venerdì 19 dicembre 2008

La 'ndrangheta (terza parte)

È invisibile, come l'altra faccia della luna.
Julie Tingwall, sostituto procuratore dello Stato della Florida, riferendosi alla 'ndrangheta.

A Roma era notte fonda, un gruppo di Avanguardia Nazionale si riunisce nei cantieri di Montesacro del costruttore Remo Orlandini, legato al Sid di Vito Miceli. Poco fuori Roma una colonna armata di guardie forestali proveniente da Cittaducale (Rieti) attende ordini. Un’altra unità di neofascisti entra nell'armeria del ministero dell'Interno. Un' altra ancora occupa la sede RAI. Altri ancora attendono con ansia l'arresto del Presidente Della Repubblica Saragat. Dopo di ché avrebbero applaudito il discorso del piduista principe nero Junio Valerio Borghese e subito dopo sarebbero partiti con l'uccisione e l'arresto degli esponenti di sinistra.

Ma per fortuna , e nessuno saprà il motivo, tutto questo non si avvererà. Il Principe Nero darà il dietrofront.

Del tentato golpe del 7 dicembre 1970 gli italiani ne verranno a conoscenza dopo alcuni mesi, ma pochi sono a conoscenza che il golpe Borghese era stato preparato, oltre che dai soliti servizi segreti, o dai soliti politici collusi con i poteri forti, o dalla P2 che è poi è la stessa cosa, anche dalla 'ndrangheta.
E del loro coinvolgimento ne verremo a sapere addirittura molti anni dopo dal pentito della mafia siciliana Tommaso Buscetta, questo perchè molti capo bastoni calabresi avevano la doppia affiliazione con Cosa Nostra.

Ma come mai la 'ndrangheta era arrivata addirittura ad appoggiare la destra eversiva? E soprattutto cosa aveva a che fare con la P2? Ma la domanda che dovete farvi, come mai ancora oggi, più che mai, è così forte e legata alla politica più di tutte le altre mafie?

La risposta sta in un fatto precedente al golpe Borghese. Tutto grazie ad una riunione degli 'ndranghetisti a Montalto. Quello fu un giorno " epocale" per la 'ndrangheta. Molti avvertirono la necessità di liberarsi di quella mentalità poco elastica che impediva ai boss di avere contatti e rapporti con il potere politico ed economico.

E allora, carissime teste di capra, decisero di entrare in rapporto con la massoneria deviata , ovvero far parte di quella zona grigia nella quale era possibile incontrare magistrati, poliziotti, politici, avvocati e bancari. Anzi dico che fanno di più, tramite una loro struttura interna saranno proprio loro a creare delle logge massoniche coperte.

Per fare ciò venne così creata un' enclave all'interno della 'ndrangheta, detta Santa, composta da 33 persone. E non è un caso che il numero degli appartenenti sia quello.
Trentatré è l'al
to grado della Massoneria, numero legato all'età di Cristo, Alessandro Magno o a Adi Shankara. La colonna vertebrale umana è normalmente composta da trentatré vertebre.


Approfondirei volentieri il discorso della simbologia dei numeri ma ho voluto accennarvi questo per dire che nulla è casuale.

Insomma la Santa divenne una vera e propria élite della 'ndrangheta, tanto è vero che un santista pur di salvare l'organizzazione può persino tradire la mafia stessa. Rappresenta uno stadio talmente occulto che gli aderenti non si conoscono nemmeno tra di loro.

Sono tutelati dal segreto, e anche i riti di iniziazione sono diversi. Sostituirono i mitici cavalieri Osso, Mastrosso, Carcagnosso con le figure eroiche massoniche come Garibaldi, Mazzini e La Marmora. Addirittura la Santa, per coprire alcuni personaggi che devono rimanere nel più anonimato possibile, si sotto struttura in una dote chiamata "Vangelo". E addirittura tramite un pentito si viene a sapere che è suddiviso ulteriormente in altre doti come "quintino", "quartino" e "trequartino". Creati appositamente per alcuni personaggi che volevano rimanere in un uno stato di segretezza assoluto.

Insomma capirete che la linea di confine tra la Santa e una loggia massonica deviata è molto labile, e comunque grazie ad essa la 'ndrangheta riuscì ad imporsi, assicurandosi il controllo di tutte le principali attività economiche, compresi gli appalti, e ad infilarsi nelle istituzioni attraverso l'elezione di persone di gradimento e facilmente avvicinabili.


