giovedì 30 aprile 2009

La grande festa dei lavoratori. Decisamente e orgogliosamente di parte!


Dedico questa festa ai lavoratori del recente passato che già a 12 anni facevano i minatori. E morivano presto di tumore o nella migliore ipotesi contraevano la silicosi, malattia che comunque fa morire.

Ai contadini di un tempo, quelli che lavoravano duramente per conto dei latifondisti e non prendevano un soldo. E allora il mio pensiero va ai "cafoni", quelli descritti da Silone in "Fontamara".

Questa festa, nata grazie alle lotte operaie per aver conquistato le 8 ore al giorno, la dedico ai lavoratori stranieri in nero, che lavorano fino alle 12 ore. E anche a noi perchè alla fine non si lavora mai solo otto ore.

Ai lavoratori stranieri che muoiono nei cantieri per mancanza di sicurezza, morti che nessuno reclama perchè tanto loro non esistono. Ancora ai lavoratori stranieri che vengono qui a fare lavori umilissimi, e quei pochi soldi che guadagnano li spediscono per mantenere le loro famiglie. E difficilmente si potranno rivedere.

Dedico questa festa agli operai di Porto Marghera, quelli del petrolchimico. Che si vergognavano di abbracciare i propri figli perchè la puzza che portavano non si levava. E che poi sono morti di cancro grazie alle sostanze chimiche che lavoravano. E quindi lo dedico ai familiari delle vittime per l'amianto, ed è in corso un grande processo contro quei grossi e balordi imprenditori che hanno causato più di tremila vittime. Ma il picco delle morti deve ancora arrivare.

Questa giornata la dedico ai lavoratori che trascorrono le loro intere giornate al lavoro, che non possono fare una giusta vita sociale, che non riescono a leggere un libro, che non hanno la forza nemmeno di fare l'amore con la propria compagna, e per questo motivo nascono anche delle crisi di coppia.

Dedico questa giornata agli innumerevoli omicidi bianchì, un vero bollettino di guerra. Ai lavoratori precari, che fanno un lavoro senza alcune garanzie, dove si ha paura di ammalarsi perchè non prendono un euro durante la malattia. Dove le ferie sono un incubo, perchè sarà un mese non retribuito. Dove le donne, se sono incinta, lo nascondono il più possibile. Perchè rischiano il licenziamento.


Questa giornata la dedico anche a quei ragazzi meridionali che per scampare dalla mafia e dalla povertà si arruolano nell'esercito. Molti di loro sono morti per delle guerre ingiuste e inutili. Tanti di loro sono morti di cancro perchè sono stati esposti senza protezione nei territori altamente radioattivi. Dedico questa giornata ai ricercatori che qui in Italia non vengono valorizzati e guadagnano pochissimo, e allora sono costretti ad emigrare. Dedico questa festa ai lavoratori che anche il primo maggio sono costretti a lavorare, perchè ci sono tante aziende che potrebbero essere chiuse ma è meglio guadagnare di più, non si sa mai!

Si può parlare di sviluppo economico, di libero mercato, di PIL , di indici bancari, di recessione o sviluppo. Ma se il mondo va avanti, se il mondo produce, se questi uomini di potere possono nutrirsi, vivere in case di lusso , possono vestirsi con abiti firmati, posso improfumarsi, posso portare le migliori auto, possono essere serviti,possono divertirsi. Se possono fare tutte queste cose devono ringraziare chi le fabbrica, chi le costruisce e chi ci muore anche.

E ora, al margine di questo post, voglio ricordare che qui in Italia ci sono delle persone veramente in gamba che purtroppo devono faticare moltissimo per farsi conoscere. C'è Daniele Verzetti, il Rockpoeta, che farà uno spettacolo il 9 Maggio a Milano. Reciterà le sue poesie e come al solito affronterà, sempre recitando, temi sociali come la guerra, la politica sporca e tanto altro.

