutti quanti!


Stava facendo la fila in questura per rinnovare il permesso di soggiorno come tutti gli altri. La polizia l'ha presa e sbattuta dentro quella specie di lager.


Guai a voi che provate a criticare Guantanamo, le carceri Turche, oppure i fondamentalisti islamici.

Una donna che lavorava, che contribuiva al benessere della nostra schifosa Italia è stata indotta ad uccidersi. Che sia fatta chiarezza, spero che qualche giornalista non si limiti a riportare la notizia ma che scavi a fondo in questa balorda storia.

E ora, invece di far finta di leggere questo mio post, ascoltate la testimonianza diretta di una donna reclusa in quel Centro criminale e vergogniamoci tutti quanti.

Critichiamo i tedeschi che durante il nazismo osservavano con indifferenza il fumo uscire dai campi di concentramento.

E noi?

ASCOLTATE:


http://piemonte.indymedia.org/attachments/may2009/diretta_cie_roma.mp3


ATTENDO CHIARIMENTI!

Lei ha un figlio che qui in Italia la festa della mamma, per lui, sarà un incubo perenne.

16 commenti:

pablito ha detto...

Non è un suicidio, è un omicidio.
E' una vittima dell'ideologia falsamente securitaria e realmente razzista, per cui un "clandestino" è automaticamente una persona pericolosa e da cui difendersi, ergo privo di diritti.
I nuovi ebrei, insomma.

NADIA ha detto...

HOLA
CHE SCHIFO!!!

BEH......Il "Presidente" non vuole un'Italia multietnica e questo è il modo di eliminarli.....
che pena!!!

Blogger ha detto...

Maledetti noi.
Blogger

Tua madre Ornella ha detto...

Inka
...........................
...........................
............................
...........................
...........................

Ornella

marteresa ha detto...

Mi sto vergognando, molto....ma non basta!!!!!!
.........................

stefania ha detto...

Lo abbiamo saputo Inc. che dolore, che vergogna, che senso d'impotenza che provo, mi sento quasi correa nell'assistere a tutti
questi omidici.
Siamo non solo razzisti ma NAZISTI,
taciamo avvaloriamo con il nosto immobilismo e mutismo, tutti i crimini che si stanno perlretando in questa nostra Italia.
Chiaro che dal letame nascono anche dei fiori e ce ne sono che stanno dando voce a quanto e' avvenuto, promuovendo sit-in, manifestazioni e dibattiti, ma siamo in pochi troppo pochi che riconoscono in questo paese leggi razziali, quelle che hanno aperto la strada ai lagher.
I barconi del mare ora vanno direttamente nei lagher libici, bene finalmente gli Italiani si sentiranno sicuri e liberi nella loro nazione.
Ti abbraccio Inc. sempre con grande affetto.

aleph ha detto...

Mi vergogno si. E comincio a dire basta alle chiacchere. L'ho appena scritto. Mi astengo d'ora in avanti di commentare dando ragione o dandoci ragione. Lo sappiamo che qui siamo tutti d'accordo. Cominciamo a muoverci piuttosto.

l'incarcerato ha detto...

"Molti stavano male, alcuni avevano delle gravi ustioni, le donne incinte erano quelle che ci preoccupavano di più, ma non potevamo fare nulla, gli ordini erano quelli e li abbiamo eseguiti"


No, dovevate rifiutare l'ordine! Siete complici di un eccidio, come le SS che eseguivano "solamente" gli ordini!

Tua madre Ornella ha detto...

Concordo con ALEPH

MA QUANDO???

Ornella

riri ha detto...

Concordo con Aleph.

upupa ha detto...

.CARO INCARCERATO...PURTROPPO QUESTI BALORDI HANNO IMPARATO BENE DAI TEDESCHI...FACINOROSI-OMICIDI DELLA SECONDA GUERRA...MA NOI CHE CI PROCLAMIAMO UN PAESE CIVILE? AGUZZINI !

amatamari ha detto...

E' finita la campagna elettorale. E' iniziato il regime con i suoi morti.
Bastera' scendere in piazza? Non lo so, almeno proviamoci.

stefania ha detto...

Si Inc. complici, complici, complici........di un eccidio.

Rosa ha detto...

Sai come ha commentato il presidente della commissione sicurezza del Comune di Roma, Fabrizio Santori?:
"Il centrosinistra sta cogliendo a pretesto un evento luttuoso per architettare una polemica stucchevole sui provvedimenti di sicurezza". Ma ti rendi conto?
Fra l'altro oramai è noto come questi centri di accoglienza sono diventati sempre piu' centri di reclusione mascherata.
Solo qualche giorno fa si è appreso che, il 4 marzo scorso, in un altro centro di identificazione ed espulsione,esattamente quello di Bologna, un'altra donna tunisina di 40 anni sarebbe stata picchiata mentre andava a prendere medicinali. Secondo la querela presentata dalla donna, un ispettore si sarebbe avventato contro di lei e l'avrebbe fatta cadere a terra e trascinata per i capelli.
Per la questura ( pensa un po'), sarebbe stata la donna ad essersi buttata a terra.
Ma in che mondo viviamo?

Ribelliamoci, prima che sia troppo tardi!

cometa ha detto...

Ognuno deve prendere posizione.
Il 23 maggio ci sarà una manifestazione nazionale per dire da che parte stiamo. Perché i lager sono sotto gli occhi di tutti e noi non possiamo dire, come i tedeschi sotto il Nazismo, che "non sapevamo". O siamo tra i torturatori o contro.
http://www.dachepartestare.org/

E poi, prendiamo posizione anche quando andiamo a votare.
Piero Fassino ha dichiarato che il respingimento degli immigrati senza permesso «non è un’idea improvvisa, non nasce oggi. È un’azione di contrasto e di dissuasione dei clandestini che è prevista in tutti i documenti dell’Unione europea. E l’Italia l’ha applicata anche» ai tempi dei governi di centrosinistra.
E' ora di dirlo, di gridarlo: chi vota PD è tra gli assassini!Ognuno si prenda la propria responsabilità.

chit ha detto...

Provo solo profonda amarezza per vicende come questa. E impotenza!