lunedì 6 aprile 2009

Un immane tragedia

Esattamente 94 anni fa, nella mia terra, la Marsica, fu devastata da un forte terremoto. E anche a Roma si sentì , tanto è vero che crollò la statua di San Paolo dall'alto di San Gio­vanni in Laterano, e quel­la di San Pietro, che sor­monta la colonna Antonina,addirittura girò su se stessa. Avezzano fu rasa al suolo, rimase in piedi solo una piccola casetta e morirono centinaia e centinaia di persone. Numerosi bambini morti e altrettanti divennero orfani.

Ma il popolo abruzzese ha una grande forza di volontà e, nonostante le immani sofferenze, hanno pian piano ricostruito tutto.

Questa notte drammaticamente si è ripetuta la storia, e questa volta all'Aquila, un paese meraviglioso, piena di storia e grande cultura. E' avvenuta un immane tragedia, una forte scossa distruttiva ha provocato numerose vittime: fino adesso sono novantadue!

E probabilmente sono molto di più. E tra le vittime anche molti bambini.


Vi prego di una cosa, per il rispetto dei miei conterranei, non facciamo polemiche squallide e inutili. Purtroppo il sisma non si può prevedere. Prendiamo atto che il governo si sta comportando bene ed è intervenuto immediatamente.

Che prevalga il buon senso.

Per la diretta qui:


Video

28 commenti:

♥gabrybabelle ۶(๏̯͡๏)۶ ha detto...

hai ragione incarcerato,la tragedia è immane ma c'è chi veramente grazie al "Random"l'aveva previsto un grande terremoto in quella terra-Certo non si puo' essere esatti al millesimo ne' nei modi(scala mercalli) ne' nei punti esatti,ma di sicuro sto' poveretto
(Giampaolo Giuliani) era stato denunciato per "Procurato allarme dalla protezione "pochissimi giorni fa'!!!!!!!MA!(ESCLAMAZIONE FORTE E DUBBIOSA SU CERTI SOGGETTI!!!!

Gap ha detto...

HO PUBBLICATO LA LISTA DEGLI OSPEDALI DEL LAZIO DOVE E' POSSIBILE DONARE SANGUE. OGNUNO SI PREOCCUPI DELLA PROPRIA REGIONE

Marco Iannello ha detto...

Nn riesco proprio a capire il motivo della denuncia di Giuliani. Adesso si dovranno ricredere

l'incarcerato ha detto...

Grazie Gap, ottima iniziativa. Non voglio sbagliarmi ma mi pare di aver capito che hanno detto di stoppare le donazioni perchè in queste ore è arrivato tanto ma tanto sangue. Se è vero ciò dimostra che esiste tanta ma tanta umanità!

Gabry, ti voglio bene ma quello che dici sono polemiche inutili anche perchè è scientificamente impossibile stabilire quando e a che ora può avvenire una scossa.

Pensiamo ora in cosa possiamo renderci utili!

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Concordo sul tuo invito a non polemizzare. Solo un'eccezione: il terremoto é vero non lo si può prevedere ma lo si può prevenire.

Edifici che non siano fatiscenti, scuole che non cadano a pezzi già in situazione di normalità; edifici antisismici con tutti i crismi. Ecco queste cose sono importanti.

Menomale che almeno nell'emergenza i soccorsi sembrano arrivare a quanto leggo anche da te con tempestività.

Ciao
Daniele

princicci ha detto...

anche io sono sgomenta per l'accaduto , il pensiero va alle vittime , ai bambini a tutti coloro che sono vivi per miracolo ma hanno perso tutto!!!!!pregherò per loro.....un bacio a te incarcerato sempre così attento! claudia

La Mente Persa ha detto...

Anche io ho letto che c'è già abbastanza sangue.
Sto cercando di capirci meglio qlcosa

upupa ha detto...

.caro incarcerato...anch'io vorrei pregare le tante persone a non polemizzare inutilmente...è il momento di aiutare gli altri,di farci sentire vicini,di accogliere le tante richieste di aiuto....
Sono persone che hanno perso tanto,e non parlo delle "cose"...Non è il tempo delle polemiche,è il tempo della solidarietà...a queste persone manca anche l'acqua....immagniamo la situazione...e agiamo!!!!!!!!

Alessandro Tauro ha detto...

Sull'ipotetica affidabilità di "moderni sistemi" di valutazione preventiva dei sismi, sull'opportunità di stanziare fondi per le costruzioni anti-sismiche anziché facilitazioni per aumenti di cubature, etc. si potrà discutere, ci sarà tutto il tempo disponibile, ma non in questi momenti, non oggi.

Oggi non possiamo che prendere atto della tragedia, partecipare al dolore di quelle decine e decine di persone in lutto, assistere alla tragedia esterefatti e darci da fare per quanto ci è possibile.

Le polemiche e le discussioni, per quanto eventualmente legittime, dovranno aspettare.

pierprandi ha detto...