Chi può, deve assolutamente andarci. E spero che qualche persona importante lo scopra e lo valorizzi come giustamente merita.

E ora voglio pubblicare qui una canzone dei Roccaforte, un gruppo musicale che ho conosciuto tramite il loro blog. Sono ragazzi che lavorano e nello stesso tempo suonano, e piano piano sono sicuro che emergeranno.


Mi piace il titolo di questa loro canzone, 20 mq di libertà, chissà perchè....

A presto adorabili e dolci teste di capra!


31 commenti:

piccola squaw ha detto...

Grazie, grazie che ci sei e grazie per quello che scrivi. Grazie perché combatti per un mondo migliore, grazie perché mi dai speranza. Ciao e buon lavoro!

Bruno ha detto...

mi associo alla tua dedica....

ma chi sono questi signori che suonano??????
:-)
grazieeeee

andreacamporese ha detto...

Bell'intervento. Dedichiamo con un urlo all'unisono la Festa del Lavoro a tutti quelli che si fanno un culo quadro per permettere al boss di andare in giro con il SUV.
Saluti

Crocco1830 ha detto...

Il mio augurio a tutti i lavoratori. Ed in particolare a chi non si rassegna alla pace sociale.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Grazie davvero per lo spazio che mi hai dedicato. Un primo maggio che ha un significato profondo che oggi molti ovviamente calpestano.

Guernica ha detto...

Hai detto tutto caro Incarcerato.
Non posso che associarmi, perchè la mia dedica è identica alla tua.

Spero davvero che Daniele venga scoperto,in questa "povera" Italia dove tutto funziona meno che il merito e la bravura poichè fanno paura!

Mi piace molto la canzone ^_^

Buona giornata!

il_MaRtELLo_di_LuCiFeRo ha detto...

CIAO INCARCERATO!!!!

Grazie 1000 per i complimenti che hai fatto a "20 mq di libertà"

ciauuuuuuuuuuu

Tua madre Ornella ha detto...

Inka,
i miei auguri vanno
a te instancabile lavoratore!!
Un bacio
Ornella

stefania ha detto...

Questo primo maggio lo dedico ad un ragazzo speciale, bellissimo occhi azzurri e tanta voglia di un mondo diverso.
Ho conosciuto tua madre al tuo saluto, non sapevo che dopo qualche mese i tuoi fratelli avrebbero scritto.. Con Antonio e Renato nel cuore.
Ciao Antonio
con rabbia e con amore
---------------
17 gennaio 2006

Il giorno in cui è morto quel 17 Gennaio del 2006, Antonio Salerno Piccinino stava lavorando e faceva una consegna straordinaria, un favore personale ad uno dei suoi dirigenti, un viaggio fino ad Ostia improvvisato probabilmente per la voglia di dimostrare affidabilità.
Antonio è morto perchè andava troppo veloce a causa dei ritmi inarrestabili e delle pressioni emotive costanti che ci vogliono disponibili, sorridenti e veloci, sempre.
Antonio era un pony exspress, il contratto di lavoro era scaduto a fine dicembre e formalmente, quando è morto sulla Cristoforo Colombo non gli era ancora stato rinnovato.
Antonio era in nero. Il suo lavoro era quello di corriere addetto ai ritiri presso gli ambulatori veterinari, percorreva sulle strade di Roma 130Km al giorno. 14 ritiri al giorno, 3 euro per ogni ritiro in città, 5 euro per ogni ritiro oltre il Grande Raccordo Anulare e 6 euro per ogni ritiro nella zona mare comprendente Ostia, Torvajanica e Fiumicino.
E’ Indispensabile andare veloce perché l’equazione è semplice: aumentare il numero di ritiri per aumentare la propria busta paga.
E’ così che è morto Antonio. Ma Antonio non era affatto il suo lavoro, anzi. Era un ragazzo pieno di vita e di sogni. Antonio era un ragazzo di ventinove anni consapevole dei meccanismi di sfruttamento che era costretto a subire, era un precario che lottava quotidianemente contro la precarietà del lavoro e della vita.

Uhurunausalama ha detto...

Mi unisco col cuore alla dedica:aggiungerei i tantissimi disoccupati che vorrebbero un lavoro almeno dignitoso e non c'è:un incubo anche questo.
A presto!

upupa ha detto...

......e io che dico? hai detto tutto tu!!!!!!!!!!Grande incarcerato!!!!
Domani...testa alta e occhi al cielo!!!!!!!!

Alessandro Tauro ha detto...

Stupendo post, carissimo incarcerato... Davvero stupendo!
Sottoscrivo in pieno. Il migliore augurio ai lavoratori che si potesse fare!

desaparecida ha detto...

Splendido augurio...
Dove per splendido intendo FORTE!
Avevo voglia di abbracciarti! :)

Rosa ha detto...

Aggiungo: a tutte le donne che fanno le acrobate tra, lavoro fuori casa e quello domestico, che com’è noto, non è meno impegnativo e... naturalmente a te simpaticissimo incarcerato.

Buon 1° maggio
Rosa

Pietro ha detto...

eheh qua siamo alle sinergie tra i blog...
buon primo maggio a tutti

Maurone ha detto...

Buon primo maggio di lotta e diritti gridati forte!

Stefi ha detto...

Oggi in piazza saremo tutti quelli a cui hai dedicato questa festa e rappresenteremo quelli che sono morti di lavoro e non potranno esserci!
Buon 1° maggio a te Incarcerato!

Stefi

NADIA ha detto...

HOLA
E VISTO CHE HAI DETTO TUTTO NON MI RESTA CHE AUGURARE UN
BUON 1 MAGGIO A TUTTI!!!
HASTA SIEMPRE1!!!

♥gabrybabelle ۶(๏̯͡๏)۶ ha detto...

quoto andreacamporese,buon primo maggio Hasta Syempre

chit ha detto...

E buon primo maggio anche a quelli che non hanno un lavoro e si sentono inutili ed emarginati.

Un abbraccio e buon I° maggio anche a te e tutti i tuoi lettori!

amatamari ha detto...

Grazie, grazie davvero. Teniamo alta la memoria, teniamo alta la testa.

Buon Primo Maggio!

Tua madre Ornella ha detto...

Ciao Inka
Un bacio
Ornella

silvano ha detto...

Ciao Inka, buon Primo Maggio.
silvano.

il monticiano ha detto...

Ti ringrazio per aver salutato tutti i lavoratori: il 1à maggio è la loro festa e io mi unisco al saluto.
Ho capito che sei un'ottima persona
da quando ti ho conosciuto personalmente: un giovane blogger amico molto in gamba.
E l'hai dimostrato molte volte con i tuoi post.

Franca ha detto...

Buon 1° maggio anche a te!

pierprandi ha detto...

Buon primo maggio Inck. A presto e hasta siempre!

ALEPH ha detto...

E a me nada? Vah che so precaria anch'io, alla mia 'tenera' età...perciò son spesso incazzata. Prrrrrrrrrrrrrrrrr

sirio ha detto...

Eccomi, incarcerato.
Hai pubblicato un post semplicemente stupendo, proprio perchè veritiero.
Questa è la festa del primo maggio, è lampante che anche tu la pensi allo stesso mio modo e anche di tanti altri.

Ciao, un caro saluto!

Elsa ha detto...

fa le categorie di lavoratori da te citate... mi sono ritrovata anche io... Grazie
Io dalla tua pagina penso alla chimica di Porto Torres e Marghera in quanto il futuro è palesemente funereo. Solidale con i lavoratori e le famiglie che ieri non hanno festeggiato!!!
Complimeti per lo splendido lavoro che hai fatto:)))
Un abbraccio
Elsa

Tuya ha detto...

meglio di così non avrei saputo dire.....

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good