E allora viene spontaneo dire che la 'ndrangheta non collabora esternamente con alcuni apparati dello Stato, ma ne è parte integrante.




29 commenti:

Alessandro ha detto...

Incarcerato, ti faccio i complimenti più sinceri che posso farti per questi post sulla storia della ndrangheta a puntate!
Sono fin troppo affascinanti. Mi sembra di stare vedendo gli splendidi "Blu Notte" di Carlo Lucarelli su raitre!

Complimenti davvero!!

l'incarcerato ha detto...

Grazie Alessandro, però basta con questi complimenti perchè rischi di farmi montare la testa.

Grazie a te che hai la pazienza di leggermi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Leggere questi post mi fa sperare che finchè ci sono blogger che hanno la forza di fare post come questi io voglio aver fiducia e ho fiducia nel futuro.

Ciao
Daniele

Silvia ha detto...

Più ne racconti, più questa realtà inquietante e sotterranea (quanto lo è??) mi terrorizza...

:*-(

Bastian Cuntrari ha detto...

Brrrrr...
Ma è una storia spaventosa di cui non sapevo assolutamente nulla!
Aspetto le puntate quasi quanto aspetto la 9a stagione di C.S.I.!!
Bravo e complimenti davvero!

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Caro testa di capra, continua ad aver il coraggio di raccontare e la forza di informarti.
Ciao

mau/C ha detto...

Inca non voglio imitare Alessandro ma devo dire quello che penso: il tuo è il miglior blog in circolazione
(tra quelli che ho visto); a parte questa dovuta sviolinata quello che racconti con minuzia conferma il mio pensiero sui poteri politici, occulti o meno, che si sono sempre serviti di mafiosi e camorristi per i loro peggiori scopi e che sono eticamente ben peggiori dei vari Cutolo e Badalamenti..ciò ovviamente non significa che stia giustificando o eroicizzando il crimine organizzato, ci mancherebbe solo questo: sono convinto che ci sia necessità assoluta di una rivoluzione etica individuale ed allo stesso tempo di un uomo o una donna di grande spicco e personalità che dia stimoli positivi e speranza alle svariate minoranze economiche religiose ed etniche, un nuovo Luther King o Ghandi per intenderci; in pratica l'opposto del Cavalier Stiduecoglioni.
a bientot

Luana ha detto...

BRAVO!E grazie...sono rabbrividita nel vedere il bivio, nel video, che da una parte indica Salerno e dall'altra Reggio Calabria...è una strada che conosco così bene.

Ecco perchè vedo sempre tutto collegato quando si parla della 'ndrangheta, perchè è nel sistema, tutto riporta lì e ti dirò un'altra cosa...bravo ad aver rimandato la terza parte proprio a giovedì 18, prima di Annozero, prima che si parlasse di Why Not, di De Magistris, e del grande assente di ieri sera ad Annozero: Niki, ma questa volta voglio essere ottimista e pensare che stanno prendendo informazioni il più possibile, prima di parlarne in qualche modo.

complimenti ancora!

P.S.: il libro di Massari devo averlo assolutamente, grazie per i tuoi consigli "librari" ;)

buona serata Incarcerato :)

cometa ha detto...

Pensavo che la partecipazione al golpe Borghese si fosse limitata alla "manovalanza", ma oggi mi fai intravedere ben altro.
Allora ti faccio un'altra domanda :)
come mai, a proposito degl'incroci tra criminalità e politica, fino a poco tempo fa si parlava quasi solo di mafia e camorra?

Grazie, quello che scrivi è molto prezioso! cometa

Punzy ha detto...

cometa ha preceduto la mia domanda...nn se ne parla..ne deduco che ci sia il severo monito a nn parlarne..

mau/C ha detto...

bella battuta punzy ..e mi sa che ci hai preso in pieno!
quanti pentiti hanno sfornato mafia e camorra?
...un mare,
quanti pentiti ha sfornato la ndrangheta? ....

Blogger ha detto...

Incarcerato complimenti, non sapevo niente di tutto ciò, complimenti di cuore.
Blogger

MitaMedici ha detto...

questa è la tosta realtà, il lontano, lento, inesorabilmente vicino degrado di quella, che una volta, si sarebbe chiamata dignità

Rosa ha detto...

