giovedì 20 novembre 2008

Il caso Telecom e l'ennesima ingiustizia

Vi ricordate il famoso scandalo Telecom di circa due anni fa? Era quando uscì fuori che gli addetti alla Security Telecom utilizzavano dei softwer speciali per entrare dentro le conversazioni private. E ovviamente utilizzavano le intercettazioni per ricattare politici, uomini d'affari, giornalisti. Non è una cosa di poco conto, anzi è uno scandalo che doveva far tremare il Paese intero e questa non è una esagerazione.

Tutti noi abbiamo commesso qualche pecca con il telefono, e non ditemi che non è vero. Una telefonata erotica, una conversazione con l'amante, una raccomandazione, una bella litigata feroce, insomma tutte cose che a noi gente normali non possono farci nulla. Ma la storia è diversa se ad essere intercettato illegalmente sia un politico onesto, uno che non si faccia corrompere,e quindi potrebbe dare fastidio, oppure un giornalista d'inchiesta che veramente vuole fare informazione e magari calpestare i piedi ai potenti. A loro basta che gli intercettino una di quelle "strane" telefonate e per loro è finita. Diventano persone poco credibili.


Volevo dirvi tutto questo, care teste di capra, perché tutti i principali imputati dello scandalo Telecom come Tavaroli, Cipriani, Ghioni, Bernardini, Iezzi e tanti altri, molto probabilmente, grazie al patteggiamento non si faranno nemmeno un anno di galera.
E tutto questo grazie ad un processo lampo. E non vi sembra strano tutto ciò? Per arrivare alla conclusione (tragica) del processo per i fatti di Genova sono dovuti passare sette anni, ma anche per i processi più stupidi come aver rubato un portafoglio ci si mettono degli anni. E perché tutta questa fretta per un processo così importante?. La mia è una domanda più che legittima.

Non è un caso che il giornalista D'Avanzo all'epoca dei fatti parlò di una nuova P2, e non è un caso che stranamente uno degli imputati (Cipriani) sia amico della famiglia Gelli. Non è un caso che uno degli indagati dell' epoca, un certo Adamo Bove, si sia "suicidato". E non è un caso che lo stesso Bove era un esperto di informatica ed aveva collaborato anche con il numero 2 del SISMI Marco Mancini(indagato anche lui per lo scandalo telecom) per il caso del rapimento illecito di Abu Omar. Tutto questo non è un caso se analizzassimo il tutto.


E io non sopporto che queste persone potranno ricominciare a vivere la loro vita come se nulla fosse, mentre io mi imbestialisco che un ragazzo di 26 anni come Niki lo abbiano arrestato, messo in un carcere di super sicurezza e ucciso facendolo passare ovviamente per suicidio.
Non è possibile che i suoi capi, quelli che veramente gestivano le società telefoniche che facevano da intermediari con la Telecom(sempre lei?), abbiano avuto un trattamento diverso . E intendo diverso quando dico che l'imputato numero uno (un certo Mancini, ex presidente dell' Arezzo Calcio) non ha passato nemmeno un giorno nel terribile carcere dove è morto Niki.
Non è possibile che ci sia tutta questa ingiustizia.


Ma questa volta non la passeranno liscia.

Perchè Niki ha una madre meravigliosa che ha deciso di non arrendersi, e non lo farà anche per riscattare tutte quelle morti inspiegabili le quali non hanno avuto seguito perchè non c'era nessuno che se ne interessasse. Non avevano nessuna madre speciale come lei.

Io questo post lo dedico alla signora Ornella, la madre di Niki, perchè lei non si è fatta spaventare dal chiaro messaggio mafioso quando hanno ripulito tutto l'appartamento del figlio come per dire: "Se lo deve dimenticare!".

No, Ornella non lo potrà mai dimenticare. Nemmeno io, e insieme a tanta altra gente continueremo ad aiutarla fino a quando non avrà giustizia.

Io non mi fermo, e mi dispiace, amici miei, che sto coinvolgendo anche voi in questa battaglia.
E presto chiederò un vostro aiuto. Ancora un altro. Poi un altro ancora.



28 commenti:

Tua madre Ornella ha detto...