Per quello che può servire mi stringo almeno idealmente vicino alla popolazione abruzzese, colpida da questa tragedia, e concordo con te , niente inutili polemiche ma tanta solidarietà per chi sta soffrendo. Un caro saluto

Uhurunausalama ha detto...

Sono d'accordissimo con te!!!che le strumentalizzazioni politiche rimangano fuori da questa tragedia:non serve a nessuno!

Elsa ha detto...

un grande dolore...
Elsa

l'incarcerato ha detto...

Comunque, al di là che serva per il terremoto, donare il sangue è sempre utile, soprattutto per far fronte a qualsiasi altra tragedia o semplicemente aiutare altre vite umane.

Donare il sangue è sempre utile, quindi ottima l'iniziativa di GAP.

Tua madre Ornella ha detto...

Caro Inka,
non si possono sentire gli aggiornamenti del numero delle vittime....
quanto dolore ...

Ti abbraccio
Ornella

Anonimo ha detto...

Ho sentito amici di Pescara: molto spaventati ma si sono già attivati con protezione civile per dare disponibilità ad accogliere i senzatetto.
Le tragedie impongono l'abbondono di qualunque sterile polemica, l'unica cosa che si può offrire, se non aiuto materiale, sia la solidarietà.
Stefi

Bastian Cuntrari ha detto...

Incarcerato, quando affermo che hai un'onestà intellettuale al di sopra della media, non sbaglio: nonostante le tue note posizioni affermi che "...il governo si sta comportando bene ed è intervenuto immediatamente".
Sei una bella persona.

NicKappa25 ha detto...

HAi ragione che si devono evitae polemiche inutili. E non è certamente questo il momento delle discussioni teoriche.
Però mi sembra doverosa una discussione sulla questione antecedente, riguardo al tecnico Giuliani, alle denunce e alle offese che gli son piovute addosso, e soprattutto all'operato di prevenzione che chi di dovere ha posto in atto in base alle informazioni che si potevano avere.

Non si tratta certo di strumentalizzare una realtà drammatica o di impurae responsabilità politiche. Ma serve chiarezza. Per capire se è stato fatto il massimo, e se si può far ancor di più per il futuro nell'opera di prevenire o attutire l'impatto di questi eventi tragici.
Così credo io...ciao Inca.

Anonimo ha detto...

Io ho avuto l'esperienza della valnerina e poi quella del 1998 in umbria. Saltavo nel mio letto con il mobile che camminava per la stanza. E' una sensazione allucinante, il tempo è infinito, la paura è enorme. Ti rendi conto dell'impotenza di fronte ad una cosa più grande di te. La paura e lo shock per i sopravvissuti richiede tempo per essere superata, ma poi è superata se nella tragedia c'è anche la morte di persone che ami? E'desolante e le parole sembrano così poca cosa.

Silvia ha detto...

Eppure erano tre mesi che, in quell'area, si susseguivano scosse: i sopravvissuti non fanno altro che raccontare che loro se lo aspettavano tutto questo.

Sono annientata da questa tragedia: per le vittime, le famiglie, gli sfollati, i dispersi.

L'Aquila mi è molto cara: ci sono stata due volte, nel 2005 e 2006, e la porto nel cuore. E ora la devastazione.

L'ho sentita chiaramente, alle 3,32, la scossa: un rombo spaventoso. L'Apocalisse.

Che Dio ci aiuti.

Punzy ha detto...

caro, polemizzare non serve, sono d'accordo.
ma ricordo che a napoli, durante il periodo del bradisismo, molti sismologi studiavano il fenomeno e riuscivano ad allertare la popolazione, non prevedendo il sisma vero e proprio ma fornendo informazioni piuttosto ampie, temporalmente parlando, sui periodi di attività sismica più intensa.
ma il bradisismo é un fenomeno diverso
ciò che salvò molte vite, allora, fu la sensibilizzazione delle istituzioni sull'argomento, che provvidero a rinforzare palazzi, scuole, ospedali
comunque, mia madre ha una carissima amica, all'aquila; tre giorni fa, impaurita dalle continue scosse, é tornata con i suoi due bimbi piccoli da sua mamma a napoli. questa notte, la loro casa è crollata. non hanno più niente ma almeno possono raccontarlo
cos'altro dire?
mi riservo, per il momento, il silenzio

il viandante ha detto...

Un dramma che ha - per chi come noi scrive - il sapore di una morte senza alcun senso, di una tragedia priva di riferimenti.
Per il rispetto e la pietà, condivivo il silenzio.

Sabatino Di Giuliano ha detto...

Oggi solo... ciao!
Saba

l'incarcerato ha detto...

per l'anonimo, è vero ora le parole sono proprio poca cosa.

Il fatto atroce, oltre le 150 vittime, è che per molti anni l'Aquila sarà una città vuota, desolata, senza anime.

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie