lunedì 23 marzo 2009

La 'ndrangheta (sesta parte)

"Ingegnere illustrissimo, abbiamo appreso proprio oggi con vivo compiacimento che la sua ditta ha avuto un bello appalto nella nostra zona. Noi siamo venuti qui a parlare con lei e a offrirle i nostri servizi. Non lo facciamo solo per noi. Dietro di noi c'è tanta gente in cerca di lavoro, povera gente che non sa a chi rivolgersi per campare. Noi siamo in grado di offrirvi tutto: automezzi per movimenti di terra, forniture per materiali da cava, pietrisco, sabbia. Lei è nuovo qui, noi invece ci stiamo da sempre e possiamo darle una mano. Non andate in giro a cercare altre ditte. Abbiamo noi l'esclusiva della zona. Perciò ingegnere non perda tempo e si fidi di noi. Non si pentirà"

Queste sono le classiche parole della 'ndrangheta rivolte ai titolari che vincono le grosse gare di appalto per le costruzioni di opere pubbliche. Negli anni settanta accade che un costruttore di Roma resiste alle lusinghe minacciose dei due immancabili visitatori che gli piombano addosso il giorno dell'appalto. E poiché il costruttore ha detto "no", egli comincerà a ricevere innumerevoli telefonate, anche nel cuore della notte. L'ingegnere insiste nel rifiuto e le telefonate si fanno sempre più incalzanti.

Ma c'è di più!

La ditta , in Calabria dove il lavoro manca, non trova chi sia disposto a lavorare alle sue dipendenze: non ci sono camion nella zona per il trasporto dei materiali, nessuno ha bisogno di un occupazione! Poichè l'ingegnere è un duro decide di far venire tutto da Roma, mezzi e uomini. Finalmente pone mano alla costruzione dell'opera pubblica di cui ha ottenuto l'appalto. Questo è un caso realmente accaduto, e si tratta quello dell'acquedotto dell'Alaco nella piana di Gioia Tauro.

Ma non finisce qui il calvario.

Non passa una settimana dall'inizio dei lavori che in quel cantiere irrompe una squadraccia di sette o otto uomini, a viso coperto, armati di mitra. Impongono agli operai di lasciare gli attrezzi, di tornarsene immediatamente a casa se non vogliono rimetterci la pelle. Gli operai ovviamente ubbidiscono e l'ingegnere, non avendo nessun sostegno da nessuna parte, deve sospendere l'attività.

Il lavoro sarà ripreso solo con un intervento estremo, con l'impiego dei caschi blu. Giorno e notte, pattuglie di agenti e di carabinieri, armi in pugno, sorvegliano il cantiere perchè non sia oggetto di nuove scorribande mafiose.

Quello fu l'unico intervento estremo dello Stato.

Perchè era il periodo che si stava formando la Santa e da lì in poi la 'ndrangheta è entrata nel tessuto economico dell'intero Paese, e soprattutto è entrata in collusione con la politica.

Quindi da molto tempo oramai si sono "progrediti" e non hanno bisogno di minacciare i costruttori, perchè non adoperano più nell'ombra e si siedono nello stesso tavolo e discutono su chi assegnare gli appalti. E come vi ho ripetuto fino allo sfinimento: non solo in Calabria, ma in tutto il Paese. E anche il resto del mondo.

Proprio qualche giorno fa, sono stati effettuati venti arresti per associazione per delinquere di stampo mafioso, detenzione e porto illegale di armi da guerra e comuni da sparo, tentato omicidio, estorsione e concessione in subappalto di opere riguardanti la pubblica amministrazione, tra cui le linee dell'amata TAV.

E questo in Lombardia, dove le 'ndrine di terza generazione puntano decisamente all'imprenditoria. Passando dallo spaccio di droga alla ricerca di società "legali" per investire guadagni illeciti.

Insomma, secondo il procuratore Minali che ha condotto l'inchiesta, oggi la 'ndrangheta punta dritta dritta a Piazza Affari.

E, a proposito di riciclaggio di denaro sporco attraverso le società legali, alla prossima puntata vi parlerò dell'Umbria, definita la regione verde(forse un tempo). E sarà una bella bomba.



Ora guardate questo video, ascoltate bene cosa dice l'ex boss della 'ndrangheta, specialmente quando rivela il ruolo dei servizi segreti . Si tratta dei rifiuti tossici. E anche se non viene nominata, quello era il periodo in cui Ilaria Alpi venne uccisa...




Aggiornamento

Ora ho appreso con tristezza che Genchi è stato sospeso dal Capo della Polizia. Salvatore Borsellino dichiara: ora è pronto per essere ucciso!

Teste di capra mie, siamo in uno Stato mafioso. E' evidente che il capo della polizia "Manganelli" ha ricevuto pressioni politiche, quelle colluse con la mafia.

34 commenti:

Elsa ha detto...

proprio alla fine hai nominato Ilaria... la portiamo nel cuore.
Grazie anche per questa lezione.
Elsa

Anna ha detto...

Leggo sempre con interesse i tuoi post di informazione. Proprio l'altra sera, a cena a Marsiglia, mi sono intrattenuta in conversazione a proposito di 'ndrangheta con un giudice francese. E ho potuto parlare con maggior cognizione di causa.
Grazie.

La Mente Persa ha detto...

Seguo sempre con piacere.
Incarcerato, ne parlavo oggi, non vedo vie di uscita dalla mafia, nessuno la combatte veramente.
E' deprimente.
gio

Aly ha detto...

La 'ndrangheta sarà dura da combattere, cm la mafia e la camorra. Hanno storie lunghe alle spalle, storie di appoggi politici e compensazione di dv lo Stato non arrivava. La cosa terribile è che sta diventando cm la Yakuza giapponese: ormai gioca in borsa ed è accettata a tutti i livelli. E poi c'è la mentalità che la 'ndrangheta impone, mentalità ke purtroppo molti apoggiano e ke certe situazioni socio-economiche favoriscono alla grande. Conosco gente calabrese ke lavora qui ke dice ke la 'ndragheta nn esiste e ki ammette ke esiste dice ke "aiuta" ..ma per fortuna nn tt la pensano così.
Commossa al tuo ricordo di Ilaria Alpi, una persona troppo spesso dimenticata.

Tua madre Ornella ha detto...

Caro Inka....
.............
che dolore!!

Antonio Tabucchi ha detto:
"...Io credo che c'è una classe politica italiana che si sta calando in uno scafandro dove non vuole essere ascoltata, dove ha paura.
Dimostra molta paura!
Il fiume della storia se la porterà via presto.
Non sono eterni.
Arriverà qualcosa di nuovo, sta già arrivando... io credo di sentirlo e lo auguro a me e a voi".
(Anno Zero 05/02/2009)

Speriamo!!!

Un bacio a Ilaria e a Niki
Ornella

chit ha detto...

Mi dispiace dare ragione a Beppe Grillo ma stavolta c'ha visto giusto.
Le associazioni a delinquere? Ormai sono formate da notai, avvocati, banchieri, uomini d'affare e qualche volta, quando se ne ricordano, da qualche pregiudicato.

Riguardo all'intervista finale purtroppo non ho più nè parole nè lacrime.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Parole sconvolgenti ed un'intervista da brivido.

Rosa ha detto...

A proposito di 'ndrangheta, Ilara Alpi e rifiuti tossici, ti voglio fare leggere queto articolo.

Ciao
Rosa

il monticiano ha detto...

Se chi di dovere non lo fa il suo dovere come possiamo vivere così?
Secondo me è ormai chiaro che siamo arrivati a questo punto e chissà come e dove andremo a finire
perchè questi soggetti hanno personaggi politici potenti che li proteggono. Non si spiegherebbe altrimenti.

Punzy ha detto...

carissimo, che in italia si muovano poteri occulti a tutti i livelli ormai é cosa certa
ci vuole soltanto una forte volontà popolare per uscirne

andreacamporese ha detto...

Un intevento molto bello ed interessante. Credo che risponderò, a breve, sul mio blog con un fatto veramente accaduto al sottoscritto durante un lavoro ad Acerra, vicino Napoli.
Saluti

l'incarcerato ha detto...

Grazie dei vostri commenti.

Cara Aly, hai ragione e ti invito a rileggere tutto quello che ho scritto sulla 'ndrangheta! Questa è la sesta.

Chi mi segue ha capito che cosa è questa grande montagna di merda, e sta dentro in ogni cosa, dallo stragismo di stato fino agli omicidi.
E anche Ilaria Alpi. Assurdo ma parlando della 'ndrangheta sto percorrendo tutta la triste storia Italiana.

E purtroppo ancora non ho finito...

Cara Ornella, spero veramente che le parole di Tabucchi si realizzino. Intanto renderemo giustizia a Niki, e sai benissimo che la mia è stata una promessa!

Andrea, aspetto con ansia questo tuo post!

Grazie Rosa per l'articolo, invito tutti ad andarlo a leggere...

Angela ha detto...

post inquietanti...incarcerato, in nome dei morti e dei persequitati, resistiamo!

in_Ombra ha detto...

Appèrò. :(
grazie per l'informazione, tristemente prendo atto.

princicci ha detto...

ciao incarcerato, ho i brividi!.....ti leggo sempre con grande interesse.....claudia

davide ha detto...

d'altra parte la ndrangheta è la più grande impresa di costruzioni al Nord,uè..non cominciamo a criticarla,altrimenti addio lavori per l'expo del 2015!^_-

Tua madre Ornella ha detto...

Incarcerato,
non lo uccideranno Genchi...sarebbe troppo evidente.
Lo ridurranno all'inutilità psicologica, a difendersi continuamente ...penso sia uno stillicidio... umiliazioni... es. togliergli il tesserino, l'arma, sospensione dall'arma ....Ti sembramo cose da poco per chi ha creduto in quel corpo??
Speriamo si decida a parlare davvero, qui c'è bisogno di passare dal virtuale al reale ....

