sabato 22 novembre 2008

Addio Sandro...

E' morto questa mattina a Roma dopo una lunga malattia Sandro Curzi. Aveva 78 anni, essendo nato a Roma il 4 marzo 1930. Militante del Partito Comunista, poi Rifondazione Comunista con Fausto Bertinotti, Curzi e' stato storico direttore del Tg3 alla fine degli anni '80, poi direttore del quotidiano di Rifondazione Comunista "Liberazione". Attualmente era consigliere d'amministrazione della Rai.

Alessandro Curzi era dal 2005 consigliere di amministrazione della Rai, di cui per tre mesi - in attesa della nomina del presidente da parte della Commissione di Vigilianza - e' stato anche presidente, in quanto consigliere anziano. Curzi aveva diretto dal 1987 al 1993 il Tg3.

La sua biografia
Frequentando il ginnasio "Tasso" a Roma, a tredici anni entra in contatto con gruppi della Resistenza antifascista capeggiati da Alfredo Reichlin; insieme a lui Citto Maselli, i fratelli Aggeo e Arminio Ravioli. Il suo primo articolo è sull'"Unità clandestina" per raccontare l'assassinio di uno studente da parte di fascisti repubblichini.

Le manifestazioni studentesche antifasciste sono attive in tutta Roma e Curzi collabora attivamente con il gruppo partigiano romano che opera nella zona Ponte Milvio-Flaminio.Nel marzo del 1944 gli viene concessa, nonostante la minore età, la tessera del Pci.

Nel 1947-48 lavora al settimanale social-comunista Pattuglia, diretto dal socialista Dario Valori e dal comunista Gillo Pontecorvo. Nel 1949 diventa redattore del quotidiano della sera romano "La Repubblica d'Italia", diretto da Michele Rago. Nello stesso anno è tra i fondatori della Federazione Giovanile Comunista Italiana, di cui viene eletto segretario generale Enrico Berlinguer.

Divenuto capo-redattore del mensile della Fgci "Gioventù Nuova", diretto dallo stesso Enrico Berlinguer, cura anche l'antologia per giovani "L'avvenire non viene da solo" illustrata dalla pittrice Anna Salvatore, di cui si vendono 150 mila copie.

Nel 1951 è inviato nel Polesine per raccontare le conseguenze di quella tragica alluvione e vi rimane per un lungo periodo come segretario della Fgci.

Nel 1954 si sposa con la giornalista e "compagna" Bruna Bellonzi (avranno poi una figlia, Candida, destinata anch'essa a fare il mestiere di giornalista).

Tornato a Roma, nel 1956 partecipa, insieme a Saverio Tutino, Carlo Ripa di Meana, Guido Vicario, Luciana Castellina ed altri, alla fondazione del settimanale Nuova Generazione, di cui diventa direttore nel 1957.

Nel 1959 passa a l'Unità, organo del Pci, come capo-cronista a Roma. Nell'anno successivo, è inviato in Algeria per seguire la liberazione dal colonialismo francese e intervista il capo del fronte di liberazione nazionale Ben Bella.

Divenuto caporedattore centrale e direttore responsabile de L'Unità, nel 1964, per un breve periodo, ricopre la carica di responsabile Stampa e Propaganda della direzione del Pci, sotto il coordinamento politico di Gian Carlo Pajetta.

Dopo la morte di Palmiro Togliatti, accompagna il nuovo segretario del Pci Luigi Longo alla sua prima "Tribuna politica" televisiva diretta da Jader Jacobelli.

Fonde e dirige l'agenzia quotidiana Parcomit, voce ufficiale del Pci; collabora attivamente alla crescita della radio Oggi in Italia, che trasmetteva da Praga e che, seguita in quasi tutta l'Europa dagli emigrati italiani, può contare su uffici di corrispondenza particolarmente attivi in Germania (nella Volkswagen) e in Belgio fra i minatori italiani.

Dal 1967 al 1975 è vicedirettore di Paese Sera, quotidiano della sera di rilevante importanza nella seconda parte del secolo scorso, con un grande ruolo nella rappresentazione della rivolta giovanile del 1968 e della riscossa operaia del 1969.


Nella RAI
Nel 1975, con un bando di concorso indetto dalla Rai per l'assunzione di giornalisti di "chiara fama" disposti a lavorare come redattori ordinari, entra nella redazione del Gr1 diretto da Sergio Zavoli. Nel 1976, con Biagio Agnes e Alberto La Volpe, dà vita alla Terza Rete televisiva della Rai. Nel 1978 è condirettore del Tg3, diretto da Agnes, e collabora alla realizzazione della popolare trasmissione Samarcanda.

Dal 1987 al 1993 dirige il Tg3.
Nel 1991 pubblica, con Corradino Mineo, il saggio "Giù le mani dalla Tv" (Sperling & Kupfer). Nel 1993, in contrasto con il nuovo consiglio di amministrazione della Rai (direttore generale Gianni Locatelli e presidente Claudio Dematté), si dimette.

Nel due anni successivi, dirige il telegiornale dell'emittente televisiva Telemontecarlo. Nel 1994 pubblica "Il compagno scomodo" (Mondadori). Dopo un'esperienza di editorialista quotidiano all'interno del "Maurizio Costanzo Show", nel 1996 conduce le quattordici puntate del programma "I grandi processi" su Rai Uno.

Nel Festival di Sanremo 1995 ha cantato nel gruppo La Riserva Indiana col nome Sioux di "Grande Capo Vento nei Capelli" la canzone Troppo Sole

Nel 1997, in polemica con la candidatura dell'ex-Pm di Milano Antonio Di Pietro imposta ai propri iscritti dall'allora gruppo dirigente centrale del Pds, si presenta candidato al Senato in una lista di sinistra denominata "Unità Socialista", ottenendo il 14% dei voti.

Dal 1998 al 2005 dirige Liberazione, organo del Partito della Rifondazione Comunista guidato da Fausto Bertinotti; eletto consigliere di amministrazione della Rai dalla Commissione parlamentare di vigilanza, con i voti di Rifondazione, dei Verdi e della sinistra del Pds, diventa poi per tre mesi presidente della Rai, in qualità di consigliere anziano, prima di lasciare il posto a Claudio Petruccioli.

Il 16 luglio 2008 si astiene, a sorpresa, sulla proposta di licenziamento del direttore di Rai Fiction Agostino Saccà che, come risultava da numerose intercettazioni telefoniche, aveva progettato di dar vita a un'altra azienda di fiction, concorrente alla Rai, insieme al patron della più grande azienda concorrente della Rai stessa, nonché allora capo dell'opposizione, Silvio Berlusconi.

Tratto da http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsid=88566

Scusate, ma al momento provo solo dolore per la scomparsa di un altro grande giornalista.
Sempre più smarrito.


22 commenti:

loris ha detto...

Un saluto al compagno che ha saputo darci voce.
Ciao Sandro

Franca ha detto...

Addio compagno...

Pietro ha detto...

un "onesto" giornalista

Luana ha detto...

Ciao compagno, magari ora sarai già a dissertare con Enrico Berlinguer sulla natura della sinistra odierna...siamo sempre più orfani caro Incarcerato.

P.S.: mi è piaciuto il tuo commento al mio post, hai parlato di coscienza di classe e hai centrato il problema, i lavoratori oggi sono universi a sè stanti e questo li rende ancora più deboli di quanto non lo siano già.
Quel film io non l'ho visto, ma mio fratello mi ha detto che è tanto amaro, devo vederlo!
So (o almeno sapevo) che vuol dire guadagnare 500 €, non fai nulla, ma la cosa triste è che cercando in giro questo ti propongono i datori di lavoro...tutta la vita davanti già...ma siamo tutti stanchi di essere formati vita natural durante e di autocensurarci i sogni, i progetti di vita, mentre il tempo scorre.

Ti auguro un buon weekend e ti mando un abbraccio :)

articolo21 ha detto...

Ciao Sandro.

deniz ha detto...

un saluto.

Saretta ha detto...

un saluto....

Anonimo ha detto...

ho sempre letto Curzi; ho seguito ciò che diceva e spesso mi ritrovavo con le sue parole,con le sue invettive contro un mondo che cominciava a non capire più...contro persone che guardavano solo ai propri interessi,contro le ingiustizie legalizzate...ora c'è una voce in meno..ma le sue parole rimarranno sempre nella nostra mente...buon viaggio Sandro!!!!Jolanda

Nicola ha detto...

Ciao Sandro,

Melina2811 ha detto...

a mio avviso è stato un grade giornalista ed un grande politico... cioa e buona serata da Maria

Simone ha detto...

Non stimavo il personaggio... ma il dispiacere per la perdita di una firma di prestigio rimane.

Anna ha detto...

Ho appreso la notizia al telegiornale delle 19. Non sapevo della sua malattia, ma non molto tempo fa mi domandavo come mai non apparisse più in tv, sempre commentatore attento e condivisibile.
Un compagno di altri tempi, di quelli intellettualmente onesti e dotati di passione.

Elsa ha detto...

attraverso il tuo blog...il mio saluto ad un Uomo prima che a un Compagno.

Bruno ha detto...

un altro pezzo di storia, di informazione, di politica vera se ne è andato....
ciao sandro....grazie

Silvia ha detto...

Un Addio anche da parte mia...

Buona domenica!

MioCapitano ha detto...

Mi era simpatico e trovo che avesse misura e saggezza nell'esprimersi. Tuttavia mi insospettisco quando trovo uno che è simpatico a tutti e di cui tutti parlano bene. Mi pare che se tu hai fatto cose importanti, ci debba essere un nutrito gruppo di persone che ti odia o che ti detesta.

l'incarcerato ha detto...

Quando uno muore, caro Miocapitano, viene adorato da tutti.

Falcone e Borsellino ora che non ci sono più nessuno ne parla male, anzi!
Ma se fossero stati in vita?

La risposta è , ahimè, scontata...

Silvia ha detto...

Pensa, l'11 ottobre, stavo a piazza Esedra, e l'ho intravisto dentro una macchina... la vita è così fugace...

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Un uomo ed un giornalsita serio a prescindere dalle sue idee politiche.

Una persona di una profonda dirittura morale.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Il nostro compito diventa via via sempre più importante.
Ciao compagno.

Vincenzo ha detto...

Un saluto a Sandro anche da parte mia. Era una delle poche voci libere dell'informazione...sento già la nostalgia...

Gatta bastarda ha detto...

un saluto affettuoso a sandro! ci mancherai molto!