Possibile che tu riesca a farmi piangere ogni volta???
Grazie, grazie del tuo e del vostro appoggio per me preziosissimi!!
Grazie!!!!!

clauds ha detto...

ciao!
ti aggiorno sul fatto che l'e-mail di cui parlavamo l'ho mandata per il momento a tutti i miei contatti di lingua italiana (una cinquantina), tra cui diverse persone di Avezzano.
spero che almeno qualcuno di loro si prenda la briga di far circolare la notizia.
per il post, invece, aspetto un altro po'...

davvero una donna meravigliosa la Sig.ra Ornella, una tosta che non si arrende. non sono ancora madre, ma credo di immaginare cosa si possa provare per una vicenda cosi': le siamo tutti vicini, signora.

l'incarcerato ha detto...

Grazie Clauds, sei una ragazza veramente in gamba!

E' vero, la signora Ornella ha una grande forze, ieri l'ho conosciuta e non posso non ammirarla per il suo grande coraggio e forza di andare avanti. Avezzano piano piano si sta muovendo. Con fatica, ma lo sta facendo.

Silvia ha detto...

Non devi assolutamente dispiacerti o pensare di sbagliare nel coinvolgerci in questa storia: è per una buona causa, per rendere giustizia ad un giovane di 26 anni morto ingiustamente per le porcherie di altra gente che non pagherà mai se non facciamo NOI qualcosa. Pertanto, chiedi tutto l'aiuto che devi, è nelle buone cause soprattutto che bisogna restare uniti. E poi lo si deve alla signora Ornella, lei non deve rimanere sola in questa battaglia.

Franca ha detto...

"...Ma questa volta non la passeranno liscia..."

Ne sei sicuro?

l'incarcerato ha detto...

Per franca

Vedi cara, io sono un tipo che poche cose ha portato veramente a termine, ma quando mi attivo e mi intestardisco quelle poche cose si realizzano.

Questa è una di quelle.

Luana ha detto...

questa canzone fa venire i brividi...ora comincio a capirne di più di questa storia e per quanto possiamo fare nel nostro piccolo coinvolgici pure.
Non sono mamma ancora (ma vorrei tanto esserlo), però posso immaginare che la cara sig. Ornella si senta ora come se le avessero cavato il cuore con le mani e una mamma addolorata è come una tigre inferocita, che non ha più niente da perdere, ha tutta la mia solidarietà.
Franca credo che abbia voluto dire, semplicemente che come spesso accade quando ci sono di mezzo servizi segreti deviati o mafia, è veramente difficile riuscire a venirne a capo, perchè si lotta contro un sistema, così radicato, che è difficile far vacillare. Funziona come una catena di montaggio pronta a insabbiare ancora prima che il tuo pensiero giunga a loro. Tutto qui.
E' difficile, ma non impossibile :)...non riesco a non essere ottimista, per natura :)

Uhurunausalama ha detto...

La giustizia pende sempre da un parte e non è certo la nostra,quella dei cittadini..riescono sempre a farla franca e l'indignazione pubblica è sempre molto debole!doppia vergogna!

terry ha detto...

a franca, che fa sempre disfattismo pronunciando parole, soprattutto nel campo dell'informazione, volte a deprimere l'altrui capacità di resistenza e volontà di vittoria, dedico queste, tratte da una canzone del per me grande guccini francesco:

Vedi cara, è difficile a spiegare
è difficile capire se non hai capito già...

Vedi cara, certi giorni sono un anno
certe frasi sono un niente che non serve più sentire...

Vedi cara, certe crisi son soltanto
segno di qualcosa dentro che sta urlando per uscire...

Chi non crede nella giustizia sarà sempre sconfitto; Ornella coraggio, siamo con te!

Anonimo ha detto...

per l'incarcerato....
sono la zia di niki e oggi ho letto ciò che hai scritto sul blog...sono veravente "onorata" di parlare con te ..con te che hai saputo così chiaramente dire cose che tanti pensano ,ma che ,o per paura o per vigliaccheria o per noncuranza,(perchè si pensa sempre che a noi non possa succedere)nessuno dice! Purtroppo in questo nostro "bel"paese che di bello non ha più niente,la Verita'.....?LA verita' non abita più qui ..verrebbe da dire,ma...possiamo gettare la spugna così semplicemente? Io voglio urlare questa mancanza di verità, questa non curanza di tante persone che accettano tutto quello che ci raccontano per tenerci buoni,per tenerci lontano da verità scomode che non possono essere accettate a testa bassa...Dobbiamo alzarla la testa per VEDERE,per capire, per lottare....e tu, vedo che lo fai benissimo...alza sempre gli occhi e guarda chi ti dice bugie, chi cerca di distoglierti dalle cose giuste,CHI CERCA DI NON FARTI ESSERE LA BELLA PERSONA CHE SEI...! GRAZIE DEL TUO AIUTO..NIKI LO AVREBBE FATTO CON TUTTO L'AMORE DI CUI ERA CAPACE! Jolanda

stella ha detto...