Gandhi: "Siate voi il cambiamento che volete vedere nel mondo"
.......
Con Amore
Ornella

Bastian Cuntrari ha detto...

Traccheggio sempre un po' prima di leggere i tuoi post sulla 'ndrangheta, perché mi fanno male. Ma poi cedo e, con dolore, ammetto che la politica dello struzzo non funziona: nenche con la semplice informazione. Bisogna sapere e conoscere, anche se il cuore sanguina.
Su Genchi: è terribile, ma ho fatto la stessa considerazione di Borsellino...

Pietro ha detto...

Chi tocca i fili muore, speriamo che non sia così per Genchi.
Certo che 'sto paese fa proprio schifo

Uhurunausalama ha detto...

Non ho parole per Genchi ma non mi stupisco:sono solo conferme a ciò che dici e che penso anche io:stato mafioso!!basta vedere la fine che fanno coloro che osano parlare...
Come sempre post interessantissimo e illuminante:GRAZIE!
Ora è anche tutto più chiaro del perchè berlusconi vuole costruire case su case!!!

Aleph ha detto...

Concretamente : possiamo combattere contro un potere occulto ( neanche tanto) così diramato, organizzato. connaturato, connivente e armato ? E'così 'umiliante' tutto ciò...Basta la coscenza, una cultura etica e la conoscenza contro un potente esercito armato?
Quanti si sono immolati per questo? E' giusto che pochi coraggiosi si immolino da soli?
Vedrei un'unica soluzione...

l'incarcerato ha detto...

VI CHIEDO UN AIUTO: CHI DI VOI SA IN QUALE SITO E' POSSIBILE SCARICARE IL MEMORIALE DI DE MAGISTRIS? L'INCHIESTA WHY NOT DI OLTRE 1000 PAGINE?

GRAZIE!

cometa ha detto...

Ciao! Ci sono ancora, non ti preoccupare, ma ho avuto qualche problemino, che sta rientrando, ed alcune cose che mi hanno tenuto occupato. Sono molto commosso della tua premura!
Su Ilaria e Milan ho letto proprio in questi giorni anche questo:
http://www.liberainformazione.org/news.php?newsid=6621
Per il memoriale di De Magistris, ho il ricordo vago di avere visto il link da qualche parte, ora vedo se riesco a ricostruire dove...
Vorrei dire alla signora Ornella che spero abbia ragione su Genchi, perché effettivamente sarebbe più efficace screditarlo completamente, ma è anche vero che spesso la mafia ha dato un messaggio attraverso l'assassinio di certi personaggi.
Un abbraccio, cometa

Silvia ha detto...

Dire che sono delle metastasi è poco...Che schifo!

Andrea ha detto...

Intervista incredibile... grazie .

upupa ha detto...

....caro incarcerato...la mafia la 'ndrangeta e la camorra sono la piaga del nostro paese...ma fino a quando il potere è ....quello che tutti conosciamo...le cose non potranno altro che peggiorare...

Nicolanondoc ha detto...

Incarcerato e voi rideto e voi rideto
ahahahahah, vi capisco dietro le sbarre non è facile corteggiare le donne ahahahah......un giorno...quando avrete questa opportunità di essere libero ahahah potremmo anche andare a cena voi ed io....magari al cambio ed eventualmente scortati ahahahahah.
Ti abbraccio.

andreacamporese ha detto...

Mi sono permesso di citarti e linkarti nel mio ultimo intervento.
Complimenti ancora per il blog

Saluti

Sabatino Di Giuliano ha detto...

ho pensato che in qualche modo ognuno di noi potrebbe fare qualche cosa, di piccolissimo, per impdire il fiorire di questo schifo, ma a volte mettiamo la testa sotto la sabbia per non avere problemi.

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Un passaggio veloce per salutarti,concordo sulla situazione lager dei Cpt,un paese che si rispetti adotterebbe gli obbligatori accertamenti verso chi sbarca,ma in un contesto dignitoso e umano.

Sulla Calabria,che dire,è una regione dove il territorio è in mano alla criminalità organizzata.

Un abbraccio condiviso,

&& S.I. &&

NADIA ha detto...

hola,
che schifo che schifo che schifo!!!
che schifo di paese che siamo!!!

Rosa ha detto...

Ciao incarcerato!
Forse questo ti può essere d'aiuto ?

stefania ha detto...

Inc. ti leggo e come sempre ho di te una grande considerazione, sei un grande.
un abbraccio grande

l'incarcerato ha detto...

Grazie del tuo aiuto Rosa, in realtà cercavo quello di oltre 1000 pagine! Dove parla più specificatamente di San Marino. Ma vedo che ci dobbiamo accontentare!

Stefania, grazie delle tue belle parole ma non esagerare ;)