Mi sorge il dubbio che, lo
'ndranghetista per evitare la commistione pericolosa tra
criminalità e politica un giorno abbia detto " scendo in campo".
Così facendo ha avocato a se entrambe le parti.
Eliminando alla radice il pericolo di "eventuali" pentiti.

Grazie per il tuo impegno
Rosa

l'incarcerato ha detto...

Caro cometa, la risposta è la "Santa".
E quindi ti ha risposto Punzy.

Caro mau/c, sono gli 'ndranghetisti a servirsi dei politici, non viceversa. Tanto è vero che molti di loro sono stati scelti.

Brava Luana, tu hai capito anche dove vorrei che si arrivasse...

Daniele, anche io grazie alle persone come tutti voi ho fiducia nel futuro.
Ripongo grandi speranze nell'umanità anche se viviamo in un triste periodo di forte regressione culturale.

clochard ha detto...

Ognuno a proprio modo cerca di dare un contributo al disagio sociale e soprattutto a ragionare con la propria testa.Tu lo fai in modo efficace.a presto
Clochard

Anonimo ha detto...

...Carissimo,oltre ai complimenti per la scrupolosità e la serietà dei tuoi interventi, vorrei fare una sola riflessione....fra dieci anni la storia italiana sarà "solo" una lunga lista di fatti delittuosi,di eventi malavitosi,di processi per concussione,corruzione e quanto altro possiamo leggere e vedere...
Sarà una storia ......senza storia....cosa facciamo?Lottiamo e non stanchiamoci mai di denunciare...
PS: il mio blog vuole essere solo uno spazio in più per Niki...anche perchè non lo so gestire....
sono poco..brava!!!!!!!!!!!!!
jolanda

paoladany ha detto...

So che non vuoi i complimenti Inc., ma la tua inchiesta è davvero interessante e scrupolosa.
Più leggo e più mi viene lo sgomento... ma dove viviamo?

Simone ha detto...

la faccia oscura della luna...

Barone Birra ha detto...

e io che pensavo che la 'ndangheta non esistesse...

Anna ha detto...

Interessantissima questa storia a puntate. C'è poco da commentare: ho sempre saputo delle logge massoniche deviate e della collusione di alcuni politici con le organizzazioni mafiose, ma leggerlo nero su bianco e in maniera così chiara è molto illuminante. Ciao, me lo vado a rileggere una seconda volta....

l'incarcerato ha detto...

Anna, delle logge massoniche deviate oramai ne sono a conoscenza tutti, e anche della collusione mafia-politica. Ma prima che mi interessassi della 'ndrangheta io non ero assolutamente a conoscenza della Santa. E soprattutto che sono proprio loro a formare delle logge coperte.
Per me è questa la novità.

Elsa ha detto...

già concordo...la tua testardaggne ci rende felici.
divorata anche la terzaaaaaaaaaa

pss ti aspetto...magari anche con i tuoi compagni di viaggo. parlo del Natale, ma in modo diverso dal solito, ci terrei al tuo parere...

NADIA ha detto...

HOLA!! ACCIDENTI FANTASTICO, STA 'NDRANGHETA A PUNTATE!!!!
NON SI FINISCE MAI D'IMPARARE!!!
COMPLIMENTI INCARCERATO!!!!

TI AUGURO BUON NATALE!!!!

UN ABBRACCIO E UN BESITO!!!!

natalibera ha detto...

Bravo,....sempre ricchi di spunti di riflessione i tuoi post!

Mi riprendo piano piano.....:)
un abbraccio

Gatta bastarda ha detto...

praticamente hai detto quello che ho sempre sostenuto... mafia e stato sono legate...e spesso sono la stessa cosa... certo tu l'hai detto meglio e hai spiegatpo bene come mai è così.. grazie!

Uhurunausalama ha detto...

Non saprei che aggiungere se non il fatto che l'ho letto tutto d'un fiato..complimenti!!!!

riri ha detto...

Ciao Incarcerato, ti auguro un buon natale, per come tu lo concepisci..
venire a conoscenza di fatti del genere...mette i brividi, anche se qualcosa si sa, ma così....
complimenti.

La Mente Persa ha detto...

Incarcerato grazie per ciò che scrivi sulla mafia, camorra e politica, argomento complesso ma che vale la pena di conoscere per sapere in quale mondo viviamo e poter manifestare la nostra protesta.