IO ci sono e ci sarò sempre per NIKI e Ornella che abbraccio.

paoladany ha detto...

Chiedi tutti gli aiuti che vuoi, io ci sarò.
Ho iniziato a leggere il tuo post e non so perchè ma il pensiero mi è andato subito a Niki, prima che tu ne parlassi.
Sarà che sono mamma anch'io... ma spero che Mamma Ornella riesca a scoprire la verità.
un abbraccio a te ed a Ornella.
Paola

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Il primo commento di Ornella, dimostra quanto sia importante il tuo lavoro.
Grazie.

Alessandro Tauro ha detto...

Ottimo post caro incarcerato!
Davvero ottimo...

calendula / trattalia ha detto...

Mi sono sempre chiesta anche io il perchè della giustizia a due velocità, ma in un'Italia in cui tutto e a due velocità.... hai scritto come al solito un bellissimo post, e la canzone di Lisa Gerrard, che io ascolto tutti i giorni perchè adoro..mi da i brividi come sempre.

cometa ha detto...

Ciao!
Mi hai suscitato lacrime ma anche rabbia.
Nel mio ultimo post ho aggiunto un link qui, perché davvero questa storia ha analogie con la sentenza di Genova, come ha giustamente fatto notare: questo sistema di potere si assolve, e noi "persone normali" (stavo per scrivere "per bene", ma non siamo noi a giudicare) a fare carne da cannone.
A mamma Ornella mando un forte abbraccio, quel poco di calore che può portare ad un cuore spezzato.
A margine, grazie per avermi fatto scoprire Lisa Gerrard.
Cometa

Luz ha detto...

Noi ci siamo e ci saremo sempre. Lo so che è come combattere contro i mulini a vento, ma non ci fermeremo, mai.
Mentre leggevo il tuo post pensavo a quanti casi in tutti questi anni della mia vita, analoghi a questi, mi sono passati davanti agli occhi. Quanti soprusi, quanti segreti. E la strage di Bologna? E quella della Banca dell'Agricoltura? Quante connivenze tra Stato, servizi segreti e delinquenza!
Avanti, sempre e comunque.
Luz

l'incarcerato ha detto...

Grazie signora Jolanda, le sue parole mi hanno commosso...

Mariarita ha detto...

Grazie per aver commentato il mio piccolo post, tra un ricamo e l'altro credo che sia un mio dovere indignarmi e scrivere ciò che penso...ora ho postato una citazione che amo molto. Come risposta a Barbara che spero capisca!!!
Grazie
Mariarita

Silvia ha detto...

Grazie dell'appoggio, caro!!!! Ma ti rendi conto che razza di gentaglia uscita dal Medioevo?? Crede che le streghe facevano i riti magici... santi numi!!!

Quella dell'opus dei è stata favolosa!!! Sto morendo dalle risate!!!!!

Grazie...

;-)

Gatta bastarda ha detto...

e noi ti diamo una mano caro incarcerato... signora ornella... faremo tutto il possibile...

Gap ha detto...

Inutile dire che ci sono, anche perchè prima o poi la finiranno di passarla liscia.

Pupottina ha detto...

troppe ingiustizie!
troppi colpevoli che la fanno franca!
il mondo in cui viviamo è sempre più deludente

il Russo ha detto...

Purtroppo è la legge del menga, in Italia chi l'ha nel culo se lo tenga...
Arabbiarsi e combattere è giusto, sempre cercando di non perdere quella lucidità che è indispensabile per affrontare questo stato di cose.

stefania ha detto...

Le donne sono Madri e le Madri sono forti, ma come dice il Russo bisogna essere ben lucidi

Fra ha detto...

Parafrasando Dylan dog "le coincidenze non esistono", soprattutto quando sono coinvolte queste persone. Io mi arrabbio e spesso stringo i pugni perchè vorrei spezzarlo questo ingranaggio assurdo,ma troppo spesso mi sento impotente e non so come fare. Tutto questo per dire che ti darò tutto l'appoggio necessario, per lo meno quello che mi è possibile.
Un abbraccio ad Ornella

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Grazie Incarcerato Leggere questo post mi fa rabbia da un lato ma mi da la voglia di lottare sempre di più dall'altro.

Pupottina ha detto...

buon weekend....